Passa ai contenuti principali

Esodo 20:5-6: Che tipo di eredità morale lascerai ai tuoi figli?

Esodo 20:5-6: Che tipo di eredità morale lascerai ai tuoi figli?
Punisco l'iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso bontà, fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.

Dio è severo contro chi trasgredisce il secondo comandamento, ma benevolo verso chi è obbediente. Dio giudica chi lo trasgredisce, mentre ricompensa chi l’obbedisce.
Noi vediamo in primo luogo la retribuzione ai disubbidienti.
Quale compenso avranno i disubbidienti? La punizione! Dio punisce chi viola questo comandamento! Colpisce non solo la generazione che sbaglia, ma anche quelle future fino alla quarta generazione di coloro che lo odiano, cioè di coloro che non lo amano e lo dimostrano con la disubbidienza! 
La punizione alle generazioni future per i disobbedienti può indicare due cose: un avvertimento per i genitori e non per i figli. Una retribuzione severa di Dio da non sottovalutare. Oppure i genitori devono riflettere sulle conseguenze disastrose della loro idolatria verso i loro figli. Per la punizione per i peccati dei genitori soffrono anche i figli! Una generazione dà il tono spirituale alla prossima! I genitori che sono disobbedienti a questo comandamento devono mettere in conto l’effetto che avrà il loro peccato sulle loro famiglie, un effetto domino. I figli sono lo specchio dei loro genitori, se i genitori per esempio sono bestemmiatori molto probabilmente lo saranno anche i figli, se sono atei lo saranno anche i figli e di conseguenza anche i figli saranno giudicati! Ora questo testo dice: “di quelli che mi odiano”, dunque non sono solo i padri che odiano Dio, ma anche i loro figli che seguono l’esempio negativo che hanno imparato dai loro genitori. I figli hanno imparato a odiare Dio dall’esempio dei genitori! Quindi anche i figli sono responsabili in quanto odiano Dio come i loro padri! Ma quando, d'altra parte, l'odio cessa verso Dio, quando i figli abbandonano la malvagità dei loro padri, allora ci saranno benedizioni. 
In secondo luogo vediamo la ricompensa per gli obbedienti. 
Questo afferma il v.6: "e uso bontà, fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti". Notate che l'amore viene prima dell’ obbedienza. La chiave per l’obbedienza è il nostro amore per Dio. La disobbedienza a Dio mostra la mancanza di amore per Lui! (cfr. Giovanni 14:15,21). Notate ancora che la benedizione è verso mille generazioni in contrasto con le quattro delle maledizioni. 
Questo comandamento contiene un avvertimento solenne per i genitori. Quando un uomo si rifiuta di amare Dio con passione e di adorare Dio correttamente, le conseguenze del suo peccato dureranno per generazioni. L’idolatria, come gli altri peccati dei genitori, danneggia tutta la propria famiglia e alla fine saranno tutti puniti. Ma un uomo che ama Dio sopra ogni cosa lo dimostrerà con questi comandamenti e sarà benedetto lui e le sue generazioni fino alla millesima generazione! 
Che tipo di esempio sei per i tuoi figli? Che tipo di eredità morale lascerai ai tuoi figli?

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: