Passa ai contenuti principali

Filippesi 4:4: L’esortazione a gioire.

Filippesi 4:4: L’esortazione a gioire.
“Rallegratevi sempre nel Signore. Ripeto: rallegratevi”. 

Dio si aspetta che noi siamo gioiosi e che ricerchiamo la gioia! Il tema della gioia è particolarmente evidente in Filippesi (Filippesi 1:4, 18, 25; 2:2, 17, 18, 28, 29, 3:1; 4:1, 4, 10). “Rallegratevi”, nel greco, è un imperativo attivo presente, e insieme all’avverbio “sempre”, significa che dobbiamo continuamente essere gioiosi nel Signore, quindi Paolo esorta la chiesa di Filippi a rallegrarsi sempre (cfr. 1 Tessalonicesi 5:16). Eppure la chiesa di Filippi si trovava nel dubbio, nella paura e nella sofferenza (Filippesi 1:28-29), in mezzo a una generazione storta e perversa (Filippesi 2:15). Così è stato anche per Paolo, quando fu imprigionato a Filippi (Filippesi 1:30; cfr. Atti 16:25), e lo è ancora nel presente, infatti, si trovava in prigione a Roma mentre scriveva queste parole (Filippesi 1:7,13-14).
Paolo ripete due volte di rallegrarsi per dare enfasi, indica che è una cosa importante; a dispetto delle loro difficoltà dovrebbero rallegrarsi nel Signore. Il senso è: “L'ho detto una volta e lo ripeto ancora, rallegratevi!”. L'esortazione si ripete perché sembra irragionevole, serve per togliere ogni scusa per coloro che potrebbero dire, o chiedersi: “ Come possiamo gioire nelle afflizioni?” Ma nessuna afflizione dovrebbe turbare la nostra gioia! È facile scoraggiarsi quando ci sono circostanze spiacevoli, ma le circostanze difficili di Paolo e i pericoli che devono affrontare i Filippesi non possono essere giustificazioni per non gioire! Le circostanze non devono influenzare la condizione del cuore e della mente, un cristiano può essere gioioso anche quando tutto è buio e squallido! Non importa quale circostanza stiamo vivendo, noi dobbiamo sempre gioire nel Signore! Le nostre circostanze cambiano di volta in volta, e sappiamo che è facile essere contenti quando stiamo godendo di buona salute e avere un buon conto in banca. Tuttavia, non è così semplice gioire quando abbiamo problemi di salute, o problemi economici, o altri tipi di problemi. La gioia cristiana non dipende dalle nostre circostanze che cambiano! Le circostanze di questa vita ci possono deprimere, come anche l’incertezza del futuro, infatti non sappiamo cosa ci aspetta dietro l'angolo. I nostri atteggiamenti, o sentimenti interiori non devono riflettere le circostanze esteriori! Paolo non si riferisce al tipo di felicità superficiale che si manifesta solo quando le cose vanno bene, ma a una gioia che non dipende da circostanze mutevoli, una gioia che dipende dall’immutabile Signore! Quindi a prescindere dal giorno, che sia buio, o luminoso, bello, o brutto, se è difficile, o facile, se porta problemi e tentazioni, o se fila tutto liscio, ci viene comandato di rallegrarci sempre nel Signore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: