Passa ai contenuti principali

Giudici 6:14:Una rassicurazione motivante.

Giudici 6:14:Una rassicurazione motivante.
“Allora il SIGNORE si rivolse a lui e gli disse: ‘Va' con questa tua forza e salva Israele dalla mano di Madian; non sono io che ti mando?’” 

A causa dei loro peccati, il Signore diede gli Israeliti nelle mani dei Madianiti per sette anni. Il potere dei Madianiti con gli Amalechiti era opprimente, arrivavano come una moltitudine di cavallette con i loro cammelli e ridussero Israele in grande miseria, e la popolazione impaurita fu costretta a nascondersi nelle grotte, nelle caverne  e nei forti (Giudici 6:1-6). Pertanto il popolo d’Israele gridò al Signore; Dio ascoltò le sue preghiere, e gli mandò un profeta che gli ricordò la sua liberazione dall’Egitto e il motivo per cui avvenne l’oppressione dei Madianiti: Israele peccò d’idolatria! (Giudici 6:7-10). Il peccato ha delle conseguenza: attira il giudizio di Dio!
Qui entra in scena l’angelo del Signore che si manifesta al contadino Gedeone mentre trebbiava il grano nello strettoio (Giudici 6:11). Nei vv.12-13  leggiamo: “L'angelo del SIGNORE gli apparve e gli disse: ‘Il SIGNORE è con te, o uomo forte e valoroso!’  Gedeone gli rispose: ‘Ahimé, mio signore, se il SIGNORE è con noi, perché ci è accaduto tutto questo? Dove sono tutte quelle sue meraviglie che i nostri padri ci hanno narrate dicendo: -Il SIGNORE non ci ha forse fatti uscire dall'Egitto?- Ma ora il SIGNORE ci ha abbandonati e ci ha dati nelle mani di Madian’”. Gedeone è scettico riguardo le parole dell’angelo: le circostanze dicono il contrario. Se il Signore è con noi perché siamo oppressi dai Madianiti e dagli Amalechiti? Perché siamo in grande miseria? Dove sono i miracoli di liberazione di Dio? Gedeone dice che il Signore li ha abbandonati e li ha dati nelle mani di Madian. Ecco la chiamata del Signore: “Ecco sarai tu Gedeone a liberare il mio popolo dai Madianiti con la tua forza, sono io che ti mando”. “Con questa tua forza” (bĕkōḥăkā zeh) può riferirsi al potere naturale e al coraggio dell'uomo (Giudici 7-8), ma può anche riferirsi al potere con cui Dio lo investirà mentre Gedeone lo sta servendo. Comunque sia, più tardi vediamo che “ lo spirito del Signore si impossessò di Gedeone” (Giudici 6:34). “Non sono io che ti mando?” indica che il Signore sarebbe stato con lui, indica  l'autorità ed è un grande incoraggiamento per Gedeone per la sua ardua missione. Gedeone tentenna ancora dicendo che non ha i mezzi per liberare il popolo dai Madianiti, ma il Signore lo rassicura dicendo che sarà con lui e quindi vittorioso (vv.15-16). L’autorità e la potenza del Signore sono su Gedeone. Gedeone obbedì a Dio e riportò delle vittorie pur avendo meno uomini rispetto all’esercito nemico (Giudici 6-8). Forse sarai riluttante, cinico, scettico e timoroso come lo era  Gedeone (vv.12-13,15,17-24). Fino a questo momento non hai visto la potenza del Signore nella tua vita, ma è il Signore che fa la differenza e se ti chiama a servirlo vai! Ognuno di noi deve fidarsi del Signore e servirlo con la forza e l’autorità che ci dona, consapevoli che sarà con noi se gli siamo fedeli! Allora ci possiamo aspettare grandi cose anche se siamo persone semplici come il contadino Gedeone! Quello che fa la differenza è la potenza dello Spirito Santo in noi! (Atti 1:8). Non è importante ciò che pensiamo, o come ci consideriamo, è importante quello che dichiara il Signore! Ciò che importante è Chi ci manda! Chi è con noi! Colui che è più forte di colui che è nel mondo! (1 Giovanni 4:4; 5:4).

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: