Passa ai contenuti principali

Geremia 1:5: Dio governa l’occupazione di un individuo.

Geremia 1:5: Dio governa l’occupazione di un individuo.
”Prima che io ti avessi formato nel grembo di tua madre, io ti ho conosciuto; prima che tu uscissi dal suo grembo, io ti ho consacrato e ti ho costituito profeta delle nazioni”.  

Dio si preoccupa delle galassie, ma si occupa anche dei più piccoli dettagli della vita umana (cfr. Salmo 113:5,6,9; 139:16; Matteo 10:29-30).
Dio stabilisce l’occupazione di un individuo, in questo caso per Geremia aveva stabilito, prima che lo avesse formato nel grembo della madre e che nascesse, profeta delle nazioni. Dio aveva destinato che fosse un profeta, prima del suo concepimento e della sua nascita. (Altri esempi Numeri 8:19; 1 Samuele 16:1; Esodo 4:14; Ecclesiaste 2:24-25; Isaia 45:1-5; Luca 1:15-17; Galati 1:15-16). Dio irrompe nella vita di Geremia e gli comunica la decisione della sua occupazione di profeta decisa dall’eternità. Il Signore lo aveva già consacrato e costituito per il compito di profeta senza consultarlo. Dio è Sovrano!

“Ti ho conosciuto” (yaḏaʾ) ha il significato di "scegliere", come avviene in Genesi 18:19; Osea 13:5; Amos 3:2. Prima della sua nascita, anzi prima che fosse concepito, Geremia è stato scelto, era stato messo da parte, consacrato per il ruolo di profeta. 
La Bibbia ci dice che tutta l’esistenza di una persona (Salmo 139:16; Proverbi 16:9), anche gli affari (Giacomo 4:14-15), la condizione sociale (Deuteronomio 8:18; 1 Samuele 2:6-8; 1 Cronache 29:12; Giobbe 1:21; Salmo 75:7-8; Luca 1:52-53) sono governate da Dio secondo la Sua volontà.
Noi in questo versetto possiamo imparare alcune verità.
1) L’occupazione di un individuo non è improvvisa per Dio.
Nel caso della chiamata di Geremia alla missione profetica, non è stata una decisione divina improvvisa, ma è stata pianificata nell'eternità da Dio (cfr. Salmo 139:16).
2) Dio ha il diritto come Creatore di fare quello che vuole con la nostra vita (cfr. Salmo 115:3; Romani 9:19-21).
Dio ha il diritto di fare di noi quello che vuole, di darci l’occupazione che vuole, e noi dobbiamo essere sempre gioiosi e riconoscenti (1 Tessalonicesi 5:16-18) perché Dio fa sempre la cosa giusta (Deuteronomio 32:4) e saggia (Romani 16:27), ci ama (Romani 8:31-37) ed è fedele (1 Corinzi 1:9).
Il fatto che Dio governa l’occupazione di un individuo non significa che questo non sia responsabile, a questo punto è necessario fare delle precisazioni.
La prima precisazione è: Dio non è l’autore del nostro peccato! (Giacomo 1:13-15). Dio è santo (Isaia 6:3-5) e non può peccare (Abacuc 1:13)
La seconda precisazione è: non possiamo giustificare le nostre omissioni pensando che Dio fa quello che gli piace, noi siamo responsabili delle nostre azioni e siamo chiamati da Dio ad agire secondo la Sua volontà (cfr. Romani 12:1-2; Efesini 5:8-14; Giacomo 4:17).
La terza precisazione è: non dobbiamo giustificare le nostre azioni, o progetti ai danni dell’altro, siamo chiamati ad amare il prossimo come noi stessi (Matteo 22:39).

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.