Passa ai contenuti principali

Giuda 1: I chiamati.

Giuda 1: I chiamati.
“Giuda, servo di Gesù Cristo e fratello di Giacomo, ai chiamati che sono amati in Dio Padre e custoditi da Gesù Cristo”.

Giuda non dice chi sono i destinatari, ma l'occasione specifica che l’ha indotto a scrivere la lettera (vv. 3-4), ci fa’ capire che aveva un gruppo definito di chiese in mente quando scrisse. Giuda dà tre descrizioni riguardo i destinatari e indicano cosa significhi essere un vero cristiano: “Sono chiamati, amati in Dio Padre e custoditi da Gesù Cristo”. In questa breve meditazione ci occuperemo della parola: “ Chiamati”. 
 “Chiamati” (klētois) qui, non si riferisce a un semplice invito, sottolinea la chiamata che i cristiani hanno ricevuto da Dio come popolo eletto.
“Chiamati” è un titolo trasferito ai cristiani dall’Antico Testamento che era in riferimento a Israele  (Isaia 41:9; 42:6; 48:12,15; 49:1; 54:6; Osea 11:1). La chiamata d’Israele è legata con la scelta, o l’elezione di Dio (Isaia 41:8-9; 42: 1-6; 43:10; 44:1-2; 49:7) per essere il Suo popolo speciale, il suo popolo servo (cfr. Galati 1:15-kalesas; Matteo 4:21; Marco 2:17- ekalesen).
Come gli Israeliti sono stati chiamati da Dio per diventare il suo popolo, e sono stati chiamati dalla schiavitù in Egitto, con lo scopo di possedere la terra promessa, così anche i cristiani sono chiamati da Dio, liberati da una vita di peccato e della morte per una nuova vita di consacrazione in Gesù Cristo. “Chiamati”, dunque indica la chiamata sovrana di Dio per la salvezza nella Sua grazia elettiva in Cristo (Efesini 1:3-4; 4:4; 2 Tessalonicesi 2:13-14). L'idea esprime l'iniziativa divina per la loro salvezza attraverso la predicazione del Vangelo (2 Tessalonicesi 2:13-14). Questa salvezza non è per le opere (Efesini 2:8-9), e colui che è chiamato risponde con il ravvedimento e fede (Atti 20:21). Così Dio è " colui che chiama " (Romani 9:11-12; Galati 5:8, 1 Tessalonicesi 2:12; 5:24; 1 Pietro 1:15; 2:9; 5:10; 2 Pietro 1:3) e il suo popolo sono “i chiamati” (Romani 1:1, 6, 7; 8:28; 1 Corinzi 1:2, 24; Apocalisse 17:14.). Dio ha chiamato la chiesa dalle tenebre alla sua luce meravigliosa (1 Pietro 2:9).
“Chiamati”, dunque, si riferisce a tutti i cristiani, ai credenti di ogni generazione, ed è un sinonimo per il cristiano (Romani 1:6; 1 Corinzi 1:24; Apocalisse 17:14). Implica che i credenti sono stati salvati, attratti da Dio in modo efficace, irresistibile (Geremia 24:7; Giovanni 6:44,65; 10:16,27; Romani 8:28-30). Essere cristiani è un risultato della misericordia di Dio che raggiunge i peccatori salvandoli dal peccato e dalla morte e li lega in un rapporto con Se Stesso.  
“I cristiani dovrebbero avere un atteggiamento di gratitudine” (Stuart Briscoe). Se sei un vero cristiano non puoi fare altro che lodare Dio per la Sua salvezza gratuita! Sii riconoscente al Signore come quel lebbroso samaritano che è stato guarito da Gesù, ed è ritornato in dietro per ringraziarlo e non come gli altri nove che invece continuarono per la loro strada! (Luca 17:11-19). Il dono di Dio merita il nostro ringraziamento. 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: