Passa ai contenuti principali

Galati 4:19: Cristo formato in voi!

Galati 4:19: Cristo formato in voi!
“Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”.

Molte persone che si dicono cristiane, la loro crescita spirituale può essere paragonata a stare seduti su un cavallo a dondolo che non va da nessuna parte: si muove, ma non fa passi avanti! Paolo soffriva per la condizione spirituale dei cristiani della Galazia, come una donna in doglie. La sua sofferenza era che Cristo non era ancora formato in loro. Il verbo “sia formato”, era una parola che si riferiva al processo mediante il quale l’embrione di un bambino si sviluppa nell'utero della madre. “Cristo sia formato in voi” indica che Gesù deve crescere in un vero cristiano, e questo si riferisce al carattere di Gesù Cristo (cfr. 2 Corinzi 3:18; Efesini 4:21-24; Colossei 3:9-11).
“Cristo sia formato in voi” indica che nella sottomissione a Lui possiamo riflettere la Sua immagine e gloria nella nostra vita; quindi avere i Suoi pensieri, i Suoi desideri e aspirazioni, parlare con le parole di Gesù, guardare come guarda Gesù, ascoltare come Gesù, comportarsi come si comporta Gesù. In sintesi: in tutta la nostra vita, in tutto ciò che siamo, o facciamo dobbiamo assomigliare a Gesù, avere le Sue stesse caratteristiche, quindi essere un Suo vero discepolo! Quindi, questo processo di maturità in Cristo non è una semplice conformità esteriore a Cristo, ma una progressiva trasformazione interiore secondo il Suo  carattere. Lo sforzo di cambiare il nostro comportamento senza una trasformazione interiore è ciò che vediamo nel cristianesimo secolarizzato e superficiale contemporaneo nel mondo occidentale. Quando c'è una trasformazione interiore ci sarà anche un cambiamento nel comportamento (Proverbi 4:23; Luca 6:43). Le esperienze spirituali, come quella di Paolo sulla via di Damasco, non costituiscono una formazione spirituale, anche se a volte possono sono importanti per questa, o possono essere delle pietre miliari, o delle svolte decisive per una persona. La somiglianza a Gesù Cristo non avviene dall’oggi a domani, non è una cosa fulminea, non è nemmeno una cosa magica, è un processo lungo e impegnativo, ma i segni in un vero cristiano ci sono! Non è normale che una persona nata di nuovo spiritualmente, che Gesù Cristo non cresca progressivamente in lei; come non è normale che un bambino nasce e rimane piccolo! Una persona rigenerata desidererà essere come Gesù Cristo! (2 Corinzi 5:17; Galati 2:20; Efesini 4:21-24; Colossesi 3:9-11). Ora per la crescita a immagine di Gesù Cristo è fondamentale la volontà, ma attenzione anche se c’è una volontà, la crescita non è automatica, abbiamo  bisogno di capire onestamente ed esattamente cosa deve essere fatto e come la crescita spirituale può essere realizzata, quali sono per esempio i mezzi, o le condizioni che Dio dona affinché lo Spirito Santo possa agire in noi per la nostra crescita.
Inoltre, dobbiamo pensare che la formazione spirituale in Cristo è un processo ordinato, quindi se vogliamo crescere dobbiamo essere disciplinati e dobbiamo umiliarci per accettare i modi che Dio ha scelto per operare in noi. Queste sono chiaramente esposte nella Bibbia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: