Passa ai contenuti principali

La Bibbia è autorevole quando si tratta dei fatti della storia e della scienza, o solo in materia di religione?


La Bibbia è autorevole quando si tratta dei fatti della storia e della scienza, o solo in materia di religione?
C’è chi pensa che la Bibbia sia piena di errori perché è stata scritta da uomini fallibili. Secondo questo pensiero, la Bibbia può avere autorità e importanza solo per quanto riguarda l’esperienza religiosa con il Signore, ma riguardo la storia e le questioni di scienza, la Bibbia non va presa sul serio. In altre parole, secondo questa teoria le parti della Bibbia che fanno riferimento a questioni di fede e pratica sono ispirati da Dio, mentre le questioni che si riferiscono alla storia, alla scienza, alla cronologia, o ad altre questioni che non appartengono alla fede, possono essere errate. 

1. Riguardo la storia, se dubitiamo dei racconti storici della Bibbia, dobbiamo mettere da parte avvenimenti importanti per la salvezza dell’uomo. 
Come per esempio Adamo è cruciale per l'argomento di Paolo in Romani 5:12-21. Quindi se, come abbiamo visto con un’altra domanda, la Bibbia non è affidabile riguardo la storia e la scienza, se noi non ci possiamo fidare in questo senso, come faremo a fidarci di altre questioni come la salvezza, la vita spirituale,ecc?

2. Riguardo la scienza, è la scienza che non può essere autorevole per le questioni spirituali, perché queste non possono essere osservate e sperimentate scientificamente. 
Il metodo scientifico è valido solo per quelle questioni che sono misurabili in termini fisici. (Giovanni 3:12). Dio non può essere dimostrato con la scienza, il paradiso non può essere misurato con osservazioni scientifiche, è una questione di fede! 
Inoltre la scienza ci può dire come funziona per esempio l’universo, ma non ci dice il perché per esempio noi siamo qui.
Paul Little: “La Bibbia non pretende di dirci il come di tante cose, ma ci dà chiaramente i perché”  (Romani 11:36; Colossesi 1:17).
La Bibbia non è un libro di testo sulla scienza. Il suo scopo non è quello di spiegare in termini tecnici i dati tecnici del mondo naturale, ma spiegare lo scopo di Dio e il rapporto con l'uomo, la Bibbia riguarda le cose spirituali. Non è certamente un libro tecnico per gli scienziati! 
Le descrizioni che la Bibbia fornisce sulla natura non sono né scientifici o non scientifici, ma sono formulate con parole che non sono tecniche e spesso generali, in modo che anche il lettore comune può seguire il pensiero. Questo non significa affatto che le affermazioni non siano corrette, ma significa che sono state scritte dal punto di vista e nel linguaggio di un osservatore non tecnico per i lettori in generale. 
Inoltre non dobbiamo dimenticare che alcune dichiarazioni scientifiche sono solo teorie come l’evoluzione per esempio e ci sono scienziati che non ci credono. La vera scienza non ha mai smentito le dichiarazioni della Bibbia, piuttosto, molti scienziati hanno semplicemente ripudiato Dio come Creatore e Giudice a causa della loro mancanza di volontà a sottomettersi alla Sua autorità. Non si vuole avere un Dio perché ovviamente costa al proprio io! 

3. Non possiamo  prendere dalla Bibbia quello che ci pare, il rischio è poi che ci facciamo una nostra religione! 
Ma se Dio ha ispirato la Bibbia, vuol dire che ci possiamo fidare di ciò che è scritto, questa è la questione cruciale: se tutta la Bibbia è Parola di Dio allora sarà autorevole in tutte le aree della vita! Se la Bibbia contiene la Parola di Dio, allora diventa tutto soggettivo senza criteri oggettivi, che manca di autorità nella suo complesso! La Bibbia stessa non fa distinzioni, si presenta come un tutto unitario, ogni parte di esso è completamente affidabile e infallibilmente ispirata, assolutamente autorevole nella fede e nella pratica. 
Se la Parola di Dio è solo un mucchio di pensieri o intuizioni soggettive, quale criterio usiamo per dire questa porzione  è Parola di Dio e quella no!? Questa strada conduce al relativismo e al soggettivismo, alla religione fai da te! E qualcun altro scarterà tutto in base a quello che gli fa comodo!

4. Dove conduce la vita senza la sottomissione all’autorità divina mostrata nella Bibbia? 
Ogni persona è diventata, in effetti, un dio, con i suoi propri standard, con una propria “verità” e quindi con una propria  moralità……beh gli effetti negativi sono sotto gli occhi di tutti! Una società con individui, sempre più egoisti, egocentrici, amorali, arroganti, una società schiava del peccato! (Rom.8:21).
Il mondo e le sue anime individuali hanno un disperato bisogno di redenzione, è la soluzione certamente non è nella scienza, anche se è importante per la vita dell’uomo. 
L'unica vera soluzione per la nostra redenzione è un ritorno a quella fede in assoluta integrità della Parola di Dio! Pertanto è meglio tornare a Dio con cuore pentito credendo in assoluta integrità e chiarezza della Sua Parola scritta. Non una dichiarazione è stata smentita veramente dalla scienza o della storia!
Dio certamente accoglie il peccatore pentito come vediamo nella parabola del figliol prodigo. (Luca 15:11- 24).

Bibliografia
Henry M. Morris and Martin E. Clark, The Bible Has the Answer,  1976, 1987 by Master Books, Inc. Database , WORDsearch Corp. 2007

Paul Little: “Perché credere?”, edizione Casa Biblica, 1981, Roma

McDowell, J., & Stewart, D. D. (1993). Answers to tough questions. Originally published: San Bernardino, Calif. : Here's Life Publishers, c1980. Nashville: T. Nelson Publishers.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5).

La pagliuzza e la trave (Matteo 7:3-5). “Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?  O, come potrai tu dire a tuo fratello: "Lascia che io ti tolga dall'occhio la pagliuzza", mentre la trave è nell'occhio tuo?  Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall'occhio di tuo fratello”. Verso la fine del 1800 l’astronomo più illustre del mondo, Sir Percival Lowell, era certo c'erano che vi erano canali su Marte. Con il suo telescopio gigante in Arizona, osservava Marte, e vedeva dei canali. Egli era convinto che questi fossero la prova di vita intelligente sul pianeta rosso, forse una razza più antica, ma più saggia di umanità. Le sue osservazioni avevano guadagnato ampia accettazione e nessuno osava contraddirlo. Da quel momento le sonde spaziali hanno orbitato Marte e sono sbarcate sulla sua superficie. L'intero pianeta è stato ma…