Passa ai contenuti principali

Trova conforto in Dio! (Isaia 40:1-11)

 Trova conforto in Dio! (Isaia 40:1-11)

“Un uomo deve riposare interamente su Dio, in modo che non abbia bisogno di cercare molto conforto nelle mani degli uomini” (Tommaso da Kempis).


In che modo, secondo te, le persone si consolano per le difficoltà della vita?



Qual è uno dei messaggi più confortanti che hai mai ricevuto da un cristiano?



C’è stato qualcosa che ti ha fatto capire quanto l’umanità sia fragile?



Osservare

Come inizia Isaia il messaggio di Dio? (Isaia 40:1)



I Giudei sono in esilio a Babilonia per il giudizio di Dio a causa dei loro peccati, ma ora è arrivato il tempo per Gerusalemme di essere rianimata, ricostruita e riabilitata. Il periodo di miseria è finito, così anche il debito della sua iniquità. Non viene specificato a quali messaggeri si rivolge Isaia, se hai sacerdoti, o ai profeti, ma quello che è importante è il messaggio di Dio che devono portare. Quale messaggio è comandato di comunicare? (Isaia 40:2)



La comunicazione del messaggio non deve essere fatta in modo timido e incerto, Isaia parla di una voce di un messaggero, che cosa fa? (Isaia 40:3)



Alla voce del messaggero, che era la voce di un araldo, cioè del messaggero di un grande re conquistatore che va prima di lui e prepara una strada idonea per lui, tutti gli uomini devono ascoltare. Il messaggio ha uno scopo. Dove e che cosa devono preparare e appianare gli abitanti di Gerusalemme? (Isaia 40:3)



Isaia usa delle immagini per indicare il cambiamento morale e spirituale dei Giudei, il popolo deve fare i preparativi spirituali appropriati per l'arrivo di Dio (Cfr. Salmo 24:3-10; 50:23; 68:1-4; Isaia 42:16; 48:17-18; 55:6-9; Matteo 3:1-8), deve rimuovere ogni barriera spirituale che potrebbe ostacolare la venuta del loro Dio, quali sono queste immagini? (Isaia 40:4)



Quale sarà la conseguenza del cambiamento morale e spirituale? Perché possono essere sicuri? (Isaia 40:5)



Il secondo messaggio di una voce che grida quale sarà? Quale doppia realtà e contrasto troviamo? (Isaia 40:6-8)



Come nei vv. 3–5, la salvezza è Dio stesso che salva il Suo popolo, con la Sua presenza. Il messaggio dell’arrivo del Signore deve essere sentito da tutti e deve essere predicato con coraggio? Che cosa è esortato a fare il messaggero? Quali immagini sono descritte? (Isaia 40:9)



“Ecco, il suo salario è con lui, la sua ricompensa lo precede”, può indicare che porterà con sé il bottino della sua vittoria, il suo salario di soldato e li distribuirà tra il suo popolo, come anche può indicare che il bottino è il suo popolo redento stesso che viene portandolo con sè, comunque si riferisce alla vittoria del Signore. Com’è possibile questo? Come arriva il Signore? (Isaia 40:10)



In quale altro modo Isaia descrive la relazione di Dio con il Suo popolo che mostra il Suo amore, cura intima e tenerezza? Che cosa farà del Suo popolo? (Isaia 40:11)



Imparare

In che modo il messaggio di conforto di Isaia si applica a noi oggi?



Quali ostacoli morali e spirituali ci sono tra noi e l’esperienza della presenza di Dio?



La rivelazione della gloria di Dio è uno dei temi dominanti di Isaia. La gloria di Dio è la presenza del Signore (Esodo 16:10; 40:34-35), è la manifestazione del Suo carattere, e non si riferisce solo al ritorno dei Giudei dall’esilio, ma anche alla realizzazione dello scopo salvifico di Dio per tutti gli altri popoli (cfr. Isaia 2:1–4; 65:17-66:24). Questo è il giorno che porterà il conforto di Dio a tutte le persone; è un giorno che tutti i credenti aspettano (cfr. Matteo 16:27; 24:30; Marco 8:38; Giovanni 17: 22–24). Questo evento lo stai attendendo? Perché?



La necessità di prepararsi prima della venuta del Signore fu presa anche da Malachia, che parlò del messaggero del Signore che avrebbe preparato la via davanti a lui (Malachia 3:1). Entrambe le profezie si adempirono nel ministero di Giovanni Battista (cfr. Matteo 3:3; Marco 1: 2–3; Luca 1:17, 76; 3:4–6; Giovanni 1:23), il cui ministero era di preparare la strada con un messaggio di un battesimo di ravvedimento per il perdono dei peccati (Marco 1:4). Nell'attesa della seconda venuta del Signore (Matteo 24:1-35; Filippesi 3:20-21; 1 Tessalonicesi 4:13-18; 2 Tessalonicesi 2:2), quindi che la fine di tutte le cose è vicina, come dobbiamo attendere questo ritorno? (cfr. Matteo 24:42, 44; Luca 12: 35–40; 1 Pietro 4:7; 2 Pietro 3:8-9).



Il servo di Gesù Cristo, non ha lo stesso ministero di Giovanni Battista, però è chiamato a servirlo, in che modo? (Matteo 28:18-20; Atti 1:8; 2 Corinzi 5:20)



Quale implicazione ha l’eternità della Parola di Dio?



Cosa significa che il Signore è il pastore che si prende cura delle Sue pecore, cioè del Suo popolo?



Applicare

Quali ostacoli spirituali devi togliere dalla tua vita affinché tu possa sperimentare Dio?



Questa settimana potresti incoraggiare delle persone che conosci con la parola di Dio. Che parola di conforto gli puoi dare?


 

Quali qualità di Dio saranno al centro della tua meditazione e lode in questa settimana?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.


La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.


Leupold, H. C. (1971). Exposition of Isaiah (Vol. 2). Grand Rapids, MI: Baker Book House.


Mackay, J. L. (2009). A Study Commentary on Isaiah: Chapters 40–66 (Vol. 2, pag. 21). Darlington, England; Carlisle, PA: EP Books

Morgan, R. J. (2000). Nelson’s complete book of stories, illustrations, and quotes (electronic ed.). Nashville: Thomas Nelson Publishers.

Motyer, J. A. (1996). The prophecy of Isaiah: an introduction & commentary. Downers Grove, IL: InterVarsity Press.

Ortlund, R. C., Jr., & Hughes, R. K. (2005). Isaiah: God saves sinners. Wheaton, IL: Crossway Books.


Oswalt, J. N. (1998). The Book of Isaiah, Chapters 40–66. Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.


Smith, G. (2009). Isaiah 40-66 (Vol. 15B, pagg. 95–96). Nashville, TN: Broadman & Holman Publishers.


The Complete Biblical Library: Isaiah: 22-Volume Bundle. (2000). WORDsearch.


Watts, J. D. W. (2005). Isaiah 34–66 (Revised Edition, Vol. 25). Nashville, TN: Thomas Nelson, Inc. 


Young, E. (1972). The Book of Isaiah, Chapters 40–66 (Vol. 3). Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.


Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: