Passa ai contenuti principali

Dio esiste?


Dio esiste? 
Ci sono molte domande che noi esseri umani facciamo a noi stessi o ad altri, tra le domande che esigono una risposta, non c’è n’è una più profonda e importante come quella se Dio esiste, infatti, molti si chiedono, forse anche tu, se Dio esiste. Dall’affermazione o dalla negazione dell’esistenza di Dio derivano conseguenze più decisive per il pensiero e l’azione che dalla risposta a qualsiasi altra domanda. Dalla conoscenza di Dio dipende il nostro destino eterno.
Giovanni 17:3:  "Questa è la vita eterna: che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo". 
Questa è una domanda importante perché se Dio non esiste non ha senso credere in Lui, sarebbe un’illusione, ma se Dio esiste è di estrema importanza cercarlo e fin quando non lo troviamo saremo senza riposo, con un senso di vuoto interiore grande quando una casa se non di più! Qualcuno potrebbe dire non ci sono prove abbastanza per credere in Dio, “nessuno lo ha mai visto” direbbe qualcuno. Ma benché Dio non si possa vedere, ci sono delle evidenze chiare, perciò chi crede non fa un salto nel buio.
Prendiamo per esempio l’esistenza dell’universo, c’è chi dice che sia un incidente, che sia nato per caso, ma questo fa sorgere molte perplessità e domande.

Riflettiamo sulla teoria del Big Bang, da dove deriva per esempio la materia primordiale? Può un grande Bang creare qualcosa dal nulla? Così anche l’evoluzionismo è inconsistente: come può il nulla evolversi in qualcosa di così complesso e armonioso? Se c’è un effetto (noi esseri umani ed universo) vuol dire che c’è una causa, noi deriviamo da una causa non causata che è Dio. Nessuno può seriamente pensare che un orologio da polso possa esistere senza un artefice intelligente! Così è più credibile che l’universo, nella sua infinita complessità, sia stato creato da Dio e che non sia il prodotto del caso! E come se noi dicessimo che, tutte le parti dell’orologio dopo un grande scoppio, si sono messe insieme formando così l’orologio. Tutte le teorie che non riportano al Creatore si dimostrano fragili!
L’unica spiegazione convincente è questa: "Nel principio Dio creò i cieli e la terra" (Genesi 1:1). John Blanchard dice:  “Il nostro mondo non è il risultato casuale di un gigantesco colpo di fortuna che ha fatto uso di ingredienti che erano là da sempre. Invece, i mondi sono stati formati dalla parola di Dio, così che le cose che si vedono non sono state tratte da cose  apparenti. La creazione ha avuto un inizio, ed è stato Dio a portarla all’esistenza”.
Questo è ancora reso più evidente se pensiamo allo straordinario ordine e disegno dimostrato sempre nella creazione regolate dalle leggi universali che tengono insieme tutte le cose in perfetto equilibrio. Se c’è un disegno e  se ci sono delle leggi, vuol dire che c’è un “architetto” o un legislatore.
Dio è il Signore del cielo e della terra che governa ogni cosa (Atti 17:24; Romani 11:36; Colossesi 1:17). Indubbiamente la prova più forte è l’uomo. L’uomo ha una personalità, fa delle scelte  intelligenti, ha una coscienza e può distinguere fra ciò che è giusto e ciò che non lo è! Quindi ha dei sentimenti come l’amore e la compassione, da dove ha preso queste qualità? Dal caso?dall’evoluzione? L’ha preso da Dio il quale lo ha creato a sua immagine e a sua somiglianza! (Genesi 1:26-27; 2:7).
L’uomo non è frutto del caso è stato fatto in modo meraviglioso dal Creatore dell’universo (Salmi 139:14).

Domande di riflessione.
1)Chi conosce Dio che cosa riceve?



2)Perché il Big Bang non è credibile?


3)Perché è più credibile credere in un Dio Creatore?



4)Rifletti sull’importanza della fede riguardo il nostro rapporto con Dio leggendo Ebr.11:6.
In che modo possiamo piacere a Dio?


Che cosa significa credere in Dio?


Bibliografia:
John Blanchard, Domande di fondo, Formigine, Voce della Bibbia,1989,pagg.4-5.

Paul E.Little, Perché credere?,Vicenza, Edizioni Casa Biblica,1981, pagg.15-17 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: