Passa ai contenuti principali

Naum 1:3: La giustizia di Dio espressa nella punizione del peccatore.

Naum 1:3: La giustizia di Dio espressa nella punizione del peccatore.
“ Il SIGNORE è lento all'ira ed è molto potente, ma non lascia il colpevole impunito”.

Nonostante Dio sia paziente, la sua giustizia si esprime nella punizione dell’empio.
Questo versetto ci parla proprio di questo.
In primo luogo vediamo:
(1) Il Signore è lento all’ira.
L’ira di Dio non è volubile e nemmeno capricciosa, è giudiziaria. Dio è lento all'ira, vale a dire, trattiene il suo giudizio per un lungo periodo di tempo (cfr. Esodo 34:6; Numeri 14:18; Neemia 9:17; Salmo 86:15; 103:8; 145:8; Gioele 2:13; Giona 4:2). 
A volte l’ira di Dio non è immediata, trattiene la sua ira fino al momento giusto, anche se da un punto di vista umano sembra in ritardo che non si occupi dell’ingiustizia presente in questo mondo.
Dio è lento all’ira non solo nei riguardi del suo popolo, ma anche in quello dei nemici del suo popolo, in questo caso degli Assiri.
Dio è lento all’ira perché è un Dio paziente, perché desidera che le persone si pentano e non periscano (2 Pietro 3:9). Dio aveva mostrato la sua pazienza, circa cent’anni prima che Naum profetizzasse, infatti, aveva mandato Giona a predicare a Ninive, la capitale dell’Assiria per risparmiarli. Gli assiri erano uno dei popoli più brutali del mondo antico, ma di fronte al pentimento della popolazione, Dio ebbe pietà e non la punì (Giona 3:9-10; 4:10-11).
(2) Il Signore è molto potente.
“Molto potente” si riferisce al potere soprannaturale di Dio, che è stato mostrato nel creare l’universo (Geremia 27:5; 32:17), come anche nel liberare il suo popolo dalla schiavitù d’Egitto con le piaghe (Esodo 9:16; 32:11; Deuteronomio 4:37; 2 Re 17:36).
Ora “molto potente” si riferisce alla capacità di Dio con atti di giudizio, Dio ha la forza intrinseca di effettuare la sua giustizia, quindi di distruggere l’impero Assiro. La potenza di Dio è superiore a quell’assira. Nessuno può resistere contro il potere di Dio (2 Cronache 20:6-7; cfr. Salmo 33:10-11,16). 
(3) Il Signore è giusto, non lascia il colpevole impunito (cfr. Esodo 34:7; Numeri 14:8).
Ninive era di nuovo ritornata alle sue vecchie abitudini malvagie tali da attirarsi il giudizio di Dio (cfr. Giosuè 22:20).
Quando qualcuno è colpevole, Dio essendo giusto (Salmo 11:7; 116:5 119:137; 145:17; Isaia 45:21; Geremia 12:1; Sofonia 3:5), lo punisce, non tratta il colpevole come un innocente.
Poiché Dio è giusto, è giusto che punisca i malfattori perché ricevano la giusta pena dovuta per il loro peccato (Salmo 119:137; 129:4).
Dio è così giusto e santo che è immutabilmente obbligato e determinato ad assegnare un'adeguata e proporzionata punizione a ciascun peccato come giusto giudice che ama la giustizia!
Probabilmente Naum dice queste parole per rassicurare Israele che anche le nazioni peccaminose e impenitenti avranno ciò che si meritano!
Così è anche oggi e sarà al momento del giudizio di Dio dopo la morte (Ebrei 9:27); tutti siamo peccatori (Geremia 17:9; Romani 3:10; 1 Giovanni 1:8-10), e Dio giudicherà coloro che non si sono pentiti dei loro peccati  e non si sono affidati a Gesù, l’unico salvatore del mondo per il perdono (Giovanni 3:16,36; Atti 4:12; 10:43; 20:21). 



Post popolari in questo blog

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio.

Matteo 6:10: Venga il Regno di Dio. Qualcuno ha detto: “L'unico regno che prevarrà in questo mondo è il regno che non è di questo mondo”.
Questo ovviamente si riferisce al regno di Dio! Il regno di Dio sopravvive alla dissoluzione di tutti i regni e di questo mondo.
Così, la cosa più importante da dire sul regno di Dio è che è il regno di Dio. 
Il regno di Dio è esaltato al di sopra dei regni degli uomini e del regno spirituale ed è infinitamente superiore a loro.
Secondo la testimonianza dei primi tre Vangeli, la proclamazione del regno di Dio era il messaggio centrale di Gesù (Matteo 4:23).
Questo è il secondo soggetto di preghiera del Padre nostro. 
La preghiera “venga il tuo regno” ha due significati.

Matteo 6:9: Sia santificato il nome di Dio.

Matteo 6:9: Sia santificato il nome di Dio. “Sia santificato il tuo nome”. Questo è il primo soggetto di preghiera del “Padre nostro”. 
Molte persone pensano che il proprio io, sia più importante di tutti e di tutto. Pur di soddisfare i propri desideri sono disposti a tutto, e ostacolano ciò che impedisce la loro individualità, o usano coloro che in qualche modo possono essere strumenti per raggiungere i loro desideri, progetti, interessi… vedono gli altri come risorse.
Queste persone sono egocentriche, si credono al centro del mondo, cioè hanno come l’unico punto di riferimento se stesse, e cercano di riportare tutto a sé, a interessarsi alle persone e alle cose nella misura in cui ne possono trarre vantaggio.
Quindi sono anche egoiste, hanno un attaccamento eccessivo a se stessi tanto da ricercare esclusivamente il proprio piacere e interesse personale.
Purtroppo si può essere egocentrici ed egoisti anche con Dio quando lo cerchiamo per soddisfare i nostri interessi, i nostri deside…