Passa ai contenuti principali

Abdia 3: I pericoli dell’orgoglio.

Abdia 3: I pericoli dell’orgoglio.
“L’orgoglio del tuo cuore ti ha ingannato”.

Queste parole sono dirette dal profeta alla nazione di Edom. Nei vv.3-4 vediamo che il Signore giudicherà Edom (cfr.v.15).
L’orgoglio (zādhôn)si riferisce all’arroganza, alla presunzione, a colui che confida in se stesso, all’autosufficienza.
Il libro dei proverbi descrive gli aspetti negativi dell’orgoglio (Proverbi 11:2; 13:10; 21:24).
Nei tempi antichi l’altezza aveva un vantaggio militare importante. 

La posizione geografica di Edom sulle montagne, gli dava un senso d’inespugnabilità militare, invincibilità, autosufficienza.

Le città di Edom erano situate in un aspro terreno montuoso, e per questo motivo erano impenetrabili, erano circondate da profonde gole che scendevano a strapiombo da picchi di 1700 metri, e la rendevano una fortezza naturale. Era proprio questo che rendevano gli edomiti orgogliosi, arroganti, presuntuosi, invincibili, infatti pensavano: “Chi potrà farmi precipitare a terra?” (v.4). Il Signore per bocca del profeta ammonisce Edom dicendo: “’Anche se tu facessi il tuo nido in alto come l’aquila, anche se tu lo mettessi fra le stelle, io ti farò precipitare di lassù’, dice il Signore” (v.4).
Per un uomo, o per un esercito potente poteva essere difficile espugnare Edom, nessuno poteva vincere Edom, ma non per Dio! 
Dato che il potere del Signore è illimitato, non importa quanto in alto si stabilisce e possa essere ben difesa, Edom cadrà dalle sue altezze!
Non c’è niente d’impossibile al Dio Sovrano e Maestoso! (Salmo 68:34).
Nessuno può sfuggire dal Signore guerriero (Esodo 15:3; Salmo 24:8).
Gli individui e le nazioni devono guardarsi dai pericoli dell'orgoglio, che spesso crea l'illusione di sicurezza e autosufficienza. 
L’orgoglio distorce la realtà e non fa capire la verità, l’orgoglio inganna se stessi! 
Tutti noi non dobbiamo dimenticare la verità della nostra fragilità e vulnerabilità davanti a Dio.
Noi tutti dobbiamo fare i conti con Dio!
Ogni persona è responsabile delle proprie azioni, e ogni persona è alla portata di mano della disciplina del Signore. 
L’orgoglio, l’arroganza non sfugge alla punizione di Dio (cfr. 2 Cronache 26:16; Isaia 10:12-19; Geremia 50:29-32; Daniele 5:20).
Dio resiste ai superbi e fa grazia agli umili (Salmo 34:18; 51:17; Giacomo 4:6; 1 Pietro 5:5-6).
Dio è implacabile contro i superbi e i superbi non possono resistere a Dio! (Salmo 18:27; 138:6; Isaia 2:12; 10:12; Geremia 50:31-32; Sofonia 3:11-12).
Dio abbassa chi s’innalza e innalza chi si abbassa (Matteo 23:12; Luca 18:14), per questo motivo siamo chiamati a umiliarci davanti a Lui confidando in Lui e non in noi stessi.
Quindi come diceva Agostino: “ Se costruisci su di te il tuo edificio sarà una semplice rovina”.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: