Passa ai contenuti principali

Ebrei 5:8: Imparare l’ubbidienza attraverso la sofferenza.

Ebrei 5:8: Imparare l’ubbidienza attraverso la sofferenza.
“Benché fosse Figlio, imparò l'ubbidienza dalle cose che soffrì”.

Mi ha sempre meravigliato questo versetto! Com’è possibile che Gesù dovesse imparare l’ubbidienza, visto che Lui era il Figlio di Dio, quindi di natura divina?
Gesù scelse d’imparare l’ubbidienza come uomo e come uomini non possiamo che imparare a ubbidire a Dio attraverso la sofferenza.
Questo versetto è una conferma molto importante dell’umanità di Gesù, e presuppone una crescita nel senso umano di Luca 2:52; questo apprendimento culminerà nella Sua ubbidienza fino alla morte sulla croce (Filippesi 2:4-11).
Gesù incarnando la vita umana, ha conosciuto il dolore, le limitazioni e la fragilità degli esseri umani. Così, Gesù, condividendo la nostra natura umana, doveva fare l’esperienza di soffrire con l’umanità per soffrire per essa. L’ubbidienza imparata attraverso la sofferenza, era necessaria per il Suo sacrificio perfetto e anche per la Sua intercessione come Sommo Sacerdote eterno per la nostra salvezza (Ebrei 7-10). Avendo imparato l'ubbidienza con la sofferenza, Gesù era perfettamente qualificato per essere il sacrificio e Sommo Sacerdote per la garanzia della nostra salvezza. Per Gesù, il Figlio incarnato, era assolutamente necessario che imparasse l'ubbidienza, poiché la Sua ubbidienza ha compensato la nostra disubbidienza, per la Sua ubbidienza molti saranno costituiti giusti (Romani 5:19); Gesù giusto che muore per gli ingiusti per condurci a Dio (1 Pietro 3:18).
Ovviamente imparò l'ubbidienza dalle cose che soffrì non significa che Gesù fosse disubbidiente e ribelle, Egli ha obbedito in modo perfetto al Padre in tutte le cose, è stato tentato, ma non ha peccato (Giovanni 8:46; 2 Corinzi 5:21; Ebrei 4:15; 7:26;1 Pietro 2:22; 3:18). Come uomo, Gesù ha imparato per esperienza- come nella tentazione - quanto sia difficile ubbidire alla volontà di Dio in mezzo alle difficoltà, oppure ha appreso il livello più profondo di ubbidienza perfetta attraverso la sofferenza, e ciò avvenne durante tutta la sua vita terrena e in particolare nella notte angosciosa nel Getsemani (Matteo 27:36-46; Luca 22:39-46) che culminerà nell'agonia sulla morte in croce (Matteo 27:32-50).
Se Gesù doveva imparare l’ubbidienza, a maggior ragione noi e Dio usa la sofferenza anche per noi (Ebrei 12:4-11). Molte volte, preghiamo come Gesù (Ebrei 5:7), che Dio ci liberi dalla sofferenza, ma Dio non lo fa perché vuole cambiare noi! Vuole che cresciamo, vuole che assomigliamo sempre di più a Gesù (Romani 8:28-29; Giacomo 1:2-4). La sofferenza è un dono di Dio affinché possiamo imparare a ubbidirgli! La sofferenza è un’insegnante molto qualificata perché imparassimo a obbedire a Dio! Pertanto quando soffriamo chiediamo a Dio cosa ci vuole insegnare riguardo l’obbedienza, che cosa deve cambiare nella nostra vita! Cosa dobbiamo fare e non fare! “Il dolore fa pensare agli uomini e ci obbliga a fare domande” (Brian Edwards). Questo esempio di ubbidienza di Gesù Cristo voleva incoraggiare i lettori, e quindi anche noi oggi, a rimanere fermi e non allontanarci dalla fede nei momenti di sofferenza. Proprio come Cristo è stato perfezionato attraverso la sua sofferenza, così anche noi oggi lo saremo.
Aristotele diceva: “Non possiamo imparare senza dolore”.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: