Passa ai contenuti principali

Giobbe 1:20-21: Dio governa la prosperità e l’avversità.

Giobbe 1:20-21: Dio governa la prosperità e l’avversità. 
“Allora Giobbe si alzò, si stracciò il mantello, si rase il capo, si prostrò a terra e adorò dicendo: ‘Nudo sono uscito dal grembo di mia madre, e nudo tornerò in grembo alla terra; il SIGNORE ha dato, il SIGNORE ha tolto; sia benedetto il nome del SIGNORE’”  (Cfr. Giobbe 36:11; 71:19-20; 75:6-7; 1 Samuele 2:6-7; Isaia 45:7; Lamentazioni 3:1-17,37-38; 4:5, 11; Luca 1:52; Ecclesiaste 5:19; 7:14). 

Ciò che abbiamo è perché l’ha voluto e c’è l’ha dato il Signore! Ciò che non abbiamo più l’ha voluto il Signore! 

In un giorno, il ricco Giobbe, uomo integro e retto che temeva Dio (Giobbe 1:1), da ricco è diventato povero! (Giobbe 1:13-17). Non solo, muoiono pure i suoi dieci figli (Giobbe 1:2,13-19). Come reagisce Giobbe? Reagisce come leggiamo in questi versetti citati sopra. Giobbe fa cordoglio, è addolorato. Stracciarsi il mantello, radersi i capelli, erano gesti comuni di dolore (per esempio Genesi 37:29,34; Giosuè 7:6; 2 Samuele 1:2;3:31; 13:19 Esdra 9:3,5; Giobbe 2:12; Isaia 15:2; 22:12; Geremia 7:29; 16:6; 41: 5; 47: 5; 48:37; Ezechiele 7:18; Amos 8,10; Michea 1:16). Ma, Giobbe non alza i pugni verso il cielo urlando contro Dio dicendo: “Perché Signore proprio a me?", ma si prostrò a terra umilmente. Giobbe adora Dio prostrandosi a terra! La prostrazione è una risposta a qualcosa di straordinario che Dio ha fatto e rappresenta il rispetto (2 Samuele 1:2; 9:6; 14:4), il riconoscimento e l'accettazione. Giobbe s’inchina con umiltà in sottomissione al Signore. Giobbe, dunque, accetta la situazione, riconosce la sovranità di Dio sopra tutta la sua vita, sia nella prosperità e sia nell’avversità, e lo benedice! Nella benedizione così come nel dolore, Giobbe ha lodato il nome di Dio; riconosce il fatto che come è venuto sulla terra così andrà via, morirà senza niente! Proprio come è uscito dal grembo di sua madre, così sarebbe andato nel grembo della terra, cioè senza niente. (cfr. Ecclesiaste 5:14-15). Giobbe riconosceva che non aveva alcun diritto riguardo i suoi possedimenti, il Signore dona e il Signore toglie. Giobbe riconosce che il Signore che gli aveva dato tutta questa ricchezza aveva il diritto di portarla via. Tutta la ricchezza di Giobbe è stata data da Dio, e lo stesso Dio ha il diritto di portarla via. Da notare che sono stati i Sabei, e poi i Caldei a derubare Giobbe, e agenti atmosferici a causare la morte delle pecore e dei suoi servi, e dei suoi figli, ma Giobbe riconosce che tutto è nelle mani di Dio!
La devozione è possibile senza avere niente in cambio; le persone possono essere consacrate e riconoscenti al Signore anche senza avere un guadagno materiale.
Satana con il suo esercito, si aspettavano che Giobbe avrebbe reagito alla perdita della sua ricchezza e dei suoi figli, rinnegando Dio (Giobbe 1:6-12), ma non è stato così. Giobbe ha espresso il suo dolore in un modo normale per quel giorno, ma ha adorato il Signore e ha pronunciato una profonda dichiarazione di fede. Questo Giobbe è un esempio per noi di reazione di sottomissione a Dio e di adorazione riconoscendo la Sua volontà sovrana. Ci vuole una vera fede per dire nel bel mezzo della sofferenza: “Sia benedetto il nome del Signore”.

Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Introduzione alla Bibbia: Necessità

Introduzione alla Bibbia Necessità La Bibbia è ancora attuale oggi? La Bibbia oggi è attuale perché è la Parola di Dio e come tale non passerà mai come dice Gesù: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Matteo 24:35). Ancora nel Salmo 119:89 troviamo scritto: “Per sempre, SIGNORE, la tua parola è stabile nei cieli”. Infine 1 Pietro 1:24-25 dice: “Infatti, ‘ogni carne è come l'erba, e ogni sua gloria come il fiore dell'erba. L'erba diventa secca e il fiore cade; ma la parola del Signore rimane in eterno’. E questa è la parola che vi è stata annunziata”. Secondo questi versetti la Bibbia è attuale e non passa mai di moda, è importante per l’uomo e il mondo moderno. La Bibbia è l’unica fonte obiettiva della rivelazione che Dio ci ha dato su Se stesso e sul Suo piano per l’umanità.  La Bibbia fa conoscere Dio e la sua volontà, il Suo piano di salvezza per l’uomo attraverso il sacrificio di Suo Figlio, Gesù Cristo, sulla croce e ci aiuta a maturare spi…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.