Passa ai contenuti principali

Fidati dei progetti che il Signore ha per te (Geremia 29:1-14)

 Fidati dei progetti che il Signore ha per te (Geremia 29:1-14)

“La promessa di Dio non è mai fuori dai suoi pensieri” (William Gurnall)



Come reagisci a un’opinione quando ti sembra assurda?  



C’è stato nella tua vita un cambiamento di programma importante obbligato? Come hai reagito?



Che tipo di cose faresti se ti trasferissi in una nuova città e sei obbligato a viverci?



Osservare

A chi inviò una lettera il profeta Geremia mentre viveva a Gerusalemme? Dove si trovavano i suoi destinatari? (Geremia 29:1-2)



Da chi fu portata la lettera di Geremia? (Geremia 29:3)



Geremia, secondo la volontà di Dio, scrive enfaticamente qualcosa affinché i destinatari della lettera facessero particolarmente attenzione, è qualcosa che può sembrare rivoluzionario, anti patriottica e assurda. L'obiettivo del messaggio agli esiliati era di stabilirsi a Babilonia per un lungo soggiorno e vivere lì una vita normale; l'esilio non sarebbe stato breve. Quali comandi specifici il Signore diede agli esiliati? (Geremia 29:4-6)



Con quale nome di Dio si apre la lettera? Quale nome è specificato? (Geremia 29:4)



Le parole di Geremia sembravano ancora più rivoluzionarie, anti patriottiche e assurde. Che cosa voleva il Signore riguardo quei Giudei esiliati? Che cosa dovevano fare nel paese straniero in cui furono deportati? Per quale motivo? (Geremia 29:7)



Il Signore degli eserciti da una motivazione per cui dovevano comportarsi in un certo modo. Da chi dovevano stare attenti per non essere ingannati gli esiliati Giudei in Babilonia? (Geremia 29:8-9)



Geremia riporta un’altra dichiarazione del Signore che presenta una visione positiva del futuro. In questo modo quelli che erano in esilio potevano essere incoraggiati. Il Signore degli eserciti ha un progetto per gli esiliati. Dio è sovrano sulla storia degli uomini. Geremia fa una profezia, una promessa. Dopo quanto tempo Dio riporterà il Suo popolo nel loro paese in Giudea? (Geremia 29:10)



Sembrerebbe che quando Geremia scrisse questa lettera c’era molto risentimento contro il Signore e mancanza di fiducia, ora il Signore li vuole incoraggiare. Il ritorno a casa è motivato da che cosa? Qual era la natura dei piani di Dio per il Suo popolo? (Geremia 29:11)



Quali promesse troviamo del Signore per il Suo popolo? (Geremia 29:12-13)



Quale condizione viene sottolineata per le promesse? (Geremia 29:12-13)



Dio è sovrano su tutte le nazioni, nessuno può impedire il Suo disegno.  Nella Bibbia troviamo che le profezie di Dio si compiono.  Il Signore fa ancora una dichiarazione Cosa farà al Suo popolo? Che profezia e promessa troviamo? (Geremia 29:14)



Imparare

Gli esiliati non devono essere mal disposti verso la terra in cui si trovano, anche se vi sono stati portati con la forza. Dovevano cercare il bene della città dove Dio li aveva fatti deportare e pregare per essa, questa era davvero la parte più difficile delle istruzioni divine. Anche il Nuovo Testamento incoraggia a pregare per i nemici (cfr. Matteo 5:43–48; Romani 12:21; Tito 3:1–2; 1 Pietro 2:18). Qual è secondo te la reazione emotiva della maggior parte delle persone se si chiedesse di pregare per la prosperità dei loro nemici che li hanno deportato?



Il benessere della terra non doveva essere cercato solo con mezzi secolari. In modo preminente doveva avvenire mediante la preghiera. Come pensi che Dio vorrebbe che tu pregassi per la tua nazione?



Dio è “il Signore degli eserciti” significa che è onnipotente, che combatte per il Suo popolo usando il creato come Suo esercito, alla luce che i Giudei si trovano esiliati in terra nemica perché Geremia specifica questo nome? Che cosa significa per la tua vita?



I pensieri del Signore per il Suo popolo erano per il loro benessere e non per la loro sofferenza. Perché era importante che gli esiliati sapessero che Dio aveva intenzione di farli prosperare e non per la loro miseria, o avversità?



La rivelazione data da Geremia era rivoluzionaria e del tutto contrario a quello data dai falsi profeti di Babilonia, andava contro corrente, eppure Geremia non si tira indietro dall’annunciare la verità di Dio. Come puoi considerare questo nel tuo servizio per il Signore? 



L’accusa contro i falsi profeti è frequente nel libro di Geremia (Geremia 23:21, 32; 27:15; 28:15; 43:2). Il contenuto delle bugie non è specificato, forse non dovevano ricercare la pace (v.7) e quindi la sottomissione ai Babilonesi (Geremia 27:9, 28:11). Questo passo ci fa capire che non ci possiamo fidare di tutti quelli che parlano dicendo che provengono da Dio anche se ci dicono cose belle. La menzogna può sembrare bella e seducente. Come possiamo discernere un vero profeta mandato da Dio da un falso profeta? 



È molto importante cercare Dio, ma ancora più importante è come cercarlo. Perché Dio vuole che lo cerchiamo con tutto il cuore?



Cosa significa cercare Dio con tutto il tuo cuore?



Molte volte ciò che promettiamo non realizziamo portando così delusione agli altri, ma per il Signore della storia non è così. Nonostante le apparenze a volte possano sembrare contrarie, il Signore non negava loro la speranza per il futuro, anche se non l’avrebbe realizzata immediatamente, o nel prossimo futuro, certamente l’avrebbe realizzata. Cosa significa che le profezie e le promesse di Dio si realizzano?



Applicare

Come puoi imparare a discernere il falso dal vero profeta? Cosa puoi crescere in questo?



Per quale persona che pensi sia tuo nemico, puoi cominciare a pregare?



Quali promesse di Dio devi fare tue in questo momento della tua vita? 



Cosa suscita in te il fatto che si possa cercare e trovare Dio?



Bibliografia

Adult Questions for LESSONmaker New Testament Questions, copyright © 1992 by iExalt, Inc. Old Testament Questions copyright © 1994 by iExalt, Inc. All rights reserved. Database © 2006 WORDsearch Corp.

Blanchard, J. (2006). In The Complete Gathered Gold: A Treasury of Quotations for Christians. Webster, New York; Darlington, England: Evangelical Press.

Feinberg, C. L. (1986). Jeremiah. In F. E. Gaebelein (A C. Di), The Expositor’s Bible Commentary: Isaiah, Jeremiah, Lamentations, Ezekiel (Vol. 6). Grand Rapids, MI: Zondervan Publishing House.

Huey, F. B. (1993). Jeremiah, Lamentations (Vol. 16). Nashville: Broadman & Holman Publishers.

Keown, G. L. (1995). Jeremiah 26–52 (Vol. 27). Dallas: Word, Incorporated.

La Sacra Bibbia, Nuova Riveduta, Società Biblica di Ginevra, Ginevra, 1994.

Mackay, J. L. (2004). Jeremiah: An Introduction and Commentary: Chapters 21–52 (Vol. 2). Fearn, Ross-shire, Scotland: Mentor.

Thompson, J. A. (1980). The Book of Jeremiah. Grand Rapids, MI: Wm. B. Eerdmans Publishing Co.


Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: