Passa ai contenuti principali

Giosuè 24:15: Il servizio a Dio è una scelta.

Giosuè 24:15: Il servizio a Dio è una scelta.
“ E se vi sembra sbagliato servire il SIGNORE, scegliete oggi chi volete servire: o gli dèi che i vostri padri servirono di là dal fiume o gli dèi degli Amorei, nel paese dei quali abitate; quanto a me e alla casa mia, serviremo il SIGNORE”.

Nella vita siamo chiamati a fare scelte importanti, ma ce n’è una più importante di altre: chi vogliamo veramente servire nella nostra vita.
Giosuè lancia una sfida chi il popolo vuole servire: gli idoli o il Signore.
Il verbo scegliere indica l’atto di chi sceglie accuratamente (Esodo 17:9; 1 Samuele 17:40; Isaia 41:40). 
Dobbiamo riflettere seriamente riguardo chi vogliamo servire veramente! Non bisogna essere superficiali nelle fare le scelte, le scelte determineranno e condizioneranno la tua vita e il tuo comportamento. 
La parola scegliere indica una scelta con chiara consapevolezza di ciò che si fa.
Sia il proposito del popolo di seguire il Signore per ovvie verità, sia la risposta di Giosuè nel portarli a considerare la santità e la gelosia di Dio (v.19), mostrano che la scelta deve essere più che consapevole, più che responsabile.
Se scegliamo di servire il Signore dobbiamo essere consapevoli di cosa implichi questa scelta e cioè: un impegno leale totale per Dio, altrimenti incorriamo nel giudizio di Dio (Giosuè 24:14,19-20). 
La parola scegliere comporta il fare una distinzione tra due cose poi ovviamente preferire la cosa che sembra migliore, o giusta (cfr. Giobbe 34:4).
Giosuè pone gli idoli e il Signore davanti al popolo, e chiede al popolo di fare la scelta migliore. Il popolo di Israele sceglie il Signore facendo una confessione di rinuncia agli altri dèi (vv.16-21,24). 
Troviamo almeno tre motivi per cui il popolo scelse di servire Dio.
(1) Il popolo scelse di servire il Signore perché Lui esiste. 
Dio non è un’invenzione umana! Non serviremo il Signore se non crediamo alla realtà della Sua esistenza. 
(2) Il popolo scelse il Signore perché è Dio ( v.17). 
“Dio” (ʾělō•hîm) significa il Tremendo, l’oggetto di timore, l’autorità e l’essere divino, la divinità per eccellenza. Indica l’insieme di tutto il divino per indicare la potenza divina in assoluto che esclude tutti gli altri dèi. Indica che è il Signore assoluto accanto a cui non esiste altra volontà.
(3) Il popolo scelse di servire il Signore perché il Signore aveva fatto grandi cose nella loro vita dimostrando appunto di essere Dio (vv.16-18).   
Liberazione dall’Egitto, la protezione e le vittorie durante il viaggio verso la terra promessa e la donazione di una terra meravigliosa! 
Anche i cristiani sono stati affrancati dalla servitù del peccato e dal regno delle tenebre, ed è stato trasportato nel regno della luce con la speranza della vita eterna(Giovanni 8:31-34; Romani 6:12-23; Atti 26:18, Colossesi 1:13-14; Tito 1:2). Ora il cristiano dovrebbe rispondere con il servizio! (Romani 6:22; 12:1-2,11; 1 Tessalonicesi 1:9). 
Dichiari di essere un cristiano? Allora fai la scelta di servirlo esclusivamente. 
Se non sei un cristiano allora riconosci Gesù Cristo come tuo unico Salvatore e Signore e sarai salvato pentendoti dei tuoi peccati e confessandoli a Lui(Giovanni 3:16,36; Romani 10:9-10; Atti 3:19; 1 Giovanni 1:8-10) e sarai perdonato (Efesini 1:7) e quindi servilo.

Post popolari in questo blog

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…