Passa ai contenuti principali

Isaia 64:6: La condizione dell’umanità.

Isaia 64:6: La condizione dell’umanità.
“Tutti quanti siamo diventati come l'uomo impuro, tutta la nostra giustizia come un abito sporco; tutti quanti appassiamo come foglie e la nostra iniquità ci porta via come il vento”.

Il contesto di questo versetto parla di una preghiera rivolta al Signore che mostri la Sua potenza, come nel passato, contro i nemici, ma nel presente Dio ha nascosto la sua faccia al Suo popolo e lo ha abbandonato alle sue iniquità. In questa confessione, è messo in evidenza il peccato persistente del popolo e la sua incapacità di fare qualcosa a riguardo; noi vediamo l'onesta ammissione del peccato che ha contagiato tutta la comunità. In questo versetto vediamo due aspetti: la condizione di peccato del popolo e la conseguenza del suo peccato.
Nella condizione di peccato, le parole ci riportano al libro del Levitico nei capitoli 11-15, dove Mosè, dopo aver parlato del "Manuale del sacrificio" (capitoli 1-10), parla delle leggi di ciò che è puro e impuro. Il popolo che è diventato come l’uomo impuro, ricorda il grido del lebbroso (Levitico 13:44-46). “Impuro” parla di mancanza di idoneità per la comunione con Dio e di estraneità del popolo dal Signore; l’impuro è inadatto all'adorazione nel tempio (cfr. Isaia 6:5; 35:8; 52:1; 61:10). “L’abito sporco” si riferisce alle vesti sporche dal sangue delle mestruazioni, queste perdite erano considerate impure (Levitico 15:19-33).
La giustizia indica rettitudine, condotta irreprensibile e integrità, descrive le azioni giuste e i giusti atteggiamenti come previsti da Dio, secondo i Suoi standard. Il peccato aveva così pervaso le loro vite, che persino ciò che la maggior parte delle persone, considererebbero come azioni virtuose (cfr. Luca 16:14-15), erano in realtà più simili a sudici stracci sporchi di sangue! Troppo spesso il peccato è considerato una cosa da niente che trascuriamo, o giustifichiamo, ma per Dio è una faccenda seria (Proverbi 15:9; Abacuc 1:13; Romani 6:23); il peccato è sudicio e ripugnante come una stoffa mestruata! Il peccato è un atto oscuro e distruttivo che rende una persona nemica di Dio (cfr. Romani 5:1-11; 2 Corinzi 5:18-21), pertanto dovremmo confessarlo (1 Giovanni 1:8-10) come la persona in questo capitolo.  Questa immagine, molto forte, è in netto contrasto con gli abiti di salvezza e giustizia che i credenti indosseranno nel futuro regno di Dio (Isaia 61:10); noi vediamo che il cristiano è giustificato in Cristo, pertanto è importante credere in Lui (Romani 3:23-26).
Nella conseguenza del peccato il profeta descrive la sua forza distruttiva. “ Tutti quanti appassiamo come foglie” si riferisce al fatto che il peccato produce decadimento e morte. “E la nostra iniquità ci porta via come il vento” si riferisce al fatto che tutta la vita svanisce impotente al peccato. Proprio come la foglia morta è impotente dinanzi al vento, così lo spirito umano è prigioniero dei suoi peccati e sballottato da essi, i peccati ci definiscono e determinano le direzioni che prendono le nostre vite. Ma il senso potrebbe anche essere del giudizio di Dio (Isaia 1:30; 28:1, 4; 40:7); Dio abbandona al suo destino, lascia che i peccatori impenitenti siano consumati dai loro peccati (Isaia 64:7; Romani 1:18-32). Noi dobbiamo pensare che tutta l’umanità è sottoposta al peccato, tutti siamo peccatori (Romani 3:9-12,23; 1 Giovanni 1:8-10), la conseguenza del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Gesù Cristo (Romani 6:23).

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: