Passa ai contenuti principali

1 Tessalonicesi 5:19: Non spegnete lo Spirito

1 Tessalonicesi 5:19: Non spegnete lo Spirito
“Non spegnete lo Spirito”.

La Bibbia ci esorta a essere ripieni di Spirito Santo (Efesini 5:18). Ci sono tre condizioni necessari per la pienezza, tre imperativi, uno di questi è: “Non spegnete lo Spirito”. 
“Spegnete” (Sbennute –presente attivo imperativo) è appropriato perché uno dei simboli dello  Spirito Santo è il fuoco, (Geremia 20:9; Atti 2:3) )e questa parola è usata per estinguere il fuoco, (Matteo 12:20; 25:8; Marco 9:48; Ebrei 11:34), o anche per annientare, cancellare (2 Samuele 14:7; Proverbi 10:7).
Quello che ci viene esortato categoricamente è di non soffocare lo Spirito Santo, di non reprimerlo, spegnerlo come si fa con lo spegnimento di un fuoco.  Letteralmente è: “Smettete di soffocare continuamente lo Spirito”. Ora non è la persona dello Spirito Santo che viene soffocata, ma l’attività fervente, la manifestazione dello Spirito Santo. Siamo chiamati a non limitarlo, a non sopprimerlo con la nostra resistenza, con la nostra disobbedienza, soprattutto a non soffocare i doni spirituali. Il dono spirituale è la capacità che il Signore Gesù dona mediante lo Spirito Santo ai singoli credenti per renderli atti a servire Dio in modo specifico. Ogni credente ha almeno un dono, questi servono per il buon funzionamento della chiesa e tutti i credenti sono importanti per la crescita della chiesa (1 Corinzi 12:4-11,22-25).

Le manifestazioni della presenza dello Spirito, attraverso i doni spirituali, sono per il bene della comunità e per questo motivo non dovrebbero essere soffocati. Quanti membri di chiesa sono scoraggiati, oppure ostacolati nel servire il Signore? Quanti cristiani non servono il Signore, non mettono al servizio della loro chiesa i doni spirituali? Ebbene questi hanno spento lo Spirito Santo! Non dobbiamo trascurare il dono che Dio ti ha dato. Paolo esorta Timoteo dicendo: “Non trascurare il dono che è in te e che ti fu dato mediante la parola profetica insieme all'imposizione delle mani dal collegio degli anziani” (1 Timoteo 4:14).  “Trascurare” indica essere negligenti, non curarsi, non tenere sufficientemente conto, non prestare attenzione, essere spensierato, indifferente. Noi siamo chiamati a curare il dono, o i doni che Dio ci ha dato e a esercitarli, a metterli a sevizio della chiesa!  “Non trascurare” (mē amelei) è un presente attivo imperativo, quindi dai il meglio di te stesso a non trascurare il dono che ti ha dato lo Spirito di Dio! Siamo presi da tante cose e trascuriamo il dono, o i doni spirituali che Dio ci ha dato per servirlo! Se lo trascuriamo vuol dire che disprezziamo il donatore! Quando trascuriamo i doni, quando non ravviviamo i carismi spirituali, stiamo spegnendo lo Spirito Santo!
Forse stai trascurando il dono spirituale, la domanda è: “Perché lo trascuri?” Forse non conosci quale sia il tuo dono, forse hai paura di fallire, forse altri ti scoraggiano, forse i responsabili non ti aiutano. Ma sappi che è importante che tu non lo trascuri sia per l’utilità comune della chiesa e del progresso del Vangelo, e sia perché così non spegnerai lo Spirito Santo.   Sei chiamato a ravvivare il dono come ci ricorda ancora Paolo in 2 Timoteo 1:6: “Per questo motivo ti ricordo di ravvivare il dono di Dio che è in te mediante l'imposizione delle mie mani”.
“Ravvivare” (anazōpurein - presente attivo infinito) ha il senso di mantenere in pieno ardore. L’immagine è di alimentare il fuoco, la fiamma! Quindi, indica essere zelanti, mantenere sempre l’ardore nel servire il Signore. (cfr. Romani 12:11). Soffia, soffia sul tuo dono, esercitandolo, altrimenti spegnerai lo Spirito Santo!
Non ignorare la guida dello Spirito Santo!
Non chiudere le tue orecchie alla Sua voce!
Non perdere l'occasione quando lo Spirito Santo ti vuole usare!
Non avere paura di fallire, o delle persone, o di farti male!
Non chiudere il tuo cuore quando lo Spirito Santo vuole riversare in te la Sua potenza!
Non gettare acqua sulle fiamme dello Spirito per spegnerlo!
Apri le tue orecchie! Apri il tuo cuore! Sottomettiti allo Spirito Santo dicendogli: “Fai di me ciò che vuoi, aiutami fare ciò che mi ordini di fare!”
Se avrai questo atteggiamento il fuoco dello Spirito Santo sarà sempre acceso e potente! Il Signore sarà onorato e la chiesa edificata!

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: