Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

La perla di gran valore (Matteo 13:45-46).

La perla di gran valore (Matteo 13:45-46). Le perle sono tra le più antiche gemme del mondo; da quando furono scoperte, sono rimaste le gemme più apprezzate e desiderate al mondo.  
Una perla, la “Big Pink” è stata stimata nel 1991 a 4.7 milioni di dollari; è iscritta nel libro dei Guiness World Records essendo la più grande perla Abalone naturale mai trovata. Questa gemma misura 470 carati.
Con questa parabola, Gesù esprime la continuità con il pensiero della parabola precedente (la parabola del tesoro nascosto), riguardo il valore del regno di Dio, ma come ho detto in quell’occasione, c’è qualche differenza. 
Nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi più il tesoro, mentre nella parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza di più il mercante che cerca le perle e non la perla stessa che trova, quindi si potrebbe chiamare benissimo la parabola del mercante.
La persona della parabola del tesoro non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella parabola della …

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo:

La priorità nel culto

LA PRIORITÀ NEL CULTO. Quando si parla di culto, si ha in mente il culto di famiglia (per esempio Deuteronomio 6:4-9; Efesini 6:4); il culto personale (per esempio Salmo 63; Marco 1:35), e infine il culto pubblico in chiesa. La Bibbia insegna che tutte le persone, a maggior ragione coloro che sono stati salvati dai loro peccati da Dio mediante Gesù Cristo, sono chiamate a offrire il culto a Dio e ci dice anche in cosa consiste. In questa predicazione vedremo il culto pubblico e quindi quali sono le priorità nel culto la domenica, il giorno del Signore.
Vediamo in primo luogo:

Matteo 13:33:La parabola del lievito.

Matteo 13:33:La parabola del lievito.     Qualcuno disse: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”. Ci sono regni che non esistono più, altri che non esisteranno più, ma quello dei Cieli è eterno (Daniele 7:14; Apocalisse 11:15).
Gesù illustrava il Suo insegnamento dalle scene e attività della vita quotidiana come questa parabola presa dalla cucina di una casa normale, la parabola del lievito. Gesù con questa parabola descrive la presenza e la crescita del regno dei Cieli, come le piccole cose, ovviamente per la potenza di Dio, possono avere effetti di vasta portata.

La parabola del lievito (Matteo 13:33).

La parabola del lievito (Matteo 13:33). Qualcuno disse: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”. Ci sono regni che non esistono più, altri che non esisteranno più, ma quello dei Cieli è eterno (Daniele 7:14; Apocalisse 11:15).
Gesù illustrava il Suo insegnamento dalle scene e attività della vita quotidiana come questa parabola presa dalla cucina di una casa normale, la parabola del lievito. Gesù con questa parabola descrive la presenza e la crescita del regno dei Cieli, come le piccole cose, ovviamente per la potenza di Dio, possono avere effetti di vasta portata.
I IL LIEVITO È PRESENTE.