Passa ai contenuti principali

Salmo 1:1: La via del devoto a Dio (Prima parte).

Salmo 1:1: La via del devoto a Dio (Prima parte).
“Beato l'uomo che non cammina secondo il consiglio degli empi, che non si ferma nella via dei peccatori; né si siede in compagnia degli schernitori”

I devoti sono abbondantemente benedetti perché essi non vivono in comunione con i peccatori e secondo le filosofie e le pratiche peccaminose, ma sono profondamente radicati nella Parola di Dio (v.2). Il devoto è beato, cioè benedetto, felice, per la posizione di grazia salvifica che ha in Dio, che lo circonda perché ha una relazione genuina e vitale con Lui di fede e timore; perciò esprime più di un sentimento di pace e contentezza. La relazione con Dio è dimostrata dalla condotta. 
Il devoto rifiuta il credo secolare, rifiuta la filosofia e i valori umanistici della filosofia atea, irriverente. “Cammina” si riferisce a una serie di passi che l’empio fa nella vita, alle decisioni e alla direzione che prende. Indica il modo di vivere.
 “Consiglio” è lo schema mentale, lo scopo, il pensiero. Gli empi sono quelli che non hanno timore di Dio (Deuteronomio 19:9,12), anzi credono che non esiste Dio (Salmo 10:1-13; Isaia 57:20). “Non cammina”, perciò significa rifiutare la visione del mondo che pone l'uomo al centro dell'universo e lo attira a vivere con i propri standard di moralità (immoralità) e a ricercare il piacere, ovviamente di questa natura.  
Il devoto rifiuta il comportamento sensuale. L’immagine del “fermarsi” indica gli impegni di una persona con cause diverse. Implica qualcosa di più che prendere questa strada, è stare saldi in essa! “Via” è una metafora per il modo di vivere, sono le abitudini comportamentali. “Peccatori” indica letteralmente mancare il bersaglio, quindi fallire la legge di Dio e quindi incorrere in una colpa morale. Il rifiuto implica che il comportamento personale del devoto resiste al richiamo della folla a partecipare alle loro attività carnale e sensuali della vita.
Il devoto rifiuta le cose scostumate. “Si siede” rappresenta la costanza attitudine del cuore, una disposizione fissa. “Compagnia” implica non solo vivere la loro strada, ma anche prendere parte alle deliberazioni. “Schernitori” sono coloro che si burlano e disprezzano Dio e i credenti con sarcasmo e disprezzo; sono coloro che non hanno alcun rispetto per Dio e per i suoi comandamenti. Lo schernitore è uno stolto, senza senno. Non risponde alle istruzioni, ma suscita contese per i suoi insulti (Proverbi 22:10). Perciò i giusti rifiutano di associarsi con coloro che si fanno beffe di Dio, evitano rapporti stretti con bestemmiatori, infedeli e atei! Anche se queste le azioni: “Cammina, si ferma e si siede” ritraggono profondamente la totalità del male, comunque possono rappresentare tre tipi di attività, o uno sviluppo culminante dal camminare, a fermarsi e a sedersi come un’intensificazione delle attività peccaminose. Quindi “cammina, si ferma e sedersi” può essere una progressione nell’azione, piano piano fino a raggiungere una piena partecipazione; prima è una cosa lieve: dal pensiero, si passa ai peccati occasionali fino ad allontanarsi da Dio! La descrizione negativa connota declino morale che inizia con la presa dello schema mentale degli empi, poi procede ad agire nel modo sbagliato, e infine diventa il tipo di persona non approvata da Dio. Le cattive compagnie corrompono i buoni costumi dice 1 Corinzi 15:33. Chi ha orecchi per udire oda!

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: