Passa ai contenuti principali

È grave il peccato?


È grave il peccato?
Molte persone (forse anche tu) si chiedono perché nel mondo esistono la malvagità, il dolore, la sofferenza, le guerre e l’odio. Il perché c’è avidità, invidia, orgoglio e crudeltà. Il perché fin da  bambini tendiamo a essere egoisti, a disubbidire e a dire bugie. Qualcuno potrebbe dire che il problema è la società che condiziona una persona, ma la società da chi è formata? Il problema è che fin dalla nascita una persona è influenzata negativamente dal peccato fin dalla tenera età! Noi nasciamo nel peccato come è confermato dal Salmo 51:5:  "Ecco, io sono stato generato nell'iniquità, mia madre mi ha concepito nel peccato".
Così anche il Salmo 58:3: "Gli empi sono sviati fin dal grembo materno, i bugiardi son traviati fin dalla nascita". Non solo si nasce nel peccato, ma si cresce pure nel peccato come confermato da Genesi 8:21: "Il SIGNORE sentì un odore soave; e il SIGNORE disse in cuor suo: 'Io non maledirò più la terra a motivo dell'uomo, poiché il cuore dell'uomo concepisce disegni malvagi fin dall'adolescenza; non colpirò più ogni essere vivente come ho fatto'".
Ma il peccato quanto è grave? Molti non si rendono conto di quanto il peccato sia grave, forse pensano di essere peccatori, ma non hanno idea di quello che è in realtà il peccato!

Vari punti di vista riguardo il peccato.
O.J. Gibson elenca cinque concezioni popolari riguardo il peccato:
1. Il peccato non esiste.   
2. Il peccato è ciò che noce a qualcun altro.
3. Il peccato sono le cattive abitudini.   
4. Il peccato è un pensiero sbagliato o un cattivo giudizio.
5. Il peccato dispiace a Dio, ma non è una cosa grave.

Cosa dice la Bibbia riguardo ciò che siamo come peccatori.
Eric Alexander: “Il peccato è non solo un reato che ha bisogno di perdono, è un inquinamento che ha bisogno di pulizia“.

1. L’uomo è completamente rovinato.
L’uomo è completamente rovinato! Il peccato ha invaso ogni parte del nostro essere:il corpo, la mente, i sentimenti, la volontà. Geremia 17:9: "Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e  insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo?" Il cuore la fonte della vita interiore di una nei  vari aspetti, con particolare attenzione ai sentimenti, pensieri, volontà,  e altre aree della vita interiore. 
Il cuore è la centrale operativa delle nostre azioni! (Proverbi 4:23). John Blanchard: “La radice dei tuoi problemi si trova non in ciò che fai, ma in ciò che sei”.

2. L’uomo è completamente corrotto.
Marco 7:21-23: "perché è dal di dentro, dal cuore degli uomini, che escono cattivi pensieri, fornicazioni, furti, omicidi,  adulteri, cupidigie, malvagità, frode, lascivia, sguardo invidioso, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive escono dal di dentro e contaminano l'uomo".
Questo elenco include pensieri, parole e azioni. Questo significa che per Dio ogni peccato è grave. Il peccato è qualsiasi cosa che non corrisponde alla legge morale perfetta di Dio (Esodo 20:1-17; Matteo 22:34-39). 

3. L’uomo è completamente un provocatore.
1 Giovann 3:4: "Chiunque commette il peccato trasgredisce la legge: il peccato è la violazione della legge". Il peccato non è tener conto della legge, è una ribellione attiva o volontaria contro l’autorità della legge di Dio. L’uomo pecca perché vuole , perché decide di peccare,l’uomo disobbedisce deliberatamente a Dio. Il peccato è un allontanamento volontario dell’uomo da Dio! 

Il peccato per Dio è grave.
I nostri peccati sono un’offesa contro Dio perché Egli è perfettamente santo! (Isaia 6:3; Abacuc 1:13).

1. Il peccato è talmente grave che Dio ha mandato il Figlio e lo ha fatto morire per i nostri peccati in croce per salvarci. (Isaia 53:3-5; Romani 3:23-26).
  
2. Dio è un giusto giudice. (2 Timoteo 4:8).
È un giusto giudice che si adira ogni  giorno. Dio non potrà mai essere tenero e nemmeno indulgente verso il peccato e quindi giudicherà il peccato, quindi il peccatore (Salmo 7:11). 

• La conseguenza del peccato è stata la morte per il giudizio di Dio. (Romani 6:23; Ezechiele 18:4).

• La punizione divina è in parte in questa vita.
Notate cosa dice in Giovanni 3:36, che una persona che oggi non si affida a Gesù è sotto l’ira di Dio! Noi vediamo nella Bibbia che la punizione di Dio è anche nel presente a causa dei peccati degli uomini. Come avvenne per esempio a Caino (Genesi 4:15), nel giorno del diluvio (Genesi 6:7), la distruzione di Sodoma e Gomorra (Genesi 19:1-29), per il re Saul (1 Samuele 15:1-29), e ancora tanti altri esempi non solo nell’Antico, ma anche nel Nuovo Testamento Anania e Saffira (Atti 5:1-11,  cfr. 1 Corinzi 11:30-32; 1 Pietro 4:17-18).

• La punizione nel giorno appunto del giudizio.(Romani 14:12; Ebrei 9:27). 
Dio non è Babbo Natale celeste! Secondo color che pensano che Dio sia una sorta di Babbo Natale celeste i peccati degli uomini non sono un problema e Dio alla fine perdona tutti anche senza credere necessariamente al sacrificio di Gesù! Ma ci sarà un giorno per il giudizio in cui Dio giudicherà con giustizia e senza compromettere la Sua santità e giustizia! C’è un solo modo per scampare all’ira di Dio è questo è affidarsi a Gesù! (Giovanni 3:16,36, Romani 5:8-11;1 Giovanni 2:1-2).
Forse ti riconosci in uno di quei cinque punti descritti da Gibson, ma sappi che sei un peccatore come affermato dalla Bibbia: 
Proverbi 20:9: "Chi può dire: 'Ho purificato il mio cuore, sono puro dal mio peccato?'" Se diciamo di essere senza peccato inganniamo noi stessi perché non stiamo dicendo la verità e facciamo Dio bugiardo! Confessa i tuoi peccati a Gesù e Gesù nella Sua fedeltà ti  perdonerà e li cancellerà come quando si cancella una frase o un’operazione scritta con un pezzo di gesso su una lavagna! (1 Giovanni 1:8-10).

Domande.
1) Puoi brevemente riflettere sulla natura peccaminosa dell’uomo?
2) Quanto è grave il peccato per Dio?
3)Perché il peccato per Dio è grave?

Bibliografia.
James I. Packer, Conoscere Dio, Edizione Voce della Bibbia, Formigine, 1973.

John Blanchard, Domande di fondo, Formigine, Voce della Bibbia,1989.

John Blanchard, Complete Gathered Gold, Evangelical Press 2006, WORDsearch. 

O.J. Gibson, I principi della dottrina cristiana, Diffusione della letteratura cristiana, 1989.

Grudem, W. A. (1994). Systematic theology : An introduction to biblical doctrine (490). Leicester, England; Grand Rapids, Mich.: Inter-Varsity Press; Zondervan Pub. House.

Ryrie, C. C. (1995, c1972). A survey of Bible doctrine. Chicago: Moody Press.

Swanson, J. (1997). Dictionary of Biblical Languages with Semantic Domains: Hebrew (Old Testament) (electronic ed.). Oak Harbor: Logos Research Systems, Inc.



Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”. In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore.

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti. Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante. Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle. In questa parabola vediamo in primo luogo: