Passa ai contenuti principali

Isaia 64:6: La condizione dell’umanità.

Isaia 64:6: La condizione dell’umanità.
“Tutti quanti siamo diventati come l'uomo impuro, tutta la nostra giustizia come un abito sporco; tutti quanti appassiamo come foglie e la nostra iniquità ci porta via come il vento”.

Il contesto di questo versetto parla di una preghiera rivolta al Signore che mostri la Sua potenza, come nel passato, contro i nemici, ma nel presente Dio ha nascosto la sua faccia al Suo popolo e lo ha abbandonato alle sue iniquità. In questa confessione, è messo in evidenza il peccato persistente del popolo e la sua incapacità di fare qualcosa a riguardo; noi vediamo l'onesta ammissione del peccato che ha contagiato tutta la comunità. In questo versetto vediamo due aspetti: la condizione di peccato del popolo e la conseguenza del suo peccato.
Nella condizione di peccato, le parole ci riportano al libro del Levitico nei capitoli 11-15, dove Mosè, dopo aver parlato del "Manuale del sacrificio" (capitoli 1-10), parla delle leggi di ciò che è puro e impuro. Il popolo che è diventato come l’uomo impuro, ricorda il grido del lebbroso (Levitico 13:44-46). “Impuro” parla di mancanza di idoneità per la comunione con Dio e di estraneità del popolo dal Signore; l’impuro è inadatto all'adorazione nel tempio (cfr. Isaia 6:5; 35:8; 52:1; 61:10). “L’abito sporco” si riferisce alle vesti sporche dal sangue delle mestruazioni, queste perdite erano considerate impure (Levitico 15:19-33).
La giustizia indica rettitudine, condotta irreprensibile e integrità, descrive le azioni giuste e i giusti atteggiamenti come previsti da Dio, secondo i Suoi standard. Il peccato aveva così pervaso le loro vite, che persino ciò che la maggior parte delle persone, considererebbero come azioni virtuose (cfr. Luca 16:14-15), erano in realtà più simili a sudici stracci sporchi di sangue! Troppo spesso il peccato è considerato una cosa da niente che trascuriamo, o giustifichiamo, ma per Dio è una faccenda seria (Proverbi 15:9; Abacuc 1:13; Romani 6:23); il peccato è sudicio e ripugnante come una stoffa mestruata! Il peccato è un atto oscuro e distruttivo che rende una persona nemica di Dio (cfr. Romani 5:1-11; 2 Corinzi 5:18-21), pertanto dovremmo confessarlo (1 Giovanni 1:8-10) come la persona in questo capitolo.  Questa immagine, molto forte, è in netto contrasto con gli abiti di salvezza e giustizia che i credenti indosseranno nel futuro regno di Dio (Isaia 61:10); noi vediamo che il cristiano è giustificato in Cristo, pertanto è importante credere in Lui (Romani 3:23-26).
Nella conseguenza del peccato il profeta descrive la sua forza distruttiva. “ Tutti quanti appassiamo come foglie” si riferisce al fatto che il peccato produce decadimento e morte. “E la nostra iniquità ci porta via come il vento” si riferisce al fatto che tutta la vita svanisce impotente al peccato. Proprio come la foglia morta è impotente dinanzi al vento, così lo spirito umano è prigioniero dei suoi peccati e sballottato da essi, i peccati ci definiscono e determinano le direzioni che prendono le nostre vite. Ma il senso potrebbe anche essere del giudizio di Dio (Isaia 1:30; 28:1, 4; 40:7); Dio abbandona al suo destino, lascia che i peccatori impenitenti siano consumati dai loro peccati (Isaia 64:7; Romani 1:18-32). Noi dobbiamo pensare che tutta l’umanità è sottoposta al peccato, tutti siamo peccatori (Romani 3:9-12,23; 1 Giovanni 1:8-10), la conseguenza del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Gesù Cristo (Romani 6:23).

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.