Passa ai contenuti principali

Giosuè 7:11: Capire la causa della sconfitta.

Giosuè 7:11: Capire la causa della sconfitta.
“Israele ha peccato; essi hanno trasgredito il patto che avevo loro comandato d'osservare; hanno perfino preso dell'interdetto, lo hanno rubato, hanno mentito, e lo hanno messo fra i loro oggetti”.

Quando Israele fu sconfitto ad Ai (vv.2-5), Giosuè si lamenta prostrato davanti al Signore; la sua preghiera rivela il suo panico, si preoccupa di cosa potrà accadere: i popoli di Canaan avrebbero preso coraggio contro Israele (vv. 7-9). Giosuè non doveva preoccuparsi delle possibili conseguenze della sconfitta, ma di cercare la causa della sconfitta. Il Signore, mette in chiaro che il problema della sconfitta è: Israele ha peccato! Il peccato d’Israele prima di tutto sta nel fatto:
1)Ha trasgredito il patto che Dio aveva comandato di osservare. 2)Ha preso l’interdetto. L’interdetto era ciò che Dio aveva proibito (Giosuè 6:17-18; 7:1,11,15); può essere inteso sia come votato alla distruzione, e quindi maledetto (cfr. Levitico 27:29; Deuteronomio 13:17; Giosuè 6:17-18; 1 Re 20:42; Isaia 34:5; 43:28), oppure  quello che era stato preso dalla conquista di Gerico(argento, oro,  oggetti di rame e di ferro) che doveva essere consacrato a Dio per uso sacro (Giosuè 6:18-19-24; 7:20-21; cfr. Levitico 27:28; Numeri 18:14; 1 Samuele 15:21). 3) L’interdetto lo hanno rubato; questo è stata l’opera di Acan (Giosuè 7:1). 4) Hanno mentito. 5) Lo hanno messo tra i loro oggetti. Nel v.12 il Signore dice a Giosuè che Israele non potrà vincere i nemici perché Dio non è con loro, e non potrà di nuovo esserlo, finché non distrugge l’interdetto: Israele è diventato maledetto (interdetto) perché tollera l’interdetto! (Giosuè 6:18). Almeno due aspetti su cui meditare per non fare gli stessi errori: 1)Il peccato ci priva della benedizione di Dio. La causa della sconfitta non è Dio, ma il peccato!Forse se siamo “sconfitti” è perché non c’è la benedizione di Dio a causa di un peccato che abbiamo commesso. Il peccato va affrontato. Con l’aiuto dello Spirito Santo dobbiamo capire che peccato abbiamo commesso e affrontarlo immediatamente mettendo ordine nella nostra vita secondo la volontà di Dio. 2) Il peccato di un membro di chiesa è il peccato della chiesa. Il singolo e la comunità sono identificati insieme (v.11, v.20). Il peccato di un singolo può condizionare tutta la comunità. Oggi viviamo in una società individualista, ma nel mondo della Bibbia non è così, la comunità beneficia, o soffre, a causa delle azioni di un individuo, e nessuno considera questo ingiusto. Anche la chiesa è un corpo unico, quello di Gesù Cristo, e le varie membra (membri), nella loro diversità nell’unità, hanno la loro importanza per il suo buon funzionamento (1 Corinzi 12:12-31). La nostra sfida è non essere Acan, non seguire il suo esempio di avidità ed egoismo, di non agire in modo tale da danneggiare la chiesa per i nostri interessi, piuttosto  il nostro compito è lavorare sodo per mantenere in buona salute e l'unità nel popolo di Dio (Efesini 4:15-16; Filippesi 2:1-5). Allora quando non godiamo della presenza e delle benedizioni di Dio nella nostra vita e nella vita della chiesa, non dobbiamo pensare che Dio sia cambiato, ma siamo noi il problema! Il peccato ci separa da Dio (Isaia 59:1-2), ci priva della Sua presenza in mezzo a noi. Pertanto, gli sforzi del popolo per la vittoria, sono stati un fallimento. Il popolo deve purificarsi dal peccato se vuole ritornare ad essere vittorioso. C'è un obiettivo, una linea che deve guidare le nostre azioni:l’obbedienza! Quando questa viene a mancare, la comunione con Dio è spezzata, e la sconfitta dichiarata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…