Passa ai contenuti principali

Rifocalizza Dio! (Salmo 73:1-28)

 Rifocalizza Dio! (Salmo 73:1-28)

“Quando iniziamo a concentrarci su Dio, le cose dello spirito prenderanno forma davanti ai nostri occhi interiori” (A.W.Tozer).


Hai mai avuto dubbi inquietanti? 



Che cosa ti amareggia di più?



Chi invidi di più e che cosa invidi di questa persona?



Chi sono le persone che prosperano di più nella società?



Qual è la persona, o la cosa più desiderabile sulla terra?



Osservare

A chi mostra Dio la sua bontà? (Salmo 73:1)



Quale dubbio personale l'autore manifesta? (Salmo 73:1-3)



Quale atteggiamento aveva il salmista nei riguardi dei prepotenti? Perché? (Salmo 73:3-12)



Cosa caratterizzava i prepotenti che tanto dava fastidio al salmista? (Salmo 73:4-12)





Confrontandosi con i prepotenti, lo scrittore del salmo pensava che la sua giustizia fosse vana, perché e che cosa mostra di negativo del suo ragionamento? (Salmo 73:13-14)



Inizia la trasformazione del pensiero del salmista.  Profondamente turbato con la difficoltà di capire, comunque, come un risveglio, il salmista, non vuole parlare come i prepotenti, chi non vuole danneggiare? (Salmo 73:15-16)



C’è un punto di svolta della crisi del salmista, il punto di svolta che trasforma la sua prospettiva, c’è uno spostamento di attenzione che lo libera dalla sua fissazione. Quando il salmista capì che la prosperità dei prepotenti non aveva importanza? (Salmo 73:17)



Prima del suo incontro con Dio, queste persone sembravano di avere tutto per loro, dopo il salmista focalizza Dio, cosa farà Dio ai prepotenti?  Qual è il contrasto tra il trattamento riservato da Dio ai prepotenti e ai fedeli? (Salmo 73:18-20, 24-27)

Alla presenza di Dio, pensando alla sua fissazione precedente sui prepotenti che cosa dice riguardo se stesso? Come si sentiva e com’era? (Salmo 73:21-22)



Il salmista, da ora in poi, manifesta un profondo e completo cambiamento di emozioni. Nei versetti 23-24 fa tre dichiarazioni importanti, quali sono?



Questo è il punto più alto della fede! Qual è la cosa che il salmista desidera di più in cielo e sulla terra? (Salmo 73:25)



Il salmista riconosce la sua fragilità fisica ed emotiva, ma riconosce degli aspetti importanti di Dio. Che cosa dice riguardo a Dio? Che cosa ricorda? (Salmo 73:26)



Il salmista si rende conto che nulla può essere paragonato alla vera ricchezza di conoscere Dio e di essere amato da lui. Mentre la dichiarazione che Dio è buono (v.1) sembra offuscata dal dubbio, secondo i versetti successivi, alla fine, dal punto di svolta (v.17), riposa e si rallegra della bontà di Dio. Con quali affermazioni il salmista conclude il salmo? (Salmo 73:28)



Imparare

In che cosa ti rivedi nell'autore di questo salmo?



Come ti senti di solito quando vedi persone prepotenti avere successo e persone umili fallire?



Come si può affrontare la propria invidia?


 

Quale dovrebbe essere la tua risposta quando vedi le persone prepotenti avere successo?



Come dovresti reagire quando si verifica un fallimento nella tua vita?



Come puoi avere la prospettiva di Dio quando sei confuso, o sconvolto per  la natura di questa società?



Quale nuova prospettiva ti offre questo passaggio riguardo alle tue circostanze?



Perché l’esperienza con Dio è importante per la tua vita?



Perché Dio è ciò che dobbiamo desiderare più di tutto e tutti?



Quali certezze ha il fedele riguardo la sua relazione con Dio? 



Applicare

Cosa puoi fare per essere contento quando ti senti ingiustamente non ricompensato per il bene che fai?



Cosa può aiutarti a ricordare, quando ti senti frustrato, e a fidarti di Dio quando vedi tante ingiustizie intorno a te?



Come puoi dimostrare che metti Dio al primo posto?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Bullock, C. H. (2017). Psalms 73–150. (M. L. Strauss & J. H. Walton, A C. Di) (Vol. 2). Grand Rapids, MI: Baker Books: A Division of Baker Publishing Group.

Estes, D. J. (2019). Psalms 73–150. (E. R. Clendenen, A C. Di) (Vol. 13). Nashville, TN: B&H Publishing Group.

Grant, J. A. (2018). Psalms 73–89. In T. Muck (A C. Di), Psalms (Vol. 2). Grand Rapids, MI: Zondervan.

Kidner, D. (1975). Psalms 73–150: An Introduction and Commentary (Vol. 16). Downers Grove, IL: InterVarsity Press.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Ross, A. P. (2011–2013). A Commentary on the Psalms 1–89: Commentary (Vol. 2). Grand Rapids, MI: Kregel Academic.

Tanner, B. (2014). Book Three of the Psalter: Psalms 73–89. In E. J. Young, R. K. Harrison, & R. L. Hubbard Jr. (A C. Di), The Book of Psalms. Grand Rapids, MI; Cambridge, U.K.: William B. Eerdmans Publishing Company.

Tozer, A. W. (1979). Gems from Tozer. Camp Hill, PA: WingSpread.

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: