Passa ai contenuti principali

Salmo 1:4: La via degli empi (Prima parte).

Salmo 1:4: La via degli empi (Prima parte).
“Non così gli empi; anzi son come pula che il vento disperde”.

Il Salmo 1 mette in guardia contro l'adottare l'atteggiamento e lo stile di vita degli empi. L'avvertimento è di non prendere la via degli empi, e la residenza nel loro territorio. Anche se l’empio può avere successo nei suoi progetti malvagi (Salmo 37:7), sarà un giorno condannato. 
L’empio è corrotto. L’empio è la persona che vive senza Dio, non ha timore di Dio (Deuteronomio 19:9,12), anzi dice che Dio non esiste (Salmo 10:1-13; Isaia 57:20), e sarà condannato e dannato per sempre! L’empio non è beato! Il devoto, il giusto, invece lo è! (Salmo 1:1-2).
Questo versetto ci dice che gli empi sono come pula che il vento disperde, quindi sono inutili. A differenza dei giusti che sono come un albero ben radicato con il fogliame che non appassisce e che porta frutto (Salmo 1:2-3), l’empio è come la pula al vento. Questa immagine è tratta dalla vita di campagna dell’epoca al momento del raccolto. Le aie d’Israele erano sulle colline dove di solito soffiava il vento, il grano raccolto veniva portato in queste aie dove veniva schiacciato, si tirava su, il chicco di grano cadeva per terra, mentre la pula, il rivestimento del grano, volava via, veniva poi raccolta è bruciata perché non serviva a niente. Oltre che ad essere inutili, gli empi sono instabili, senza forza, pula al vento, al contrario dei giusti che sono radicati. Gli empi non potranno contrastare il giudizio di Dio (Salmo 35:5; Isaia 17:13; 29:5; 41:5; Geremia 4:11-12; Sofonia 2:2). L’empio non può ostacolare il giudizio, ne sarà schiacciato. Una persona non può prendere in giro Dio! Dio conosce tutto. In Ebrei 4:13 leggiamo: “E non v'è nessuna creatura che possa nascondersi davanti a lui; ma tutte le cose sono nude e scoperte davanti agli occhi di colui al quale dobbiamo render conto”. Dio è Onnisciente! Dio darà al ribelle quello che sceglie e ciò che merita. Dio è essendo giusto non sbaglia riguardo al giudizio! (Esodo 34:6-7; Deuteronomio 7:9-10; Romani 2:6-8). La Bibbia afferma più volte che Dio è giusto. Per esempio in Esdra 9:15 è scritto: “SIGNORE, Dio d'Israele, tu sei giusto”. (Salmo 11:7; 116:5 119:137; 145:17; Isaia 45:21; Geremia 12:1; Sofonia 3:5; Giovanni 17:25). Se mentre la giustizia dell’uomo può variare con il tempo, spesso la modificano adattandolo al tempo in cui vivono, quella di Dio è eterna (Salmo 111:3; 112:3,9; 119:142, 160; Isaia 51:8) e quindi immutabile. Dio è giusto, la sua giustizia è attiva, non è indifferente, tiene conto delle azioni degli uomini! Nel giorno del Suo giudizio definitivo (Ebrei 9:27) i malvagi saranno gettati nell'inferno con il diavolo (Apocalisse 20:10), “dove il verme loro non muore e il fuoco non si spegne” (Marco 9:48). In quel giorno grandioso e terribile del Signore, solo i veri credenti, saranno salvati dalla collera divina, mentre i malvagi e nemici del Signore saranno puniti (Matteo 3:7; Giovanni 3:16,36; Atti 17:31; Romani 2:5; 5:9; 1 Tessalonicesi 1:10; 2 Tessalonicesi 1:7-10).

Post popolari in questo blog

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…