Passa ai contenuti principali

Romani 8:26-27: Lo Spirito Santo intercede con sospiri ineffabili.

Romani 8:26-27: Lo Spirito Santo intercede con sospiri ineffabili.
…ma lo Spirito intercede per noi con sospiri ineffabili;e colui che esamina i cuori sa quale sia il desiderio dello Spirito, perché egli intercede per i santi secondo il volere di Dio.

Nella preghiera, lo Spirito intercede per noi davanti a Dio. Il verbo “intercede” di Romani 8:26 (huperentunchanei- presente attivo indicativo) è fare una petizione personale per un altro.  Così anche il verbo “intercede” di Romani 8:27 (entunchanei- presente attivo indicativo) si riferisce in primo luogo a quello d’avvicinarsi a qualcuno per parlargli, con una domanda, da qui pregare, sollecitare. La stessa parola è usata in riferimento all’intercessione di Gesù che intercede per i credenti per la loro giustificazione (Romani 8:34; Ebrei 7:25-28). Perciò questa intercessione è più di un semplice incontro! Lo Spirito Santo intercede per noi indica per il nostro conto. Come Gesù intercede per la nostra salvezza, lo Spirito intercede per le nostre preghiere.
La parola “sospiri” (stenagmois) viene usata nella traduzione greca dei Settanta dell’Antico Testamento per indicare un forte lamento, o la sofferenza umana (Giobbe 23:2; 30:11,25). La parola è utilizzata anche nella preghiera a Dio per indicarne la sua profondità e intensità, come per esempio i gemiti del popolo Ebreo schiavo e angariato in Egitto (Esodo 2:24; 6:5; Atti 7:34). Così anche nel Nuovo Testamento (2 Corinzi 5:2-4; cfr. Romani 8:22), il gemere, o il sospirare avviene a causa di una condizione di oppressione in cui l'uomo soffre e da dove vuole essere liberato perché non è in accordo con la sua natura, con i suoi desideri, o speranze, o aspirazioni.  
La parola “ineffabili” (alalētois ) può indicare sentimenti che non sono espresse a parole, oppure parole inesprimibili. Parole che non possono esprimersi, che non possono essere pronunciate perché troppe profonde e perché trascendono, vanno al di là, del linguaggio umano! 
La nostra incapacità di conoscere la volontà di Dio e la conseguente incapacità di pregare Dio in modo specifico, certamente è soddisfatta dallo Spirito di Dio, che intercede davanti a Lui in armonia e perfettamente con la Sua volontà. La preghiera dello Spirito Santo che dimora nel credente è afferrata immediatamente dal Padre, al quale la preghiera è rivolta. I credenti sono deboli, nel senso che non sanno pregare come Dio vuole, infatti, la totalità, o i dettagli della volontà di Dio, è nascosta a loro, ma lo Spirito compensa la loro mancanza e intercede per i santi. 
Pertanto quando non sappiamo cosa Dio vuole, o quando non preghiamo con le parole giuste, oppure quando non abbiamo nemmeno alcuna idea precisa di quello che desideriamo, o se l’abbiamo, ma non sappiamo come comunicarle a Dio, lo Spirito Santo che dimora in noi credenti e ci conosce bene, sa quali sono i nostri bisogni, o i nostri desideri, li eleva con sospiri ineffabili secondo la volontà di Dio in modo che Dio li accolga.  
Lo Spirito Santo intercede in modo perfetto per nostro conto!! Pertanto non disperare se dici di non saper pregare, o non sai per che cosa pregare.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: