Passa ai contenuti principali

Isaia 6:3: La santità di Dio è superlativa.

Isaia 6:3: La santità di Dio è superlativa.
"… Santo, santo, santo è il Signore degli eserciti". 

La santità è il principale e il più glorioso attributo di Dio perché: la santità di Dio è superlativa. La ripetizione di una parola nella lingua ebraica è un modo di esprimere un'idea superlativa (2 Re 25:15). Quindi la triplice ripetizione di "Santo" (vedi anche Apocalisse 4:8), è una forma di enfasi e sottolinea la suprema, o la completa santità, un qualcosa di superlativo che va ben oltre ogni immaginazione umana. Pertanto i serafini enfatizzano ciò che Dio è in natura: Santo in modo superlativo, unico, assoluto! Dio non ha pari! Così se Dio nella Sua rivelazione ha dato così tanto importanza a questo attributo, noi non lo dovremmo dimenticare, ma dargli la giusta importanza! 
Che cosa implica per noi la santità di Dio?

1) In primo luogo: dobbiamo temere e umiliarci davanti a Dio.
È impossibile stare alla presenza del Dio tre volte santo, senza sentire profondamente l'inadeguatezza morale della nostra natura umana (1 Samuele 6:20; Isaia 6:1-5; Luca 5:6-8; Salmo 2:11; Ebrei 12:28).
2) In secondo luogo dobbiamo essere santi come Dio.
Noi dobbiamo vedere la vita e il peccato per come lo vede Dio e questo lo possiamo realizzare nella consapevolezza della Sua santità! (Levitico 19:1; 1 Pietro 1:15-16). La perfezione di Dio è lo standard per il nostro carattere morale e la motivazione per essere consacrati a Lui. Come appartati per Dio, noi cristiani siamo chiamati a santificarci, ad assomigliare sempre di più a Dio! Siamo chiamati a odiare il male (Salmi 97:10), a separarci dall’impurità sia con le azioni che con i pensieri e le parole (2 Corinzi 6:14-7:1; Efesini 5:3-5; Filippesi 4:8; 1 Tessalonicesi 3:13; 4:7). Noi come credenti apparteniamo a Dio e siamo santi per l’opera di Gesù (Esodo 19:5-6; Esdra 9:2; 1 Corinzi 1:2; 1 Pietro 2:9; Ebrei 10:10-14). Santi sono coloro che Dio ha appartato per sé, che sono stati presi dal mondo per servirlo con zelo! Quindi la santità non esclude solo l'immoralità, ma anche la mediocrità, coinvolge non solo l'obbedienza alla legge, ma anche lo zelo nel servirlo! Essere santi significa dedizione incondizionata al Dio vivente attraverso il servizio e distinguersi dalla società pagana per carattere e comportamento! (Matteo 5:13-16). Indica non solo l'assenza di ogni macchia morale, ma anche la compiacenza in ogni bene morale, non solo il non fare, ma anche il fare secondo il carattere e le azioni di Dio. 
3) In terzo luogo dobbiamo adorare Dio.
Quando le creature di Dio comprendono lo splendore della Sua santità esse si inchinano in adorazione, prostrandosi umilmente e con timore dinanzi alla maestà della Sua presenza (Salmo 99:3; 99:9; Isaia 6:3; Apocalisse 4:8).           
4) Dobbiamo essere riconoscenti a Dio per Gesù.
Tramite i meriti e il sacrificio di Gesù noi possiamo avere accesso al Padre, entrare alla Sua presenza! (Romani 5:2; Efesini 2:18; Ebrei 10:19; 1 Pietro 3:18). Gesù toglie ogni barriera di peccato tra l'uomo e Dio! Tramite il Suo sacrificio un giorno vedremo Dio in tutta la Sua bellezza e santità! (1 Giovanni 3:2).

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: