Passa ai contenuti principali

1 Corinzi 15:3: La morte di Gesù Cristo ha un significato importante per il cristianesimo.

1 Corinzi 15:3: La morte di Gesù Cristo ha un significato importante per il cristianesimo.
“Cristo morì per i nostri peccati”.

La morte di Gesù Cristo è molto importante!
1) La morte di Cristo è il contenuto fondamentale del Vangelo. 
Il termine “Vangelo” (euangelion) significa "buona notizia". Paolo dice che il Vangelo consiste nella morte di Cristo per i nostri peccati, che fu seppellito, che è stato risuscitato (1 Corinzi 15:1-5). La legge mosaica, il sermone sul monte, l'insegnamento e l'esempio di Cristo, mostrano a noi, i nostri peccati e ci rivelano il bisogno di essere salvati, ma non forniscono il rimedio per il peccato! Questo rimedio si trova solo nella morte di Cristo. (Romani 6:23). 

2) La morte di Cristo è il cuore del cristianesimo.

Mentre le altre religioni fondano l’importanza e la pretesa di riconoscimento nell’insegnamento dei loro fondatori; il cristianesimo si distingue non solo per l’insegnamento, ma anche per l'importanza che assegna alla morte e alla resurrezione del Suo Fondatore. Togliere la morte di Cristo significa non avere nessuna salvezza. Togliete la croce e non ci sarà più cristianesimo! A conferma che la croce di Cristo è il cuore del cristianesimo c’è il fatto che era il tema della predicazione apostolica (1 Corinzi 1:18,23; 2:1-2; Galati 6:14, ecc.).
3) La morte di Cristo è la chiave della salvezza. 
Riguardo la Sua morte, è scritto: "Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna.  Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio" (Giovanni 3:16-17). Gesù è il Salvatore del mondo! Solo Lui è nessun altro ci salva dai peccati e dall’ira di Dio! (Giovanni 4:42; Atti 4:12; Romani 5:9-11). 
4) La morte di Cristo è la causa principale della Sua incarnazione.
La morte di Gesù non fu un ripensamento, né un incidente, ma la realizzazione di uno scopo ben definito della Sua incarnazione. Lo scopo dell’incarnazione era di salvare i peccatori attraverso la croce, come dice Marco 10:45: “Per dare la sua vita come prezzo di riscatto per molti”. (Cfr. Ebrei 9:26; 1 Giovanni 3:5). La morte di Cristo è rappresentata come il pagamento di un riscatto (lútron). L'idea di riscatto è quella del pagamento di un prezzo, al fine di liberare chi è in schiavitù, infatti, nel primo secolo questa parola era usata per la liberazione di schiavi, o di prigionieri. Il prezzo della libertà del peccatore, non è stato il denaro, la ricchezza materiale, ma la vita, il sangue prezioso di Cristo! (Giovanni 3:16; 1 Pietro 1:18-20). I credenti, una volta riscattati appartengono a Dio (Tito 2:14) con grandi benefici: 1) Gesù ci libera dalla condanna della legge (Galati 3:13); 2) Gesù ci libera dagli obblighi della legge che l’uomo non riesce a soddisfare (Romani 6:14); 3) Gesù ci libera dal potere del peccato (Romani 8:3-4; Tito 2:14). 4) Gesù ci libera dal potere di Satana (Atti 26:18; 2 Timoteo 2:26; Ebrei 2:14-15). 5) Gesù ci libera dall’ira futura di Dio (1 Tessalonicesi 1:10; 5:9). 
Grazie Gesù!

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.