Passa ai contenuti principali

Luca 1:6-7: Essere luce in un mondo corrotto moralmente.

Luca 1:6-7: Essere luce in un mondo corrotto moralmente.
Erano entrambi giusti davanti a Dio e osservavano in modo irreprensibile tutti i comandamenti e i precetti del Signore.  Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile, ed erano tutti e due in età avanzata.

Il carattere generale del sacerdozio ai tempi di Zaccaria e ed Elisabetta era profondamente contaminato dalla corruzione dei tempi, ma in mezzo a questa corruzione vi erano Zaccaria ed Elisabetta, erano giusti e irreprensibili.
Zaccaria ed Elisabetta erano una luce! “Giusti” indica che servivano Dio fedelmente come Dio voleva (Genesi 17:1; Cfr. Atti 23:1; 24:16),  camminavano con Dio, e Dio li approvava, li considerava positivamente, li gradiva (davanti a  Dio, Genesi 6:8; 7:1; Ezechiele 14:14; Luca 16:15; Atti 4:19; Ebrei 13:21).
“Davanti a Dio” ci fa capire che noi non dobbiamo comportarci come i Farisei per essere osservate dagli uomini (Matteo 23:5-7). Noi dobbiamo cercare l’approvazione di Dio e non degli uomini! (cfr. Galati 1:10; 1 Tessalonicesi 2:4)  I genitori di Giovanni Battista avevano un comportamento conforme alla volontà di Dio espressa nella Sua legge, indica essere in accordo con ciò che Dio richiede, avevano una condotta esemplare, osservavano in modo irreprensibile tutti i comandamenti e i precetti del Signore, erano fedeli al Signore.
“Irreprensibile” si riferisce a essere senza colpa, o non essere in difetto, nel senso che si comportavano secondo tutti i comandamenti e i precetti del Signore, erano attenti a obbedire pienamente a Dio. L’irreprensibilità era radicale, osservavano in modo irreprensibile tutti i comandamenti e i precetti del Signore.  Non dicevano: “questo comandamento mi piace e l’osservo, questo insegnamento del Signore non mi piace e quindi non lo considero”. Come facevano in un certo senso i Farisei che pagavano la decima della menta, dell’aneto e del comino, e trascuravano le cose importanti della legge: il giudizio, la misericordia e la fede (Matteo 23:23). Zaccaria ed Elisabetta erano attenti a obbedire radicalmente Dio. La loro obbedienza non era parziale.
L’irreprensibilità era stabile. “Osservavano” (poreuomenoi- presente medio participio) è vivere, camminare, condurre se stessi (Atti 9:31; 14:16; 1 Pietro 4:3; 2 Pietro 2:10; 3:3; Giuda 11, 16, 18). Indica il modo di vivere, o di comportarsi in modo consueto, e mette a fuoco la continuità di azione e di vivere, di comportarsi, di fare. Infatti, il verbo è al presente quindi indica che erano irreprensibili costantemente.
Questa è una descrizione di una coppia veramente pia interamente dedicata a Dio nonostante le pressioni della corruzione dilagante. Anche noi oggi viviamo in tempo di grande corruzione morale, non c’è timore di Dio, basta vedere i telegiornali, o leggere i giornali, anche la religiosità è apparente e superficiale, c’è molta ipocrisia, ma come veri cristiani, come discepoli di Gesù, dovremmo essere la luce in questo mondo corrotto (Matteo 5:14) seguendo l’esempio di Zaccaria ed Elisabetta.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: