Passa ai contenuti principali

Matteo 6:13: Non ci mettere nelle condizioni di essere tentati.

Matteo 6:13: Non ci mettere nelle condizioni di essere tentati.
“E non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno”.

Gesù dirà ai tre discepoli che lo accompagneranno nel Giardino del Getsemani poco prima del Suo arresto e morte: “Vegliate e pregate, affinché non cadiate in tentazione; lo spirito è pronto, ma la carne è debole” (Matteo 26:41). “Esporre” (eisenenkēs) è portare, condurre, si riferisce al fatto che qualcuno entri in un evento, o in una condizione, come per esempio lo Spirito di Dio condusse Gesù nel deserto per essere tentato (Matteo 4:1-11). “Tentazione” (peirasmos) si riferisce all’istigazione a peccare, o alle circostanze in cui il male è difficile da resistere, alla nostra vulnerabilità e alla debolezza nel peccare.
È importante ricordare che Dio non tenta nessuno, non istiga le persone a commettere il male, è impossibile perché Dio è santo (Giacomo 1:13), ma è sovrano sulle azioni e sul male, guida la storia degli uomini (per esempio Genesi 37:21-22; 39:2; 45:7-8; 50:19-20; 2 Cronache 32:31; Giobbe 1:12,21; Salmo 19:13; 81:12-13; Proverbi 16:4; Geremia 10:23; Matteo 19:8; Atti 14:16; Romani 1:24,26,28; 8:28; 1 Corinzi 10:13). Quindi questa richiesta finale, ci parla della nostra fragilità, vulnerabilità e sul fatto che dipendiamo dalla grazia e dalla sovranità di Dio. Chi prega in questo modo riconosce che il controllo e l’aiuto di Dio è determinante nella lotta, o nel tenerci lontani dalla tentazione, o per non cadere nel peccato. Ci sono situazioni pericolose per cui è meglio stare in guardia e pregare. In questa richiesta, si chiede a Dio, di non metterci in situazioni che ci espongono a essere tentati, di non metterci in quelle condizioni in cui potremmo essere tentati e cadere in peccato. Pregare in questo modo significa chiedere a Dio di preservarci da questo pericolo. La seconda parte di questa supplica: “Liberaci dal maligno” indica in modo particolare Satana (Matteo 13:19; Giovanni 17:15), l’avversario di Dio e dei Suoi figli con tutte le sue macchinazioni e inganni che cerca di farci peccare (Genesi 3:1-6; Matteo 4:1-11; 2 Corinzi 11:3; Efesini 2:2-3; 6:10-19; 1 Tessalonicesi 3:5; 1 Pietro 5:8).
“Liberaci” (rhusai) significa “salvarci da” e ha l'idea della protezione e della rimozione dal suo potere.
Viviamo in un mondo influenzato negativamente da Satana (Giovanni 12:31; 14:30; 2 Corinzi 4:4; 1 Giovanni 5:19), quindi siamo circondati dal male, confessiamo allora, la nostra inadeguatezza nell’affrontarlo; riconosciamo la nostra debolezza e vulnerabilità, la nostra impotenza per combattere il peccato, confessiamo la nostra necessità di Dio, nostro Padre e preghiamo che ci liberi e ci protegga dal maligno! 
È importante ricordare, che noi dobbiamo pregare in questo modo, perché il peccato non glorifica Dio (Isaia 6:3-5; Abacuc 1:13), interrompe la comunione con Dio (Isaia 59:1-2), ed è distruttivo per la nostra vita (Romani 6:23).

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.