Passa ai contenuti principali

Giobbe 1:20-21: Dio governa la prosperità e l’avversità.

Giobbe 1:20-21: Dio governa la prosperità e l’avversità. 
“Allora Giobbe si alzò, si stracciò il mantello, si rase il capo, si prostrò a terra e adorò dicendo: ‘Nudo sono uscito dal grembo di mia madre, e nudo tornerò in grembo alla terra; il SIGNORE ha dato, il SIGNORE ha tolto; sia benedetto il nome del SIGNORE’”  (Cfr. Giobbe 36:11; 71:19-20; 75:6-7; 1 Samuele 2:6-7; Isaia 45:7; Lamentazioni 3:1-17,37-38; 4:5, 11; Luca 1:52; Ecclesiaste 5:19; 7:14). 

Ciò che abbiamo è perché l’ha voluto e c’è l’ha dato il Signore! Ciò che non abbiamo più l’ha voluto il Signore! 

In un giorno, il ricco Giobbe, uomo integro e retto che temeva Dio (Giobbe 1:1), da ricco è diventato povero! (Giobbe 1:13-17). Non solo, muoiono pure i suoi dieci figli (Giobbe 1:2,13-19). Come reagisce Giobbe? Reagisce come leggiamo in questi versetti citati sopra. Giobbe fa cordoglio, è addolorato. Stracciarsi il mantello, radersi i capelli, erano gesti comuni di dolore (per esempio Genesi 37:29,34; Giosuè 7:6; 2 Samuele 1:2;3:31; 13:19 Esdra 9:3,5; Giobbe 2:12; Isaia 15:2; 22:12; Geremia 7:29; 16:6; 41: 5; 47: 5; 48:37; Ezechiele 7:18; Amos 8,10; Michea 1:16). Ma, Giobbe non alza i pugni verso il cielo urlando contro Dio dicendo: “Perché Signore proprio a me?", ma si prostrò a terra umilmente. Giobbe adora Dio prostrandosi a terra! La prostrazione è una risposta a qualcosa di straordinario che Dio ha fatto e rappresenta il rispetto (2 Samuele 1:2; 9:6; 14:4), il riconoscimento e l'accettazione. Giobbe s’inchina con umiltà in sottomissione al Signore. Giobbe, dunque, accetta la situazione, riconosce la sovranità di Dio sopra tutta la sua vita, sia nella prosperità e sia nell’avversità, e lo benedice! Nella benedizione così come nel dolore, Giobbe ha lodato il nome di Dio; riconosce il fatto che come è venuto sulla terra così andrà via, morirà senza niente! Proprio come è uscito dal grembo di sua madre, così sarebbe andato nel grembo della terra, cioè senza niente. (cfr. Ecclesiaste 5:14-15). Giobbe riconosceva che non aveva alcun diritto riguardo i suoi possedimenti, il Signore dona e il Signore toglie. Giobbe riconosce che il Signore che gli aveva dato tutta questa ricchezza aveva il diritto di portarla via. Tutta la ricchezza di Giobbe è stata data da Dio, e lo stesso Dio ha il diritto di portarla via. Da notare che sono stati i Sabei, e poi i Caldei a derubare Giobbe, e agenti atmosferici a causare la morte delle pecore e dei suoi servi, e dei suoi figli, ma Giobbe riconosce che tutto è nelle mani di Dio!
La devozione è possibile senza avere niente in cambio; le persone possono essere consacrate e riconoscenti al Signore anche senza avere un guadagno materiale.
Satana con il suo esercito, si aspettavano che Giobbe avrebbe reagito alla perdita della sua ricchezza e dei suoi figli, rinnegando Dio (Giobbe 1:6-12), ma non è stato così. Giobbe ha espresso il suo dolore in un modo normale per quel giorno, ma ha adorato il Signore e ha pronunciato una profonda dichiarazione di fede. Questo Giobbe è un esempio per noi di reazione di sottomissione a Dio e di adorazione riconoscendo la Sua volontà sovrana. Ci vuole una vera fede per dire nel bel mezzo della sofferenza: “Sia benedetto il nome del Signore”.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: