Passa ai contenuti principali

Matteo 6:11: Dacci il nostro pane quotidiano.

Matteo 6:11: Dacci il nostro pane quotidiano.
“Dacci oggi il nostro pane quotidiano”.

Dopo i tre soggetti di preghiera incentrati su Dio, che ci indicano che va messo sopra ogni cosa non dimenticando la Sua gloria, Gesù nel suo insegnamento sulla preghiera, passa al soggetto dei nostri bisogni primari. Andiamo, dunque a Dio portando i nostri bisogni, ma lo facciamo dopo aver considerato Dio, così non saremo arroganti, disperati e nemmeno ansiosi. Nella società moderna occidentale, dove il cibo è pianificato e assicurato anticipatamente, la dipendenza quotidiana da Dio è lontana dalla nostra esperienza, ma in molte altre parti del mondo oggi, come nel contesto dove visse Gesù, non era così. Lo stile di vita di molti lavoratori era precario, vivevano alla giornata, venivano pagati un giorno alla volta e saltare un giorno di lavoro, significava avere seri problemi. Anche per Gesù e per i suoi discepoli durante la loro missione itinerante, la fornitura quotidiana dei bisogni materiali non era scontata (cfr. Matteo 8:20; 10:9-14,40-42).
Noi viviamo su questa terra e dobbiamo mantenerci in vita, abbiamo bisogni fisici, e in questo dipendiamo da Dio; così preghiamo il Dio da cui dipendiamo per la nostra esistenza. Il pane, è la base alimentare per la nostra vita, per il nostro sostegno fisico, e viene da Dio, Dio è Colui che provvede (cfr. Salmo 104:14-15, 27-28; Matteo 6:25, 32-33; Atti 17:24-28). Ma “dacci oggi il nostro pane quotidiano” non rappresenta solo il cibo, significa “dacci oggi quello che ci è necessario per vivere”, include tutti i bisogni materiali necessari per vivere la nostra vita sulla terra. Il punto allora è: chiedere a Dio quello che è sufficiente per noi ogni giorno, riguarda i bisogni primari. Non ci viene chiesto di pregare per il lusso, o per l’abbondanza, ma per le cose necessarie per vivere. In Proverbi 30:7-9 leggiamo: “Io ti ho chiesto due cose; non me le rifiutare, prima che io muoia; allontana da me vanità e parola bugiarda; non darmi né povertà né ricchezze, cibami del pane che mi è necessario, perché io, una volta sazio, non ti rinneghi e dica: "Chi è il SIGNORE?" oppure, diventato povero, non rubi, e profani il nome del mio Dio”. L’autore dei Proverbi ha chiesto a Dio solo di avere il necessario per vivere in modo da dipendere sempre da Lui ed essergli sempre fedele. Così questa richiesta del “Padre nostro” ha diversi insegnamenti. 1) Ci parla della grazia di Dio da cui dipendiamo ogni giorno per vivere. Ogni cosa buona che abbiamo viene dalla mano di Dio (Salmo 145:15-16; Giacomo 1:17). 2) Ci parla della preghiera di fede quotidiana; la richiesta non si estende oltre il limite immediato, ma è fatta un giorno alla volta. La preghiera incoraggia una continua dipendenza da Dio; il discepolo non chiede a Dio un approvvigionamento per un lungo periodo, sa di dipendere costantemente da Dio, e allora prega ogni giorno in questo modo. 3) Ci parla di bisogni primari, chiedere ciò di cui abbiamo bisogno per vivere quotidianamente, non si riferisce a chiedere cose che possiamo farne anche a meno. 4) Ci parla di una preghiera per la comunità cristiana, infatti dice “nostro pane”.
Allora noi dobbiamo fidarci di Dio ogni giorno per i bisogni quotidiani, dobbiamo affidarli a Dio in preghiera con la certezza che provvederà (Filippesi 4:19). 


Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: