Passa ai contenuti principali

Colossesi 3:10: Rivestiti del nuovo!!

Colossesi 3:10: Rivestiti del nuovo!!
“E vi siete rivestiti del nuovo, che si va rinnovando in conoscenza a immagine di colui che l'ha creato”.

È solito dire spesso: “Nessuno è perfetto”, questo perché conosciamo i nostri difetti e di tante altre persone, anche dei migliori credenti, che abbiamo incontrato sulla nostra via. Ma ciò che dobbiamo anche ricordare, oltre ai nostri difetti e a quelli degli altri, è: ciò che possiamo diventare con l’aiuto di Dio! (Romani 8:28-29; 2 Corinzi 3:18; 1 Tessalonicesi 5:23). Paolo aveva parlato precedentemente, che il cristiano si è spogliato dell’uomo vecchio (Colossesi 3:9). L’uomo vecchio è la personalità di un individuo governata dal peccato, questa è stata crocifissa insieme a Cristo se sei un figlio di Dio (Romani 6:6). Come nuove creature in Cristo, dunque dobbiamo far morire ogni giorno, con l’aiuto indispensabile dello Spirito Santo ciò che in noi è terreno, peccaminoso (Cfr. Romani 8:12-13; Efesini 4:22).
Questo è l’aspetto negativo della santificazione, non fare più, fare morire ogni forma di peccato con la disciplina. In che cosa consiste questa disciplina? Prima di tutto: dobbiamo rifiutare categoricamente la tentazione. Dobbiamo essere crudeli con il peccato, o il peccato, sarà crudele con noi! Se diamo spazio alla tentazione nella nostra mente, sarà difficile controllarla dopo, occorre subito troncare lo spiraglio del male. Siamo chiamati a stare in guardia contro la seduzione del peccato che ci può portare all’indurimento del cuore (Ebrei 3:12-13). In secondo luogo: dobbiamo avere un rapporto quotidiano con la Bibbia. I credenti che fanno progressi nella santificazione sono quelli che hanno disciplinato la propria vita nella lettura quotidiana della Bibbia; ma non è solo importante il tempo, è importante anche la qualità, quindi è importante anche meditarla, memorizzarla, studiarla seriamente. La Bibbia ci libera dal peccato nella misura in cui perseveriamo in essa! (Giovanni 8:31-32; cfr. Salmo 119:11; Colossesi 3:16). In terzo luogo c’è: la preghiera (Matteo 26:41). La preghiera ci rafforza contro la lotta al peccato e al diavolo e soprattutto chiede l’intervento in nostro aiuto del Signore misericordioso, senza il quale non possiamo farcela (Ebrei 4:14-16). Infine c’è la partecipazione attiva in una comunità dove si predica la verità della Parola di Dio (Efesini 4:11-16). Ma la santificazione ha anche un aspetto nel senso positivo. Così vediamo che non solo non dobbiamo fare, ma dobbiamo anche essere, non è questione solo di azione, ma di assomigliare anche caratterialmente a Dio, di essere moralmente come Dio. Il cristiano deve essere a immagine di Dio e deve comportarsi come si comporterebbe Dio (1 Pietro 1:15). Quindi, nella santificazione nell’aspetto positivo vediamo che dobbiamo essere e fare secondo il modello dell’uomo nuovo che è a immagine di Dio (Colossesi 3:10). L’immagine che usa Paolo per la santificazione in Colossesi è quella di togliere il vestito sporco: l’uomo vecchio e metterne uno nuovo e pulito: l’uomo nuovo a immagine di Gesù Cristo, questo è l’aspetto positivo. Questa santificazione è progressiva, ci vuole tempo, non avviene dall’oggi a domani, avviene passo dopo passo, come vediamo dal verbo nel greco “si va rinnovando”, infatti indica un’azione continua e ripetuta, perciò questo uomo nuovo si perfeziona giorno dopo giorno. Non ci giustifichiamo allora dicendo che non siamo perfetti, ma aspiriamo e impegniamoci a essere quello che Dio vuole che siamo: assomigliare a Lui!   

Commenti

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.