Passa ai contenuti principali

Genesi 6:8: Noè una storia di grazia in mezzo al giudizio.

Genesi 6:8: Noè una storia di grazia in mezzo al giudizio.
“Ma Noè trovò grazia agli occhi del SIGNORE”.

Se mentre l’umanità sarà giudicata con la morte (tramite ildiluvio Genesi 6:7,13; 7:10-24), solo Noè trova grazia davanti a Dio per essere salvato.
Noi troviamo un antropomorfismo: “agli occhi del Signore”. Dio non ha occhi, Egli è Spirito, agli occhi del Signore indica davanti a Dio, oppure Dio è onnisciente e conosceva Noè, oppure il Signore guardò con favore Noè.
La domanda è: Noè aveva qualcosa che meritava la grazia di Dio, visto che al v. 9 è scritto che fu un uomo giusto, integro ai suoi tempi, camminò con Dio?
Alcuni pensano che Noè trovò grazia davanti a Dio perché Noé fu un uomo giusto, integro ai suoi tempi, perché camminò con Dio, Noè si distingueva dalla società (Ezechiele 14:14,20). Secondo questa interpretazione, Noè per le sue qualità morali si è guadagnato il favore di Dio.
Altri pensano che comunque Noè era, un uomo giusto per grazia, per dono di Dio. Secondo questa interpretazione, alcuni pensano che non significhi però che Dio è stato obbligato a dare il Suo favore a Noè, si presuppone che vi era una relazione. C’è stato l’effetto, la grazia, a causa del suo comportamento.
Altri invece pensano che Noè fu scelto in mezzo a quella società, non ha vinto il favore di Dio, ma ha trovato la grazia di Dio (cfr. Esodo 33:19) e la grazia di Dio lo cambiò in un uomo giusto e integro. 
C’è stato una causa, cioè la grazia di Dio, e un effetto cioè il comportamento giusto.
Il v. 9 non spiega perché ha trovato grazia, sta dicendo semplicemente che fu un uomo giusto ai suoi tempi e questo è in seguito al fatto che ha ricevuto la grazia di Dio.
La grazia non si vince, non si merita con le opere, la grazia Dio la dona, o si riceve (Romani 4:4-5; 11:6; Efesini 2:8-10; 2 Timoteo 1:9). Le opere poi dimostrano la grazia ricevuta (Efesini 2:8-10)
“Grazia” (ḥēn) è il favore immeritato; infatti, quando si usa la parola "grazia " o "favore", di solito significa che il destinatario merita l'opposto del favore, quindi è un favore immeritato. 
Con “grazia” l'enfasi è sulla disposizione di chi mostra il favore piuttosto che l'esperienza del destinatario della grazia. Ciò è dimostrato dalla frase " agli occhi di Dio".
Quindi non significa che Noè era la persona più giusta sulla terra, e così Dio ha deciso di salvarlo. No, era un peccatore, ma Dio gli fece grazia.
Fare grazia è un’azione di qualcuno che ha qualcosa da dare a chi ha bisogno. 
Un'azione di un superiore verso un inferiore, verso chi ha poco, o nessuna importanza.
La grazia è la dimensione dell'attività divina che permette a Dio di fronte all'indifferenza umana e la ribellione di perdonare e benedire.
Perché Noè era un destinatario di grazia, fu risparmiato dal giudizio. 
Anche se il tema dominante della storia di Noè è il giudizio contro il peccato attraverso la distruzione dell'umanità, la storia di Noè è anche un racconto della grazia di Dio, la grazia in mezzo al giudizio. 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: