Passa ai contenuti principali

Salmo 102:23-27: La vita di Dio non cambia.

Salmo 102:23-27: La vita di Dio non cambia.
"Egli ha stremato le mie forze durante il cammino; ha abbreviato i miei giorni. Ho detto: 'Dio mio, non portarmi via a metà dei miei giorni!' I tuoi anni durano per ogni generazione: nel passato tu hai creato la terra e i cieli sono opera delle tue mani; essi periranno, ma tu rimani; tutti quanti si consumeranno come un vestito; tu li cambierai come una veste e saranno cambiati. Ma tu sei sempre lo stesso e i tuoi anni non avranno mai fine". (cfr. Salmi 93:2 ; Geremia 10:10 ; 1 Timoteo 6:16).

In questi versetti troviamo un contrasto tra la vita degli uomini (brevità e mutabilità)e quella di Dio (eternità  e immutabilità). L'immutabilità di Dio è legata alla sua eternità, ma non sono identici. L'eternità di Dio significa che Dio è sempre esistito e sempre esisterà, niente viene prima di lui e nulla verrà dopo. L'immutabilità, invece significa che Dio è sempre lo stesso nel suo Essere eterno. Quindi Dio non può mutare perché vive fuori dal tempo, solo gli esseri umani che vivono nel tempo sono sottoposti al mutamento.
Se qualcosa, o qualcuno cambia, vuol dire che è diverso in un dato momento da quello che era in un momento precedente. Così, se cambia deve esistere in due momenti diversi nel tempo. Questo significa che un oggetto fuori dal tempo non cambia. Quindi, senza tempo comporta logicamente immutabilità. Il cambiamento è prevedibile solo in soggetti esistenti nel tempo. Se affermiamo che Dio è senza tempo dobbiamo anche affermare che egli è immutabile. Giacomo dice che noi siamo un vapore che appare per un istante e poi svanisce (Giacomo 4:14). Noi moriamo, persone a noi care che sono un punto di riferimento vengono a mancare, ma Dio è eterno e non viene a mancare mai! Il salmista sta affermando che la natura di Dio e quindi la vita di Dio non cambiano! La vita di Dio non cresce e nemmeno decresce! Dio non matura, o si sviluppa come noi che da bambini poi passiamo all’adolescenza e poi all’età adulta fino alla vecchiaia e quindi ci consumiamo come un vestito. Dio non acquisisce nuove forze e nemmeno perde quelle che aveva! È interessante per chi nasce e cresce in un posto fino ad un certo periodo, poi va via e dopo diversi anni ritorna e rivede le persone che conosce, ma con i cambiamenti segnati dal tempo, dalle malattie o dallo stress: rughe, capelli bianchi o senza capelli e così via. Noi siamo logorati dal tempo a causa del peccato, Dio no! Noi abbiamo avuto un inizio e moriremo, ma Dio no! Dio non ha avuto inizio e non avrà mai fine, da eternità in eternità è Dio e sarà Dio! (Salmi 90:2).
Nel riflettere su tutte le perfezioni meravigliose di Dio, come la sua eternità e immutabilità non possiamo che trovare conforto e motivazioni a fidarci di lui e ad adorarlo. Potremmo rimanere turbati se il nostro magnifico Signore dovesse perdere, o modificare alcune di quelle perfezioni. Ma possiamo stare tranquilli e certi che questo non accadrà mai, perché oltre a tutte le sue altre perfezioni, il nostro Dio è immutabile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: