Passa ai contenuti principali

Sii soddisfatto in Dio (Filippesi 4:10-20)

 Sii soddisfatto in Dio (Filippesi 4:10-20)

"La soddisfazione cristiana è quella cornice di spirito dolce, interiore, quieta e graziosa, che si sottomette liberamente e si diletta nella disposizione saggia e paterna di Dio in ogni condizione" (Jeremiah Burroughs)


Quali esperienze ti danno più soddisfazioni?



Quand'è stato l’ultima volta in cui ti sei sentito contento nel bel mezzo di problemi, o incertezze?



Come gestisci gli imprevisti della tua vita?



Osservare

Paolo era un missionario, e quindi era sostenuto dalle chiese, si trovava in prigione a Roma quando scrisse questa lettera, ma nonostante tutto gioiva grandemente.  Perché era contento? (Filippesi 4:10-13)



Anche se Paolo ha apprezzato la generosità dei Filippesi voleva chiarire che era non era insoddisfatto. La sua espressione di gioia non dipendeva dall’appagamento dei suoi bisogni materiali. Paolo enfatizza ciò che aveva imparato. Quale lezione aveva imparato Paolo? (Filippesi 4:11-12)



Paolo fa una dichiarazione di fede che ci fa capire perché poteva affrontare tutti i tipi di circostanze. Perché Paolo poteva affrontare qualsiasi tipo di circostanza? (Filippesi 4:13)



Paolo ritorna al motivo della gioia del v.10. Cosa fecero i Filippesi riguardo alle afflizioni di Paolo? Qual è l’apprezzamento di Paolo verso i Filippesi? Che cosa sottolinea? (Filippesi 4:14)



Paolo ricorda ai cristiani di Filippi un episodio passato che riguarda i suoi inizi da predicatore del Vangelo sottolineando che fu l’unica chiesa a sostenerlo. In che modo i Filippesi avevano sostenuto Paolo in passato? Cosa enfatizza Paolo? (Filippesi 4:15-16)



Paolo attira l’attenzione su cosa non voleva. Cosa non ricercava Paolo? (Filippesi 4:17)



Cosa ricercava Paolo per i Filippesi? (Filippesi 4:17)



Paolo riconosce e apprezza il dono della chiesa di Filippi, lo vedeva come un atto sacrificale di adorazione a Dio, lo chiama un “profumo di odore soave” (cfr. Genesi 8:20–21; Esodo 29:18; Levitico 1:9, 13, 17; Numeri 15:3),  “un sacrificio accettevole”  (cfr. Levitico 19:5; 22:29; Isaia 56:7),  “gradito a Dio”  (cfr. Salmo 51:19). Qual era l’attuale situazione finanziaria di Paolo? (Filippesi 4:18)



Come reagì Paolo alla generosità dei Filippesi? (Filippesi 4:18-19)



Quale promessa troviamo in questo versetto? (Filippesi 4:19)



Dio deve essere lodato non solo per aver operato nei Filippesi e per mezzo di essi hanno sostenuto Paolo materialmente, ma anche per la certezza che Dio soddisferà tutti i loro bisogni, materiali e spirituali. Qual è il contenuto della lode di Paolo? (Filippesi 4:20)



Imparare

La soddisfazione nella vita è una virtù sfuggente. Nonostante Paolo affrontasse circostanze molto gravi, era un uomo assolutamente soddisfatto, contento. Come poteva Paolo essere così flessibile alle circostanze della vita che a volte erano dure?



Nella vita non sappiamo ciò che ci accadrà. Cosa t’insegna Paolo su come gestire gli imprevisti della vita?



Paolo sapeva gioire in ogni circostanza ed essere libero dall'ansia. Cosa puoi imparare da Paolo sull'essere contento nelle varie circostanze della vita? Come poteva affrontarle serenamente e con gioia senza lamentarsi?



I cristiani di Filippi aiutarono Paolo; questo è un gesto che è stato apprezzato da Paolo e l’ha visto come un atto sacrificale di adorazione a Dio. Come può stimolarti e come puoi aiutare gli altri che sono in difficoltà?



Come puoi aiutare i missionari con esigenze finanziarie?



Dio provvederà splendidamente, secondo le Sue ricchezze in Cristo, quindi la misura dell'aiuto e del sostegno di Dio è secondo la misura delle Sue ricchezze! Cosa implica questo?



“Dare gloria a Dio” non è aggiungere qualcosa che non è già presente in Lui; è piuttosto riconoscere ed esaltare ciò che è, o ha fatto. Per quali motivi puoi dare gloria a Dio?




Applicare

Questa settimana, cosa puoi fare per aiutare qualcuno che ha bisogno di sostegno finanziario?



Chi conosci che ha bisogno del tuo incoraggiamento?



Cosa puoi fare per sviluppare un atteggiamento di contentezza in tutte le circostanze?



Come puoi affrontare le tue ansie?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Blanchard, J. (2006). In The Complete Gathered Gold: A Treasury of Quotations for Christians. Webster, New York; Darlington, England: Evangelical Press.


Fee, G. D. (1995). Paul’s Letter to the Philippians. Grand Rapids, MI: Wm.B. Eerdmans Publishing Co.


Hansen, G. W. (2009). The Letter to the Philippians . Grand Rapids, MI; Nottingham, England: William B. Eerdmans Publishing Company.


La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

MacArthur, J. F., Jr. (2001). Philippians. Chicago: Moody Press.

O’Brien, P. T. (1991). The Epistle to the Philippians: a commentary on the Greek text. Grand Rapids, MI: Eerdmans.


Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: