Passa ai contenuti principali

Malachia 3:6: L’immutabilità di Dio.

Malachia 3:6: L’immutabilità di Dio.
Il futuro mai come adesso è incerto a causa del covid-19, dobbiamo imparare a convivere con questo virus. Molti sono del parere che non sarà tutto come prima. 
Giornalisti, scienziati, sociologi, economisti si chiedono come sarà la nuova normalità. Come sarà la politica? Come sarà l’economia? Le piccole attività prospereranno in futuro? Si lavorerà da casa? Come sarà la nostra società soprattutto nelle aree metropolitane? Ci sarà una reazione collettiva, o individualista, a quello che sta succedendo nel mondo? La società sarà migliore di quella di adesso? Si ritornerà a quello che eravamo dopo la seconda guerra mondiale? Ci sarà più nazionalismo, o globalità? Ci sarà più cooperazione, o chiusura tra le nazioni? Ci sarà un nuovo equilibrio tra est e ovest? Dobbiamo aver paura che la nostra libertà diminuirà a causa della tecnocrazia per quanto riguarda la raccolta dei dati? Quale sarà allora la nuova normalità? Al di là del coronavirus, la vita è fatta di tanti cambiamenti! Tutto e tutti cambiamo, ma non Dio! È importante fare due precisazioni sull’immutabilità di Dio. 

La prima precisazione è: l’immutabilità di Dio non è staticità. Dio non è immobile! Si può confondere l’immutabilità come a un qualcosa di statico, inattivo, monotono, apatico, indifferente, incapace di vita e di fare cose nuove. Il Dio della Bibbia non è così! Il Dio della Bibbia non è un Dio statico, immobile, freddo e distaccato, è un Dio che interviene con coerenza nella storia, il Dio che crea e rinnova, che si preoccupa di quello che avviene sulla terra! Dio non dorme mai! (cfr. Giovanni 5:17; Romani 11:36; Efesini 1:11). 
La seconda precisazione è: l’immutabilità di Dio non è svilupparsi. Dio non è un, o in divenire. Per alcuni Dio non è, ma è qualcuno che diventa! Nel senso può cambiare di se stesso ogni cosa e diventare la qualsiasi cosa! Dio non può cambiare in meglio, o in peggio! Dio è perfetto! (Matteo 5:48). Dio è eterno (Salmi 90:2). Dio è Dio da sempre, e sarà anche così per sempre! Quindi quando si parla dell’immutabilità di Dio parliamo del fatto che la vita di Dio non cambia perché è eterno, noi siamo condizionati dal tempo, ma Dio non lo è! (Salmi 102:23-27; Geremia 10:10; 1 Timoteo 6:16). Non solo la Sua vita, ma anche il carattere di Dio non cambia. Esodo 3:14-15 dice: “Dio disse a Mosè: 'Io sono colui che sono'. Poi disse: 'Dirai così ai figli d'Israele: -l'IO SONO mi ha mandato da voi-'. Dio disse ancora a Mosè: 'Dirai così ai figli d'Israele: -Il SIGNORE, il Dio dei vostri padri, il Dio d'Abraamo, il Dio d'Isacco e il Dio di Giacobbe mi ha mandato da voi-'. Tale è il mio nome in eterno; così sarò invocato di generazione in generazione”. “Signore” (Yahweh) vuol dire “Colui che è”, e viene dalla parola “Io Sono” del v.14 (hā∙yā). Implica diversi significati importanti come auto esistente, essere una realtà attiva e presente, che subentra in scena, infatti si è presentato a Mosè per intervenire nella vita del Suo popolo per liberarli. Ma implica anche la Sua esistenza autonoma e la Sua eterna immutabilità! Quindi per immutabilità si intende che Dio è quello che è nella Sua essenza e carattere dall’eternità, ciò che era è e sarà, quindi non cambierà! Nella immutabilità di Dio, non cambia nemmeno la Sua verità, e non può essere diversamente, perché Dio è Onnisciente e Presciente, se Dio non sapesse tutte le cose sarebbe mutevole nella Sua conoscenza e quindi nella verità. Noi, a volte diciamo cose che in effetti, non vogliamo dire perché non abbiamo le idee chiare, a volte possiamo cambiare idea su un argomento, altre volte ci rimangiamo quello che diciamo perché abbiamo capito che siamo nel torto, o per altri motivi. Noi uomini siamo instabili e quindi anche le nostre parole, ma la parola di Dio no! “L'erba si secca, il fiore appassisce, ma la parola del nostro Dio dura per sempre" (Isaia 40:8; cfr. Salmo 90:5-6; 119:89,151,152). Così non cambiano mai i progetti di Dio! (Ebrei 6:17;). Il piano di Dio è infallibile! (Salmo 33:11; Isaia 46:9-11). Ciò che Dio ha determinato Lui realizzerà sicuramente, il suo progetto è immutabile! Molto spesso i nostri progetti possono cambiare: a volte gli studi, il lavoro, le vacanze, devono subire dei mutamenti forse perché siamo stati superficiali nei calcoli, non abbiamo avuto discernimento, forse perché abbiamo fatto il passo più lungo della gamba, ci siamo incamminati in un qualcosa più grande delle nostre possibilità. Dio non rivede e cambia il proprio piano! Dio non lo fa mai, non ne ha bisogno, perché i Suoi piani sono concepiti sulla base di una conoscenza e di un controllo totale, che si estendono a tutte le cose e di tutti i tempi (passato, presente e futuro), in questo modo non possono esservi emergenze improvvise o sviluppi imprevisti che lo colgano di sorpresa. Per esempio il sacrificio di Gesù non è stato un piano fatto per tappare il buco del peccato dopo che Adamo ed Eva peccarono, ma tutto faceva parte del Suo piano prima della creazione come ci dice 1 Pietro 1:18-20. Dio è presciente, onnisciente, sovrano, onnipotente, giusto, saggio e perfetto, quindi non ha bisogno di correggere i suoi piani!
Non sappiamo cosa ci riserva il futuro, quale sarà la nuova normalità a causa del coronavirus, in questo clima d’incertezza, possiamo ricordare essere sicuri e credere che Dio è immutabile e non cambierà mai!

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…