Passa ai contenuti principali

Naum 1:3: La giustizia di Dio espressa nella punizione del peccatore.

Naum 1:3: La giustizia di Dio espressa nella punizione del peccatore.
“ Il SIGNORE è lento all'ira ed è molto potente, ma non lascia il colpevole impunito”.

Nonostante Dio sia paziente, la sua giustizia si esprime nella punizione dell’empio.
Questo versetto ci parla proprio di questo.
In primo luogo vediamo:
(1) Il Signore è lento all’ira.
L’ira di Dio non è volubile e nemmeno capricciosa, è giudiziaria. Dio è lento all'ira, vale a dire, trattiene il suo giudizio per un lungo periodo di tempo (cfr. Esodo 34:6; Numeri 14:18; Neemia 9:17; Salmo 86:15; 103:8; 145:8; Gioele 2:13; Giona 4:2). 
A volte l’ira di Dio non è immediata, trattiene la sua ira fino al momento giusto, anche se da un punto di vista umano sembra in ritardo che non si occupi dell’ingiustizia presente in questo mondo.
Dio è lento all’ira non solo nei riguardi del suo popolo, ma anche in quello dei nemici del suo popolo, in questo caso degli Assiri.
Dio è lento all’ira perché è un Dio paziente, perché desidera che le persone si pentano e non periscano (2 Pietro 3:9). Dio aveva mostrato la sua pazienza, circa cent’anni prima che Naum profetizzasse, infatti, aveva mandato Giona a predicare a Ninive, la capitale dell’Assiria per risparmiarli. Gli assiri erano uno dei popoli più brutali del mondo antico, ma di fronte al pentimento della popolazione, Dio ebbe pietà e non la punì (Giona 3:9-10; 4:10-11).
(2) Il Signore è molto potente.
“Molto potente” si riferisce al potere soprannaturale di Dio, che è stato mostrato nel creare l’universo (Geremia 27:5; 32:17), come anche nel liberare il suo popolo dalla schiavitù d’Egitto con le piaghe (Esodo 9:16; 32:11; Deuteronomio 4:37; 2 Re 17:36).
Ora “molto potente” si riferisce alla capacità di Dio con atti di giudizio, Dio ha la forza intrinseca di effettuare la sua giustizia, quindi di distruggere l’impero Assiro. La potenza di Dio è superiore a quell’assira. Nessuno può resistere contro il potere di Dio (2 Cronache 20:6-7; cfr. Salmo 33:10-11,16). 
(3) Il Signore è giusto, non lascia il colpevole impunito (cfr. Esodo 34:7; Numeri 14:8).
Ninive era di nuovo ritornata alle sue vecchie abitudini malvagie tali da attirarsi il giudizio di Dio (cfr. Giosuè 22:20).
Quando qualcuno è colpevole, Dio essendo giusto (Salmo 11:7; 116:5 119:137; 145:17; Isaia 45:21; Geremia 12:1; Sofonia 3:5), lo punisce, non tratta il colpevole come un innocente.
Poiché Dio è giusto, è giusto che punisca i malfattori perché ricevano la giusta pena dovuta per il loro peccato (Salmo 119:137; 129:4).
Dio è così giusto e santo che è immutabilmente obbligato e determinato ad assegnare un'adeguata e proporzionata punizione a ciascun peccato come giusto giudice che ama la giustizia!
Probabilmente Naum dice queste parole per rassicurare Israele che anche le nazioni peccaminose e impenitenti avranno ciò che si meritano!
Così è anche oggi e sarà al momento del giudizio di Dio dopo la morte (Ebrei 9:27); tutti siamo peccatori (Geremia 17:9; Romani 3:10; 1 Giovanni 1:8-10), e Dio giudicherà coloro che non si sono pentiti dei loro peccati  e non si sono affidati a Gesù, l’unico salvatore del mondo per il perdono (Giovanni 3:16,36; Atti 4:12; 10:43; 20:21). 



Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: