Passa ai contenuti principali

La religione è utile?


La religione è utile?
Anche se il significato della parola può sembrare ovvio, non esiste una definizione generalmente accettata riguardo alla religione. La parola religione è utilizzata in svariati sensi da diversi scrittori. Il dizionario di filosofia Gremese-Larousse dice che la parola religione deriva dal latino “religio”, lego con un significato arcaico affine a “religatio”, legame, quindi la religione è un legame.  Cicerone la definì come il dare l’onore giusto, rispetto e riverenza agli dèi. Gli uomini hanno provato ad appagare i loro desideri e pensieri religiosi in tantissimi modi. Hanno adorato animali, idoli di legno, di pietra e di metallo; hanno adorato la terra, il sole, la luna, le stelle, il fuoco e l’acqua. 
Gli uomini hanno adorato dèi e spiriti creati dalla propria mente umana offrendo loro sacrifici e riti. Per quanto sincera possa essere la fede di una persona, non significa che quella religione sia giusta e conduce alla destinazione giusta(al Dio vivente e vero), come chi sinceramente prende l’autobus per andare in una certa via, ma va a finire da un’altra parte perché ha preso l’autobus sbagliato! Era sincero, ma non è arrivato a destinazione perché ha preso l’autobus sbagliato, così uno può praticare sinceramente, con tutto il cuore una religione, ma non significa che sia quella giusta che porta a Dio! Il semplice fatto di essere praticanti sinceri di una religione non significa che salvi! A riguardo la Bibbia dice Proverbi 16:25: "C'è una via che all'uomo sembra diritta, ma finisce con il condurre alla morte".La religione non risolve il problema del peccato dell’uomo e del giudizio di Dio.

La religione non ci rende favorevoli a Dio.
Paul Little: “Il cristianesimo è ciò che Dio ha fatto per l’uomo, cercandolo e giungendo fino a lui per aiutarlo, mentre le altre religioni trattano della ricerca e della lotta dell’uomo per giungere fino a Dio”. La religione ti dice di vivere e di fare in un certo modo per ottenere l’approvazione di Dio basandoti sui propri mezzi. La religione è il tentativo dell’uomo di mettersi a posto con Dio con i propri sforzi umani. Ma questo non è possibile, la Bibbia dice in Isaia 64:6: "Tutti quanti siamo diventati come l'uomo impuro, tutta la nostra giustizia come un abito sporco". 
Dio richiede la perfezione che la religione non è in grado di dare. (Romani 3:19-20, 23; 1 Giovanni 1:8-10). L’uomo non ha le capacità di soddisfare pienamente gli standard di Dio. Romani 5:6: "Infatti, mentre noi eravamo ancora senza forza, Cristo, a suo tempo, è morto per gli empi". Solo Gesù ci rende favorevoli a Dio Romani 3:23-25; 1 Giovanni 2:1-2.

La religione non toglie il peccato.
Il peccato è universale, non conosce confini! Roy L. Smith: “ Il peccato è mortale in tutte le lingue”.  Le buone opere non cancellano o rimuovono quelle cattive! Nessuno sforzo o pratiche religiose (battesimo, culti, preghiere, eucaristia, ecc.) rimuovono i peccati! Dio non agisce pesando le nostre opere su una bilancia: se le buone opere sono di più delle cattive allora il peccato viene cancellato! Basta un solo peccato per condannarti! 
Romani 1:18: "L'ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l'ingiustizia". Così anche Romani 6:23 dice: "perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore". Le opere non rimuovono la colpa dei peccati così poi ci si può vantare. (Efesini 2:8-10). Solo Gesù rimuove i peccati! (Giovanni 1:29; 1Giovanni 1:7; Apocalisse 1:5).

La religione non cambia la natura peccaminosa dell’uomo.
Molti pensano che, migliorando il proprio comportamento seguendo una religione, si possa cambiare la nostra natura umana. Il comportamento è la conseguenza di quello che abbiamo nel cuore. Proverbi 4:23: "Custodisci il tuo cuore più di ogni altra cosa, poiché da esso provengono le sorgenti della vita". Così anche Matteo 15:17-20 ci dice che il problema risiede nel cuore, cioè la sede dell’interiorità di ogni persona. 
C. S. Lewis: “Nessuna disposizione intelligente di uova marce farà una buona frittata” . Se il cuore è marcio lo saranno anche le azioni! Per natura il cuore di tutti gli uomini (tranne Gesù) è completamente corrotto, questo significa che i nostri pensieri, emozioni, coscienza e volontà, sono completamente contagiati dal peccato! Quando Dio scruta il cuore degli uomini vede che ogni parte (sentimenti, volontà, mente, coscienza e volontà) è danneggiata e corrotta dal peccato! L’uomo e la religione non possono fare un cambiamento della natura peccaminosa. Il cuore è insanabilmente maligno! 
Geremia 17:9: "Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo?" Così anche in Giobbe è scritto Giobbe 14:4: "Chi può trarre una cosa pura da una impura?" Nessuno. Ecco perché Gesù è venuto, per renderci delle nuove persone non da fuori, ma da dentro mediante l’opera dello Spirito Santo! (2 Corinzi 5:17; Tito 3:4-5; Ezechiele 36:24-27). Pertanto la religione è di nessuna utilità, solo Gesù rende favorevoli a Dio, purifica da ogni peccato e rende nuove persone in virtù del Suo sacrificio per i credenti che si sono ravveduti. (Atti 20:21). Credi tu in Gesù? Ti sei ravveduto dei tuoi peccati?

Domande
1) Perché la religione non è utile?
2) Chi ci rende favorevoli a Dio?

Bibliografia.
Didier Julia, Dizionario di filosofia, Gremesse editore, Roma, 1989.

Ferguson, S. B., & Packer, J. (2000, c1988). New dictionary of theology (electronic ed.). Downers Grove, IL: InterVarsity Press.

John Blanchard, Accettato da Dio, E.P. Edizioni, Palermo, 1979.

John Blanchard,  The Complete Gathered Gold, A treasury of quotations for Christians, Evangelical Press, 2006. Database 2007 WORDsearch Corp.

John Blanchard, Domande di fondo, Edizioni Voce della Bibbia, Formigine Mo; 1989.

Josh MacDowell e Don Stewart, Risposte alle domande spinose degli atei, edizioni centro biblico,Casoria, NA, 1993.

Water, M. (2000). The new encyclopedia of Christian quotations. Alresford, Hampshire: John Hunt Publishers Ltd.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: