Passa ai contenuti principali

Giona 2:9: Non confidare negli idoli, sono vani!

Giona 2:9: Non confidare negli idoli, sono vani!
“Quelli che onorano gli idoli vani allontanano da sé la grazia; ma io ti offrirò sacrifici, con canti di lode; adempirò i voti che ho fatto. La salvezza viene dal Signore”.

Oggi giorno le cose non sono molto cambiate dai tempi di Giona.
Vediamo gli idoli che il Signore ha vietato che noi facessimo (Esodo 20:4-5), li vediamo nei luoghi di culto, o portati sulle spalle nelle feste cittadine.
Un idolo è qualcosa realizzato da mani umane mediante uno strumento, scolpito in legno, in pietra, o inciso nel metallo, tagliato e modellato da mani umane, una rappresentazione artificiale di qualche essere divino.

Ma gli idoli ci possono salvare? Ci possono liberare? Sono in grado di ascoltare le nostre preghiere?
Giona scappava dalla chiamata del Signore di andare a predicare a Ninive. Nella sua fuga, Dio s’imbarcò per fuggire a Tarsis, ma il Signore scatenò una così grande tempesta che la nave era sul punto di sfasciarsi. I marinai, secondo il volere di Giona, lo gettarono in acqua e per volere di Dio, un grande pesce lo divorò. Dal ventre del pesce Giona prega il Signore (Giona 1-2).
Nelle parole di questa preghiera Giona ricorda la sua disperazione, come si ritrovò in una condizione angosciante, vicino alla morte nelle profondità del mare. Giona stava sprofondando in quello che temeva fosse il soggiorno dei morti, ma lì ha pregato (2:1-3).
Mentre affondava sempre di più, la pressione dell'acqua aumentava e poteva sentirsi venire meno, ma Dio lo ha fatto risalire da quella condizione prossima alla morte (vv.4-6) salvandolo, Giona era vivo dentro il grande pesce.
Quanto la vita stava venendo meno, Giona si è ricordato del Signore e l’ha invocato per essere salvato, e Dio ha risposto (vv.7-8).
Con le parole del v.9, Giona esalta la salvezza del Signore vivente in contrasto con gli idoli che non possono salvare.
Quindi noi vediamo due aspetti importanti.
1)Gli idoli non salvano, perché non possono salvare.
Solo il Signore, Dio d'Israele, può salvare; e quindi a Lui siamo chiamati a essere fedeli (v.10; Esodo 20:3; Matteo 4:10; 22:37) e pregare (vv.3-8).
2) Chi onora gli idoli allontana da sé la grazia di Dio.
Coloro che seguono gli idoli si tirano fuori dagli aiuti di Dio, loro stessi si privano della grazia di Dio, i loro dolori saranno moltiplicati (Salmo 16:4).
Gli idoli non solo son inefficaci, ma chi li adora si allontano dall’aiuto di Dio!
Giona ha sperimentato la grazia e la salvezza di Dio perché in Lui si è confidato!
C’è stato un cambiamento enorme da quando Giona ha iniziato a pregare con fede!
Quindi è da stupidi e da pazzi onorare gli idoli (cfr. Giona 1:5), perché non possono essere di nessun aiuto, sono vani, cioè vuoti senza sostanza, sono morti, inattivi, non parlano, non vedono, non odono, non odorano, non toccano con le loro mani e non camminano con i loro piedi (Salmo 115:3-8), non sono eterni, sono creati dall’uomo e fatti di materiale modificabile, o deperibile (Geremia 10:8-10; 51:17-18).
Noi dobbiamo confidare solo nel vero,vivente ed eterno Dio che ascolta le nostre preghiere e ci salva (Giona 1:9; 2:3-10; Geremia 10:10).

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: