Passa ai contenuti principali

Colossesi 3:10: Rivestiti del nuovo!!

Colossesi 3:10: Rivestiti del nuovo!!
“E vi siete rivestiti del nuovo, che si va rinnovando in conoscenza a immagine di colui che l'ha creato”.

È solito dire spesso: “Nessuno è perfetto”, questo perché conosciamo i nostri difetti e di tante altre persone, anche dei migliori credenti, che abbiamo incontrato sulla nostra via. Ma ciò che dobbiamo anche ricordare, oltre ai nostri difetti e a quelli degli altri, è: ciò che possiamo diventare con l’aiuto di Dio! (Romani 8:28-29; 2 Corinzi 3:18; 1 Tessalonicesi 5:23). Paolo aveva parlato precedentemente, che il cristiano si è spogliato dell’uomo vecchio (Colossesi 3:9). L’uomo vecchio è la personalità di un individuo governata dal peccato, questa è stata crocifissa insieme a Cristo se sei un figlio di Dio (Romani 6:6). Come nuove creature in Cristo, dunque dobbiamo far morire ogni giorno, con l’aiuto indispensabile dello Spirito Santo ciò che in noi è terreno, peccaminoso (Cfr. Romani 8:12-13; Efesini 4:22).
Questo è l’aspetto negativo della santificazione, non fare più, fare morire ogni forma di peccato con la disciplina. In che cosa consiste questa disciplina? Prima di tutto: dobbiamo rifiutare categoricamente la tentazione. Dobbiamo essere crudeli con il peccato, o il peccato, sarà crudele con noi! Se diamo spazio alla tentazione nella nostra mente, sarà difficile controllarla dopo, occorre subito troncare lo spiraglio del male. Siamo chiamati a stare in guardia contro la seduzione del peccato che ci può portare all’indurimento del cuore (Ebrei 3:12-13). In secondo luogo: dobbiamo avere un rapporto quotidiano con la Bibbia. I credenti che fanno progressi nella santificazione sono quelli che hanno disciplinato la propria vita nella lettura quotidiana della Bibbia; ma non è solo importante il tempo, è importante anche la qualità, quindi è importante anche meditarla, memorizzarla, studiarla seriamente. La Bibbia ci libera dal peccato nella misura in cui perseveriamo in essa! (Giovanni 8:31-32; cfr. Salmo 119:11; Colossesi 3:16). In terzo luogo c’è: la preghiera (Matteo 26:41). La preghiera ci rafforza contro la lotta al peccato e al diavolo e soprattutto chiede l’intervento in nostro aiuto del Signore misericordioso, senza il quale non possiamo farcela (Ebrei 4:14-16). Infine c’è la partecipazione attiva in una comunità dove si predica la verità della Parola di Dio (Efesini 4:11-16). Ma la santificazione ha anche un aspetto nel senso positivo. Così vediamo che non solo non dobbiamo fare, ma dobbiamo anche essere, non è questione solo di azione, ma di assomigliare anche caratterialmente a Dio, di essere moralmente come Dio. Il cristiano deve essere a immagine di Dio e deve comportarsi come si comporterebbe Dio (1 Pietro 1:15). Quindi, nella santificazione nell’aspetto positivo vediamo che dobbiamo essere e fare secondo il modello dell’uomo nuovo che è a immagine di Dio (Colossesi 3:10). L’immagine che usa Paolo per la santificazione in Colossesi è quella di togliere il vestito sporco: l’uomo vecchio e metterne uno nuovo e pulito: l’uomo nuovo a immagine di Gesù Cristo, questo è l’aspetto positivo. Questa santificazione è progressiva, ci vuole tempo, non avviene dall’oggi a domani, avviene passo dopo passo, come vediamo dal verbo nel greco “si va rinnovando”, infatti indica un’azione continua e ripetuta, perciò questo uomo nuovo si perfeziona giorno dopo giorno. Non ci giustifichiamo allora dicendo che non siamo perfetti, ma aspiriamo e impegniamoci a essere quello che Dio vuole che siamo: assomigliare a Lui!   

Commenti

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: