Passa ai contenuti principali

Matteo 26:39: Il modello di preghiera nella sofferenza.

Matteo 26:39: Il modello di preghiera nella sofferenza.
“E, andato un po'più avanti, si gettò con la faccia a terra, pregando, e dicendo: ‘Padre mio, se è possibile, passi oltre da me questo calice! Ma pure, non come voglio io, ma come tu vuoi’”.

Il racconto dell’agonia di Gesù nel giardino del Getsemani ci fa capire la sua umanità, quale fosse il costo della sua missione e anche il rapporto intimo che aveva con il Padre. Gesù era triste e angosciato per la sua morte in croce che doveva patire (vv.36-38) e per questo prega con la faccia a terra, per portare la sua angoscia e la sua preoccupazione al Padre.  “Padre mio” indica il rapporto intimo che Gesù aveva con Dio. Il soggetto di preghiera di Gesù era se era possibile che Dio allontanasse da lui questo calice.
“Calice” non si riferisce solo alla sofferenza e alla morte (Matteo 20:22-23; Giovanni 18:11), ma come spesso è scritto nell’Antico Testamento si riferisce anche all’ira di Dio (Salmo 11: 6; 75:7-8; Isaia 51:19, 22; Geremia 25:15-16,27-29; 49:12; 51:57; Lamentazioni 4:21; Ezechiele 23:31-34; Abacuc 2:16; Zaccaria 12:2), ira perché si caricava dei peccati dell’umanità (cfr. Isaia 53:3-10; Matteo 27:46; Galati 3:13; 1 Pietro 3:18). Gesù dice: “Se è possibile”, ora in un certo senso tutte le cose sono possibili con Dio (Matteo 19:26), perché allora Gesù prega così? Perché Gesù come uomo sa di dover affrontare sulla croce una sofferenza vicaria atroce sia in termini fisici, sia in termini morali e soprattutto spirituali: stava per diventare oggetto dell'ira di suo Padre! Gesù nella sua umanità chiede se c’è un altro modo per adempiere la Sua missione, che non sia il calice della sofferenza in croce. Dunque, la questione non era se Gesù volesse, o non volesse fare la volontà del Padre (Gesù non si è ribellato!), ma se ciò includesse necessariamente la via della croce, o se ci fosse un altro modo, e non c'era altro modo per adempiere il piano eterno salvifico di Dio (Giovanni 4:34; 6:38; 1 Pietro 1:18-20). Comunque nella preghiera di Gesù vediamo la Sua sottomissione al Padre quando dice: “Ma pure, non come voglio io, ma come tu vuoi”. In questa crisi, peggiore della tentazione nel deserto (Matteo 4:1-11), Gesù chiede se ci fosse un'alternativa alla sofferenza atroce della croce per la realizzazione degli scopi salvifici del Padre. Ma è chiaro che Gesù intende rispettare pienamente la volontà del Padre. Così vediamo contemporaneamente sia il fatto che Gesù potesse essere tentato nella sua umanità e sia la sua completa obbedienza.
Per noi oggi Gesù è un modello su come affrontare la sofferenza e come dobbiamo pregare quando stiamo soffrendo. Sappiamo che nonostante la sofferenza porti a una crescita spirituale (per esempio 2 Corinzi 4:16-18; Ebrei 12:4-11; Giacomo 1:2-4; 1 Pietro 1:6-7) dobbiamo pregare che sia rimossa da noi? Dobbiamo pregare per un cambiamento delle circostanze, o solo che Dio ci dia la forza di sopportare la sofferenza? In Gesù troviamo l’equilibrio che dobbiamo avere: il desiderio onesto (Salmo 62:8) e la preghiera che Dio ci liberi dalla sofferenza e la sottomissione alla volontà di Dio. Dunque pregheremo che Dio ci liberi dalla sofferenza, ma dobbiamo anche avere l’atteggiamento di essere sottomessi a Dio accettando la sofferenza.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: