Passa ai contenuti principali

1 Corinzi 15:1: Un Vangelo nel quale stare saldi.

1 Corinzi 15:1: Un Vangelo nel quale stare saldi.
“Vi ricordo, fratelli, il vangelo che vi ho annunziato, che voi avete anche ricevuto, nel quale state anche saldi”.

Il Vangelo va annunziato, ricordato, ricevuto e anche ritenuto. Tramite il Vangelo possiamo avere un rapporto con Dio e la nostra vita cristiana può crescere ed essere forgiata. La ricezione del Vangelo fa parte del passato di un cristiano, ma è anche una realtà che ha un'importanza attuale in corso (1 Corinzi 15:1,2,11; Romani 5:2),  ed è un potere che avrà un significato futuro nella vita di un credente (Romani 5:1,6-10). Come i Corinzi, anche noi oggi, dobbiamo tenere forte il Vangelo, aggrapparci ad esso (1 Corinzi 15:2). “State saldi” è stare fermi, essere posizionati saldamente, essere stabili, continuare con fermezza.
Significa che i cristiani di Corinto erano posizionati stabili nel Vangelo. Paolo usava costantemente questa parola per indicare il continuare a rimanere fedele alle affermazioni del Vangelo (2 Corinzi 1:24; Efesini 6:13-14; Colossesi 4:12). “State saldi” ha il senso compiuto e attuale (nel greco tempo perfetto), quindi i cristiani di Corinto rimanevano fermi nella fede nel Vangelo, continuavano a credere risolutamente nel Vangelo.  Questo passo ci ricorda a rimanere risoluti, fermi nel Vangelo. I cristiani non solo devono ricevere il Vangelo, ma devono stare anche saldi in esso! Dobbiamo stare attenti e non cedere alle pressioni di questo mondo ostile senza Dio che disprezza il Vangelo, contro le insidie del diavolo che ci vuole portare lontano dalla verità e contro i falsi profeti che pensano ai loro interessi e predicano un Vangelo attraente al mondo, ma che si discosta dalla verità di Dio! Dobbiamo rifiutare qualsiasi cosa che sia contraria al Vangelo, o rifiutare un Vangelo diverso da quello rivelato nella Bibbia. Paolo ci ricorda in Galati 1:6-9: “Mi meraviglio che così presto voi passiate, da colui che vi ha chiamati mediante la grazia di Cristo, a un altro vangelo.  Che poi non c'è un altro vangelo; però ci sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Ma anche se noi o un angelo dal cielo vi annunziasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunziato, sia anatema.  Come abbiamo già detto, lo ripeto di nuovo anche adesso: se qualcuno vi annunzia un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anatema”. Sia anatema, cioè maledetto chi annunzia un Vangelo diverso da quello biblico! La nostra fede deve iniziare nel Vangelo, continuare nel Vangelo e finire nel Vangelo così com’è stato rivelato! Nel mondo ci sono molte religioni, ma esiste un solo Vangelo! C’è un solo Dio, e quindi un solo Vangelo, e questo è contenuto in Gesù Cristo! Il Vangelo si riferisce a Gesù Cristo e alla Sua opera (1 Corinzi 15:1-4), mediante il quale siamo salvati dai nostri peccati per la sola grazia di Dio e per la sola fede e non per le nostre opere (Romani 3:19-4:12; 11:6; Galati 2:16; Efesini 2:8-9). “Il Vangelo non è un piano umano per raggiungere Dio, ma un piano divino per raggiungere l'uomo” (John Blanchard). La salvezza eterna dipende dal Vangelo, pertanto dobbiamo fare attenzione a predicarlo così com’è scritto nella Bibbia e faremo bene a rifiutare qualsiasi sovvertimento di esso! Il Vangelo va creduto, e rimanerci saldi, o rifiutato! Tu cosa ne vuoi fare?

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: