Passa ai contenuti principali

Giosuè 24:14: La consapevolezza di chi è Dio ci spinge a temerlo e a servirlo.

Giosuè 24:14: La consapevolezza di chi è Dio ci spinge a temerlo e a servirlo. 
Dunque temete il Signore e servitelo.

 “Servire” può avere diversi significati, ma il significato di fondo è lavorare faticare come uno schiavo (Esodo 21:6). Questa parola contiene almeno due elementi chiave: l'azione (il servitore come" lavoratore") e l'obbedienza.
Questa parola in questo contesto può indicare anche l’adorazione (cfr. Giosuè 22:26-27; 23:7) oppure può esprimere la relazione tra il popolo e Dio che è il Signore al quale bisogna essere obbedienti e sottomessi.
Il servizio nasce nel timore di Dio.
Nel contesto vediamo che Giosuè raduna il popolo e fa un discorso da parte di Dio, parla delle cose grandi che ha fatto Dio e poi dice: “dunque temete il Signore”. Possiamo dire che il timore è la reazione dello spirito umano alla Sovranità di Dio (Salmo 99:1). Il “timore” è un sentimento positivo riverenziale, di soggezione, o trepidazione di  fronte a persone fortemente autorevoli, di fronte un pericolo o un castigo (Geremia 42:16; Ezechiele 11:8). Dio è una persona fortemente autorevole, più di ogni altra sulla terra, è il Sovrano in assoluto, cioè regna sulla creazione, e fa quello che vuole, e nessuno gli può impedire questo (Daniele 4:34-35).
Giosùè mette in enfasi la Sovranità di Dio: scelse Abramo, lo fece diventare una grande nazione, colpì l’Egitto giudicandolo e liberò Israele con grandi prodigi; li guidò nel deserto provvedendo ai loro bisogni e sconfisse per Israele eserciti più potenti; e diede loro una terra fertile (Giosuè 24:1-13).
Il Dio Sovrano ama il Suo popolo è si muove in suo favore. Dalla Mesopotamia avanti per l’Egitto, poi per la Palestina, la guida di Dio si è dimostrata potente e si è affermata contro tutti gli ostacoli. L’intervento di Dio in favore del suo popolo, provoca terrore anche tra gli altri popoli (Esodo 15:14-16; Giosuè 2:8-11; 1 Samuele 4:7-8).
Il timore è il senso di creaturalità di fronte alla Maestà di Dio.  
Senso di creaturalità non si riferisce al fatto che sappiamo di essere stati creati da Dio, ma che siamo consapevoli della nostra fragilità di fronte alla sua Maestà (Genesi 18:27). Dio ha mostrato la Sua Maestà a Israele vincendo eserciti potenti e facendo grandi miracoli! Dio è così maestoso che nessuno lo può misurare, o contenere! (Salmo 145:3; Isaia 40:12-18). 
Il timore è il senso di stupore e terrore verso la Diversità di Dio il Totalmente Altro. 
Dio ha una natura completamente diversa dalla nostra.  
Nessuno è pari a Dio! (Geremia 10:6-7). Come le persone della Bibbia anche oggi rimaniamo meravigliati per Dio! Una delle caratteristiche della divinità è proprio il fatto che noi non possiamo capire  pienamente la Sua natura, i Suoi progetti, e ne rimaniamo meravigliati (Isaia 55:8-11; Romani 11:33-36).
Il timore di Dio è la meraviglia sbigottita di fronte al Totalmente Altro, a quel che non è usuale, comprensibile, familiare. Dio non è comune per il Suo carattere! Non è familiare per i Suoi piani! Dio non è comprensibile per come opera!         
Ora tutto questo dovrebbe spingerci a temerlo, e a servirlo.  Temi Dio? Se lo temi lo servirai! Lo stai servendo? Sta servendo solo Lui?

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione.

Luca 9:62: Seguire Gesù è impegno e concentrazione. "Ma Gesù gli disse: 'Nessuno che abbia messo la mano all'aratro e poi volga lo sguardo indietro, è adatto per il regno di Dio'". 
Gesù ha pronunciato queste parole per mettere in guardia una persona, che aveva interesse a seguirlo, ma che voleva andare a salutare prima i suoi familiari. Gesù mette in chiaro che nel regno di Dio non c’è posto per chi guarda indietro, ma è chiamato a guardare a quello che sta facendo. Se il contadino vuole tracciare un solco dritto e fare così un lavoro buono e completo, non può permettersi di guardare indietro, deve essere concentrato nel solco che sta facendo e guardare avanti senza distrazioni se non vuole fare mezzo lavoro. Chi arava e guardava indietro lasciava un solco a zig zag e una parte del terreno non arato!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi! “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.
Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).