Passa ai contenuti principali

Atti 4:27-28: Il sacrificio di Gesù non è stato accidentale.

Atti 4:27-28: Il sacrificio di Gesù non è stato accidentale.
"Proprio in questa città, contro il tuo santo servitore Gesù, che tu hai unto, si sono radunati Erode e Ponzio Pilato, insieme con le nazioni e con tutto il popolo d'Israele, per fare tutte le cose che la tua volontà e il tuo consiglio avevano prestabilito che avvenissero". 

Il sacrificio di Gesù è stato predestinato prima della creazione della terra secondo un piano prestabilito da Dio, non è stato un incidente di percorso, una soluzione del momento per tamponare un problema inaspettato, una situazione che è sfuggita al controllo di Dio!
Anche Pietro afferma: "sapendo che non con cose corruttibili, con argento o con oro, siete stati riscattati dal vano modo di vivere tramandatovi dai vostri padri,  ma con il prezioso sangue di Cristo, come quello di un agnello senza difetto né macchia.  Già designato prima della creazione del mondo, egli è stato manifestato negli ultimi tempi per voi" (1 Pietro 1:18-20).
Erode e Ponzio Pilato hanno fatto ciò che era nella volontà di Dio, ciò che Dio aveva prestabilito (proōrisen- determinato in anticipo), progettato prima della creazione e quindi della caduta nel peccato di Adamo ed Eva.
Un’altra traduzione del v.28 dice: “per compiere quanto la tua mano e la tua volontà avevano stabilito che avvenisse” (Paoline).
La nuova Diodati: “per fare tutte le cose che la tua mano e il tuo consiglio avevano prestabilito che avvenissero”.
In effetti nell’originale greco è presente la parola “mano” (cheir). “Mano” è un’espressione dell’Antico Testamento (Esodo 13:3; 14:16; Salmo 55:21) e  indica anche il controllo sovrano di Dio su tutto. Quello che degli uomini iniqui hanno fatto, faceva parte del piano salvifico di Dio, era sotto il Suo controllo. 
Dio è l’Iddio della storia che ha scritto tutta la storia prima che questa iniziasse. Erode e Ponzio Pilato hanno realizzato ciò che Dio aveva progettato; Dio diede Gesù nelle mani di uomini iniqui (Atti 2:23), perché questo faceva parte del suo piano prestabilito prima della creazione.
Quindi, il sacrificio di Gesù, è stato voluto, progettato e guidato, o controllato da Dio. 
I Giudei e i Romani, pur rimanendo responsabili delle loro azioni, hanno compiuto quanto Dio aveva già prestabilito prima della creazione del mondo. Dio ha mandato il Figlio perché ama il mondo (Giovanni 3:16; Romani 5:8).
Dio non ha risparmiato il Figlio, l’ha offerto per salvare i peccatori e soddisfare la sua giustizia e santità (Isaia 53:10; Giovanni 3:16; Romani 8:32).
Il fatto che Dio controlla la storia, il fatto che non ha risparmiato suo Figlio per i salvare i peccatori dovrebbe riempire il nostro cuore di riconoscenza e serenità. 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: