Passa ai contenuti principali

Giobbe 19:25: La certezza del Salvatore personale.

Giobbe 19:25: La certezza del Salvatore personale.
“ Ma io so che il mio Redentore vive”.

Perché Giobbe dice: “ma”? In contrasto a che cosa lo dice? Nei vv.23-24, Giobbe desidera che le sue parole fossero impresse in un libro, o incise in una roccia come testimonianza favorevole duratura nel tempo per la sua innocenza davanti a Dio contro le false accuse degli amici, ma ciò non è possibile, allora c’è una testimonianza maggiore, la consapevolezza del redentore, del Salvatore.
Noi notiamo la convinzione di Giobbe del Salvatore personale.
In ebraico “io” (ʾǎnî) è messo in enfasi e indica che Giobbe aveva una convinzione consolidata come dire: “Io, sì, lo so, io credo fermamente!”. Nel presente sofferente, Giobbe guarda con fiducia al suo Redentore. Nonostante tutte le grandi afflizioni che si sono abbattute violentemente su di lui, Giobbe fa una grande dichiarazione di fede in Dio. È vero che Giobbe, nei capitoli precedenti, aveva fatto alcune dichiarazioni di perplessità su Dio (aveva detto che Dio è il suo nemico Giobbe 6:4; 10:8-14; 13:24; 16:7-14; 19:7-12; egli non ha alcuna speranza di essere riconosciuto da Dio innocente Giobbe 9:2-3, 20, 28 -33; 13:15; 19:7), mostrando la debolezza della natura umana sotto la prova, ma adesso dice che ha un Salvatore personale. 
Noi vediamo la relazione personale di Giobbe con il Salvatore.
“Mio Redentore” indica un rapporto personale. Noi vediamo nella Bibbia che il rapporto con Dio è personale. Coloro sono stati conosciuti da Dio e quindi conoscono Dio (Galati 4:8-9), hanno una relazione personale con Lui. 
L’apostolo Paolo in Galati 2:20 parlando del Figlio di Dio dice: “il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me”. Giovanni 10:3 dice che il Pastore chiama le proprie pecore per nome, questo indica che sono suoi, li conosceva già prima della creazione (Geremia 1:5; Galati 1:15; Efesini 1:4). I loro nomi sono stati scritti fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell'Agnello che è stato immolato (Apocalisse 13:8; 17:8; 20:12,15; 21:27). Quindi, un cristiano ha un rapporto personale con Dio per la Sua grazia! (cfr. Romani 11:6; Galati 2:21).
Il cristiano è stato salvato da Gesù Cristo per volontà di Dio (Giovanni 6:44,65; 17:6, 9, 24; 18:9). 
Gesù è il Salvatore. Gesù è la provvidenza di Dio per la salvezza dei peccatori (1 Timoteo 1:15). Dio ha mandato il Figlio per essere il Salvatore del mondo (Giovanni 3:16; 4:42; 1 Giovanni 4:8). Gesù è l’unico Salvatore non ve ne sono altri! (Atti 4:12). Gesù è venuto a salvarci dai nostri peccati:questo è il cuore del Vangelo! È vero che è venuto a salvarci dall’inferno, ma non è l’inferno, il problema principale, è solo una conseguenza. Il problema principale della razza umana è il peccato, e Gesù è venuto per salvarci dai nostri peccati! (Matteo 1:21).
Ora quando si parla della salvezza dei credenti, la Bibbia ne parla in termini che è sicura. Una volta che Gesù salva, salva per sempre (Giovanni 10:27-30; Romani 8:28-30; Efesini 2:8). Sei sicuro di essere stato salvato? 
  

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: