Passa ai contenuti principali

In che senso e in che misura la Bibbia è la Parola ispirata di Dio?


In che senso e in che misura la Bibbia è la Parola ispirata di Dio?
Il versetto chiave della dottrina dell’ispirazione si trova in 2 Tim.3:16-17 che dice: "Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia,  perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona".
Lo studioso Renè Pache ha una buona definizione di cosa è l’ispirazione. “L’ispirazione è l’influenza determinante esercitata dallo Spirito Santo sugli autori dell’Antico e del Nuovo Testamento, che fa sì che essi annunzino e redigano in maniera esatta e con autorità il messaggio ricevuto da Dio. Questa influenza si è estesa fino all’uso delle parole per preservarle da qualsiasi errore ed omissione.”
Quindi l’ ispirazione è  l'influenza esercitata di Dio su gli scrittori della Bibbia, permettendo loro di trasmettere la  rivelazione di se stesso in forma scritta senza errori.Dio non ha parlato da solo, ma per mezzo degli uomini guidando le loro parole.
I profeti e gli apostoli non furono  che organi di cui si servì Iddio. Gli uomini che scrissero la Bibbia affermano che i loro scritti furono ispirati  da Dio  soprannaturale. La Bibbia, soprattutto dell'Antico Testamento, abbonda di affermazioni come: "Così dice il Signore: ...", "La Parola del Signore mi fu rivolta, dicendo ...", e affermazioni simili. Nei libri profetici (Isaia, Geremia, ecc.) ci sono più di 1.300 citazioni di questo tipo ! Nei libri storici (Samuele, Re, Cronache,ecc.), ci sono oltre 400 citazioni. Negli scritti mosaici (Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio), ci sono quasi 700 citazioni del genere. Quasi la metà di tutto il libro dell'Esodo, è costituito da istruzioni e prescrizioni riportate come citazioni dirette della voce di Dio stesso. Complessivamente ci sono oltre 2.600 di queste rivendicazioni dirette di ispirazione nell’Antico Testamento. Il popolo ebraico al tempo di Cristo credeva sulla divina ispirazione delle Scritture dell'Antico Testamento, e questo è stata una convinzione fondamentale in tutto il loro pensiero, infatti loro accettarono pienamente ed esattamente gli stessi libri dell’Antico Testamento che abbiamo noi oggi, come ispirati da Dio e quindi autorevoli.
Gli scrittori del Nuovo Testamento accettavano l’ispirazione dell’Antico Testamento, noi vediamo che gli citano l’Antico direttamente più di 320 volte e facendo centinaia di allusioni. Con queste citazioni si presume l’autorità divina e assoluta! Ma di particolare importanza è l’atteggiamento che ha il Signore Gesù Cristo verso l’Antico Testamento , il valore che dà alle Sacre Scritture. In Giov.10:35 dice: "la Scrittura non può essere annullata". Gesù in Matt.5:17 dice: "Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire ma per portare a compimento". 
Gesù credeva a tutto l’Antico Testamento  (Luca 24:27,44-46). Ancora più interessante, se vogliamo è il fatto che Gesù abbia citato parti dell’Antico Testamento messi in ridicolo dagli scettici.  Gesù ha citato, ovviamente credendoli veri e autorevoli: il racconto della creazione dell’uomo citando i capitoli 1 e 2 di Genesi nel Vangelo di Matteo (Matt.19:24), ha fatto riferimento al diluvio (Matt.24:37-39). Ha citato la distruzione di Sodoma (Luca 17:26-32), la manna (Giov.6:31-35); i miracoli di Elia (Luca 4:25-27); Giona e i Niniviti (Matt.12:40-41,ecc,ecc.). 
Per quanto riguarda la natura dell’ ispirazione, l’ispirazione va con la rivelazione, Dio si è rivelato e parlava attraverso i profeti  molte volte e in molte maniere (sogni e le visioni, contatti diretti,ecc.) dice Ebrei 1:1. Non è il metodo, ma il risultato, dell’ispirazione che è importante. Anche se Dio può aver usato metodi diversi, ha usato lo stile e l’abilità, dello scrittore, ma ne ha guidato tutto il processo come dice 2 Pietro 1:21.
Per quanto riguarda le Scritture del Nuovo Testamento, Cristo aveva promesso ai suoi apostoli sarebbe stati guidati dallo Spirito Santo (Giov.14:26; 16:13-14). 
Gli apostoli erano consapevoli che quello che predicavano e scrivevano era Parola di Dio (Gal.1:11-12; 1 Tess.2:13; Apoc.1:1). Gli apostoli erano rappresentanti autorevoli di Cristo e autenticati dai segni miracolosi (Atti 5:12; 2 Cor. 12:12; Ebr.2:4). La loro testimonianza era orale, ma poi fu scritta e divenne autorevole e normativa nella chiesa alla pari dell’Antico Testamento (1 Tess. 2:13; 5:27; 2 Tess. 2:15; 3:6, 14; 2 Cor. 10:8; 13:10; Ef.3:1–4; Col.4:16; 1 Giov. 1:1–4; 4:6; Giov. 20:30–31. 2 Piet. 3:15–16; Giu.3; 2 Tim. 3:16; 1 Tim.5:18,ecc.).
La parte finale della parola di Dio è l’Apocalisse,la rivelazione di Gesù all’apostolo Giovanni (Apoc.1:1). Questo libro chiude la Bibbia (Apoc.22:18-21).
Come parola ispirata, ritornando a 2 Timoteo 3:16-17 vediamo che in primo luogo indica che la Bibbia è attendibile degna di essere creduta e accettata come Parola di Dio e in secondo luogo che la Bibbia è autorevole, questo implica che deve essere il metro di misura su ciò che dobbiamo credere e non credere e come dovremmo comportarci e non comportarci.

Bibliografia.  
Bill T. Arnold and Bryan E. Beyer, Encountering the Old Testament, A Christian Survey; Grand Rapids, Michigan. 1999.

Henry M. Morris and Martin E. Clark, The Bible Has the Answer,  1976, 1987 by Master Books, Inc. Database , WORDsearch Corp. 2007

Renè Pache,  l’ispirazione e l’autorità della Bibbia, edizione Unione Cristiana Edizioni Bibliche, 1978, Roma

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: