Passa ai contenuti principali

Giovanni 14:6:L’unicità dell’Intercessione di Gesù.

Giovanni 14:6:L’unicità dell’Intercessione di Gesù.
“Gesù gli disse: 'Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”. 

Gesù non è uno dei tanti modi per avvicinarsi a Dio, o il migliore, è l'unico modo! Questa è una delle affermazioni più belle e importanti che troviamo nella Bibbia e non solo, che indicano l’unicità e l’esclusività dell’intercessione di Gesù tra Dio e gli uomini. Gesù è la via, la verità e la vita, l’unico che ci conduce a Dio! Non ci sono altre vie, o modi per essere condotti a Dio. Gesù è la via per arrivare a Dio perché è la verità e la vita! Questi versetti ci parlano che Gesù è l’unico mediatore tra Dio e gli uomini. 

(1) Gesù è la Via: il Mediatore di Riconciliazione.
La “via” (hodós) è una strada. La strada serve per spostarci da un luogo a un altro per raggiungere una destinazione, in questo caso Gesù è la strada che conduce l’uomo a Dio. Gesù è la via della riconciliazione del credente con Dio (Romani 5:8-11). Il peccato ci separa da Dio (Isaia 59:2) e ci rende nemici di Dio. Gesù con il Suo sacrificio toglie la colpa del peccato del peccatore che crede in Lui e quindi ci libera dal giudizio di Dio (Salmi 103:12; Isaia  38:17; 43:25; 44:22; Michea 7:19; Romani 5:9; 8:1). I nostri peccati sono perdonati (Efesini 1:7; Colossesi  2:13) e dimenticati (Ebrei 10:17). Gesù libera dalla potenza del peccato (Giovanni 8:31; Romani 6:6; Efesini 2:1-3). Noi siamo schiavi del peccato e sotto il dominio di Satana. Non possiamo liberarci da soli dal peccato, abbiamo bisogno della salvezza che si trova solo in Gesù! L’unico che ci libera dal dominio del peccato (Romani 1:16-17).
(2) Gesù è la Verità: il Mediatore di Rivelazione.
Gesù è la via che conduce al Padre perché Gesù è la verità! Gesù rivela la verità di Dio nel mondo proclamandola e personificandola (Giovanni 1:14,17; 8:32,40, 45-46; 18:37). Gesù è la verità, perché Lui incarna la suprema rivelazione di Dio, Egli essendo di natura divina (Giovanni 1:1,18; 20:28) ci fa conoscere Dio (Giovanni 1:1-3,14-18).
(3) Gesù è la Vita: il Mediatore di Rigenerazione.
La rigenerazione è l’atto segreto e misterioso di Dio, il Quale impartisce una nuova vita, la vita spirituale divina al Suo popolo. L’uomo per natura è morto spiritualmente parlando, cammina secondo la filosofia di questo mondo in modo egocentrico e senza timore di Dio (Romani 8:5-8; Efesini 2:1-3). Pertanto, l’uomo necessita di rigenerazione per essere salvato, per avere comunione con Dio e per andare alla Sua presenza. Dio ci vivifica, ci fa essere nuove persone in Cristo (Giovanni 3:5-8; Efesini 2:5-7; Tito 3:4-7; 2 Corinzi 5:17; 1 Pietro 1:3; 1 Giovanni 3:9). Gesù è la vita (Giovanni 1:4; 6:33,35,48,51; 11:25), è il Salvatore (Atti 4:12), ed è venuto non solo per rigenerarci, ma anche per darci una vita esuberante (Giovanni 10:10), la vita eterna (Giovanni 3:16; 10:27-28; 4:14). Vuoi avere la vita eterna? Allora devi credere in Gesù in Gesù e pentirti dei tuoi peccati (Atti 20:21). Il versetto 6 allora ci dice che Gesù è l’unica via per condurci a Dio, non ci sono altre strade, questo ci porta a considerare che è una pazzia, o da schiocchi cercare un’altra strada per andare a Dio, quella strada non ci arriverà mai! La strada che tu pensi che porti a Dio, se non è Gesù e come una strada senza uscita, non puoi andare oltre, o conduce al precipizio(cfr. Proverbi 16:25). Puoi credere in Dio, ma se non lo conosci non ti giova a nulla, conoscerlo è possibile solo grazie a Gesù (Giovanni 17:3) .

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: