Passa ai contenuti principali

Matteo 6:13: Non ci mettere nelle condizioni di essere tentati.

Matteo 6:13: Non ci mettere nelle condizioni di essere tentati.
“E non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno”.

Gesù dirà ai tre discepoli che lo accompagneranno nel Giardino del Getsemani poco prima del Suo arresto e morte: “Vegliate e pregate, affinché non cadiate in tentazione; lo spirito è pronto, ma la carne è debole” (Matteo 26:41). “Esporre” (eisenenkēs) è portare, condurre, si riferisce al fatto che qualcuno entri in un evento, o in una condizione, come per esempio lo Spirito di Dio condusse Gesù nel deserto per essere tentato (Matteo 4:1-11). “Tentazione” (peirasmos) si riferisce all’istigazione a peccare, o alle circostanze in cui il male è difficile da resistere, alla nostra vulnerabilità e alla debolezza nel peccare.
È importante ricordare che Dio non tenta nessuno, non istiga le persone a commettere il male, è impossibile perché Dio è santo (Giacomo 1:13), ma è sovrano sulle azioni e sul male, guida la storia degli uomini (per esempio Genesi 37:21-22; 39:2; 45:7-8; 50:19-20; 2 Cronache 32:31; Giobbe 1:12,21; Salmo 19:13; 81:12-13; Proverbi 16:4; Geremia 10:23; Matteo 19:8; Atti 14:16; Romani 1:24,26,28; 8:28; 1 Corinzi 10:13). Quindi questa richiesta finale, ci parla della nostra fragilità, vulnerabilità e sul fatto che dipendiamo dalla grazia e dalla sovranità di Dio. Chi prega in questo modo riconosce che il controllo e l’aiuto di Dio è determinante nella lotta, o nel tenerci lontani dalla tentazione, o per non cadere nel peccato. Ci sono situazioni pericolose per cui è meglio stare in guardia e pregare. In questa richiesta, si chiede a Dio, di non metterci in situazioni che ci espongono a essere tentati, di non metterci in quelle condizioni in cui potremmo essere tentati e cadere in peccato. Pregare in questo modo significa chiedere a Dio di preservarci da questo pericolo. La seconda parte di questa supplica: “Liberaci dal maligno” indica in modo particolare Satana (Matteo 13:19; Giovanni 17:15), l’avversario di Dio e dei Suoi figli con tutte le sue macchinazioni e inganni che cerca di farci peccare (Genesi 3:1-6; Matteo 4:1-11; 2 Corinzi 11:3; Efesini 2:2-3; 6:10-19; 1 Tessalonicesi 3:5; 1 Pietro 5:8).
“Liberaci” (rhusai) significa “salvarci da” e ha l'idea della protezione e della rimozione dal suo potere.
Viviamo in un mondo influenzato negativamente da Satana (Giovanni 12:31; 14:30; 2 Corinzi 4:4; 1 Giovanni 5:19), quindi siamo circondati dal male, confessiamo allora, la nostra inadeguatezza nell’affrontarlo; riconosciamo la nostra debolezza e vulnerabilità, la nostra impotenza per combattere il peccato, confessiamo la nostra necessità di Dio, nostro Padre e preghiamo che ci liberi e ci protegga dal maligno! 
È importante ricordare, che noi dobbiamo pregare in questo modo, perché il peccato non glorifica Dio (Isaia 6:3-5; Abacuc 1:13), interrompe la comunione con Dio (Isaia 59:1-2), ed è distruttivo per la nostra vita (Romani 6:23).

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…