Passa ai contenuti principali

Umiliati davanti a Dio (1 Pietro 5:5-11)

 Umiliati davanti a Dio (1 Pietro 5:5-11)

“L'umiltà è l'inizio della vera intelligenza” (Giovanni Calvino)


Perché è difficile umiliarsi davanti a Dio?



Quali sono le tue maggiori preoccupazioni?



C’è stata una circostanza dove hai sperimentato una lotta spirituale contro il diavolo? Come hai reagito?



Le difficoltà e le sofferenze fanno parte della vita, perché fanno parte del piano di Dio?



Osservare

Perché i cristiani a cui scrisse Pietro, furono esortati a umiliarsi sotto la potente mano di Dio? (1 Pietro 5:5-6)



In che cosa consiste umiliarsi sotto la potente mano di Dio, cosa disse di fare Pietro ai suoi lettori con le loro preoccupazioni? (1 Pietro 5:7)



Quali esortazioni fa Pietro ancora ai suoi lettori? Perché? (1 Pietro 5:8)



Gli attacchi del diavolo erano, e sono un attacco per tutti i cristiani, quale deve essere la nostra reazione a questi attacchi? (1 Pietro 5:9)



Come viene chiamato Dio? (1 Pietro 5:10)



A che cosa sono stati chiamati i lettori a cui scrisse Pietro?  (1 Pietro 5:10)



La sofferenza è per breve tempo, dopo cosa farà il Signore nei cristiani? Quali promesse, o predizioni troviamo? (1 Pietro 5:10)



Pietro loda Dio, che cosa dice? (1 Pietro 5:11)



Imparare

Perché Pietro esorta a umiliarsi sotto la potente mano di Dio? 



“Umiliatevi” significa riconoscere la sovranità di Dio che ha tutto sotto controllo, anche le difficoltà, significa avere un atteggiamento di dipendenza da Dio e sottomissione fiduciosa alla Sua cura e alla Sua protezione.  Perché essere umili davanti a Dio è difficile?



La potente mano di Dio, che c’innalza a suo tempo si riferisce alla liberazione dalla difficoltà, o dalla sofferenza, la mano potente di Dio è la Sua azione onnipotente, quindi irresistibile ed efficace. È stata la mano di Dio che ha liberato Israele dall'Egitto (per esempio, Esodo 3:19; 6:1; 13:3, 9, 14, 16; Deuteronomio 9:26, 29; 26:8; Geremia 21:5; Ezechiele 20: 33-34), quale incoraggiamento trovi nella potente mano di Dio?



Dio non c’innalza, cioè interviene, e quindi ci libera, sempre quando noi vogliamo, ma quando avviene è il momento giusto, il tempo stabilito secondo la volontà di Dio. Cosa significa per te?



La preoccupazione eccessiva, l’ansia ha un effetto debilitante sulla nostra vita e deriva dalla nostra perdita di fiducia e sicurezza. Nella certezza che il Dio di ogni grazia si prende cura di te ed è potente e interviene nel momento giusto, come puoi considerare le tue preoccupazioni?



“Gettare su Dio ogni preoccupazione” descrive un atto deliberato, è un’immagine molto particolare, indica l'atto di esercitare uno sforzo per lanciare via qualcosa lontano da noi stessi, in questo caso le preoccupazioni. Come puoi gettare le tue preoccupazioni sul Signore?



C’è una lotta spirituale tra il diavolo e Dio e quelli che gli appartengono. Pietro ci esorta a essere sobri e vigili, vale a dire a stare in guardia, a stare molto attenti a non lasciarci ingannare dal diavolo che cerca di “divorare”, cioè di annientare, o portare alla rovina spirituale, distruggere la fede, indurre i credenti ad allontanarsi dal Signore. Quali mezzi usa il diavolo per “divorare” i cristiani?



"Resistere" significa “prendere posizione contro”, come dovresti resistere al diavolo?



I cristiani soffrono, ma non devono temere la sofferenza, sapendo che nulla può separarli dall'amore di Cristo (Romani 8:31–39). Sapendo che Colui che serviamo è il Dio di ogni grazia che ci ha chiamati alla Sua gloria eterna in Cristo, cioè nella esaltata e beata perfezione con Dio in cielo (Luca 24:26; Giovanni 17:5, 24; Filippesi 3:20-21; 1 Timoteo 3:16; 2 Timoteo 2:10; 1 Pietro 1:3-5; 5:1), e sapendo che la sofferenza è per breve tempo, e poi Dio poi ci farà crescere, come cambia la tua prospettiva verso di essa e il Signore?



Pietro conclude riconoscendo la potenza di Dio che è eterna, quale significato ha in questo contesto della lotta spirituale contro il diavolo?



Applicare

Quali preoccupazioni getterai oggi su Dio?



Come puoi incoraggiare un fratello in fede che sta lottando contro il diavolo?



Per quali motivi puoi adorare e lodare Dio?



Bibliografia

Abbott-Smith, G. (1922). A Manual Greek Lexicon of the New Testament. New York: Charles Scribner’s Sons.

Abernathy, D. (2008). An Exegetical Summary of 1 Peter (2nd ed.). Dallas, TX: SIL International.

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Davids, P. H. (1990). The First Epistle of Peter. Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

MacArthur, J. F., Jr. (2004). 1 Peter. Chicago: Moody Publishers.

Woods, G. N. (1991). W7-3267 GAC - Peter, John, Jude. WORDsearch.

Zodhiates, S. (2000). The complete word study dictionary: New Testament (electronic ed.). Chattanooga, TN: AMG Publishers.


Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: