Passa ai contenuti principali

Se sei un vero cristiano, guarda alle cose eterne (2 Corinzi 4:7-18)

 Se sei un vero cristiano, guarda alle cose eterne (2 Corinzi 4:7-18)

“Se mi chiedessero di azzardare un'opinione su quale sia la malattia più diffusa oggi nella chiesa, suggerirei che è lo scoraggiamento” (Martyn Lloyd-Jones).

Per quali ragioni ti scoraggi più spesso?



Quali aree della tua vita sono difficili da affidare completamente a Dio?



Quando sei stato scoraggiato o perplesso nella tua vita cristiana?



Osservare

Paolo fa un’affermazione. Paolo sta parlando del tesoro riferendosi al Vangelo della gloria di Cristo (v.4), o della conoscenza della gloria di Dio (v.6). I vasi di terra a cui si riferisce Paolo, sono i corpi dei cristiani, corpi umani normali quindi fragili, o deboli, senza un valore speciale (v.7). Perché Paolo sottolinea questo “tesoro” e “in vasi di terra”? Qual è lo scopo di questa grande potenza, cioè della potenza trasformatrice del Vangelo, o la luce della conoscenza della gloria di Dio che rifulge nel volto di Gesù Cristo? Che cosa enfatizza Paolo? (2 Corinzi 4:8)



Che cosa affrontano i cristiani per il Vangelo? Qual è la loro drammatica chiamata? (2 Corinzi 4:8-9)



Nonostante tutto ciò che i cristiani affrontano, quale incoraggiamento possono avere? Perché non dobbiamo mai scoraggiarci? (2 Corinzi 4:8-9)



Paolo conclude il suo elenco di esperienze descrivendolo Cristologicamente. Come chiamò Paolo le sue sofferenze? (2 Corinzi 4:10)



Che valore dava Paolo alle sue sofferenze? (2 Corinzi 4:10-12)



Cosa spinse Paolo a predicare il Vangelo nonostante le difficoltà? (2 Corinzi 4:13-14)



Che cosa Paolo ha in mente? Qual è la ragione del Suo servizio cristiano? (2 Corinzi 5:15)



In che modo Paolo incoraggiò la chiesa di Corinto ad andare avanti nonostante le difficoltà? (2 Corinzi 4:16-18)



Imparare 

Perché è incoraggiante che la potenza di trasformare le persone si trova in Dio e non in coloro che predicano il Vangelo?



Sapere che Dio manifesta la Sua potenza e usa la fragilità del servitore umano serve a mantenere l'attenzione sul Dio del Vangelo, non sul Suo messaggero che cosa implica per il servitore?



La sofferenza fa parte del servizio cristiano, è una caratteristica normale, ma Dio non abbandona i Suoi servi, quando soffri per la tua fede in Gesù Cristo come dovresti reagire? (cfr. Matteo 5:11-12; Atti 5:41)



Paolo era consapevole della dinamica della vita divina in e attraverso di lui (cfr. Galati 2:20). Egli porta la morte di Gesù allo scopo di rivelare la Sua vita, cioè la risurrezione, che non si riferisce solo alla vita terrena e al ministero di Gesù, ma piuttosto sia alla vita vissuta dal Gesù risorto, il Signore vivente, sia alla vita offerta alle persone dal Gesù risorto, attraverso il nuovo ministero potente dello Spirito Santo che riguarda la predicazione del Vangelo per la salvezza dei perduti, e quindi una nuova vita in Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:6; 4:5). Se Gesù e Paolo nella loro umanità, e quindi fragilità, sono stati usati per la salvezza dei peccatori, non dovrebbe sorprenderci che la potenza di Dio possa usare anche noi per portare il Vangelo a chi non lo conosce ed essere usati per la loro salvezza, questa verità che cosa suscita in te?



La ragione per cui Paolo predicava è la fede. Come definiresti la fede?



Paolo parla di due eventi storici in questo passo riguardo a Gesù. Quali sono gli elementi centrali del Vangelo e quindi della fede cristiana che riguardano Gesù Cristo? (cfr. 1 Corinzi 15:1-9).



La risurrezione di Gesù è il prototipo e il fondamento della risurrezione di tutti i credenti; grazie a Gesù i credenti risusciteranno per la potenza di Dio e staranno con Gesù, condivideranno il suo destino per sempre. Qual è la tua reazione a riguardo?



Mentre Paolo affronta la minaccia della morte, si concentra sulla resurrezione che è fonte di stimolo, resistenza, servizio, coraggio, fiducia e speranza. Lo scopo del servizio di Paolo, un servizio caratterizzato dalla sofferenza e dal duro lavoro, era il bene, la resurrezione e la presenza con Cristo, quindi la salvezza dei credenti, affinché rendano grazie alla gloria di Dio. Che cosa c’insegna questa visione di Paolo?



Paolo nei vv.16-18, fa una logica conclusione del discorso precedente sulla certezza della resurrezione dicendo di non scoraggiarci, che ci fa capire del perché è disposto a soffrire e a morire per la predicazione del Vangelo. Con tre contrasti, Paolo dà tre ragioni per cui i veri cristiani non devono scoraggiarsi. Come puoi trovare nuovi stimoli nel servire Gesù Cristo?  



Applicare

A chi puoi predicare il Vangelo?



Come puoi allora rafforzare la tua fede? 



Che cosa devi ricordare la prossima volta quando ti senti scoraggiato?



Come potresti incoraggiare un altro cristiano che è confuso, o impantanato dalle preoccupazioni della vita?



Bibliografia

Abernathy, D. (2008). An Exegetical Summary of 2 Corinthians (2nd ed.). Dallas, TX: SIL International.

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Garland, D. E. (1999). 2 Corinthians (Vol. 29). Nashville: Broadman & Holman Publishers.

Guthrie, G. H. (2015). 2 Corinthians. (R. W. Yarbrough & R. H. Stein, A C. Di). Grand Rapids, MI: Baker Academic.

Harris, M. J. (2005). The Second Epistle to the Corinthians: a commentary on the Greek text. Grand Rapids, MI; Milton Keynes, UK: W.B. Eerdmans Pub. Co.; Paternoster Press.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Martin, R. P. (1986). 2 Corinthians (Vol. 40). Dallas: Word, Incorporated.

Sargent, T. (2007). Gems from Martyn Lloyd-Jones: An Anthology of Quotations from «the Doctor». Milton Keynes, England;  Colorado Springs, CO;  Hyderabad, AP: Paternoster.

Seifrid, M. A. (2014). The Pillar New Testament Commentary: The Second Letter to the Corinthians. (D. A. Carson, A C. Di). Grand Rapids, MI; Cambridge, U.K.; England: William B. Eerdmans Publishing Company; Apollos.


Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: