Passa ai contenuti principali

Dio com'è? Seconda parte.


Dio com’è? (Seconda parte).
“Uno dei grandi bisogni di oggi è una profonda convinzione che Dio è”. (W. Holloway Main).
Noi più di ogni altro, abbiamo bisogno di Dio e fin quanto non cominciamo ad avere un rapporto con Lui, la nostra anima sarà sempre inquieta e senza speranze certe! 
In questo semplice studio vediamo altre caratteristiche di come Dio è!

Dio è Onnisciente (Salmi 147:4-7).
La conoscenza di Dio consiste nella sua comprensione intellettuale della verità. È quella perfezione divina per la quale, in maniera completa e unica, Dio conosce se stesso e tutte le cose possibili mediante un atto semplice e senza fine. Fin dal principio Lui conosce la fine (Isaia 46:10).
Dio conosce ogni cosa, del passato, presente e futuro. Dio ha una conoscenza illimitata!
Nessuno si può nascondere davanti a Lui, tutte le cose sono nude e scoperte davanti i suoi occhi al quale dobbiamo rendere conto (Ebrei 4:13). Dio è Onnisciente!

Dio è Onnipotente (Geremia 32:27).
Per Dio niente è impossibile! Egli può fare a piacimento qualsiasi cosa che sia coerente con il Suo carattere. Dio ha il potere e l’autorità di fare qualsiasi cosa. In altre parole Dio è Onnipotente! Dio possiede la forza per mandare a effetto, senza sforzo e senza ritardi, il Suo eterno proposito nel modo esatto in cui Egli lo ha concepito; Egli possiede l'abilità di compiere le Sue promesse senza compromessi, l'autorità di fare tutto ciò che desidera nel momento quando lo desidera. Non c’è niente di troppo difficile per Dio! (Genesi 18:14).

Dio è Onnipresente (Salmi 139:7-12).
Dio non è limitato né dallo spazio né dal tempo; Egli è dappertutto in qualsiasi momento! Non c’è modo di sfuggirgli. Dio è in definitiva inevitabile. (Geremia 23:23-24).
James Cabot ha detto: “Non possiamo andare via da Dio, anche se possiamo ignorarlo”. Possiamo nasconderci da noi stessi, dagli altri, ma non possiamo nasconderci da Dio dovunque noi ci troviamo. Dio è Onnipresente!

Dio è Sovrano (Salmi 93:1-2).
Egli è l’unico e supremo dominatore dell’universo e niente e fuori da Suo controllo!
Dio regge e governa ogni cosa con la sua  potenza, e di ogni cosa egli determina lo scopo. Egli governa e controlla tutte le cose e nessuno può ostacolarlo, muove tutte le cose secondo i suoi progetti! (Efesini 1:11). Dio fa tutto ciò che gli piace (Salmi 135:6;Daniele 4:34-35).

Dio è saggio (Romani 16:27).
Sebbene la conoscenza e la saggezza di Dio siano strettamente collegate, tra loro esiste una differenza: la conoscenza è teorica, la saggezza è pratica. Tim Shenton dice: “La saggezza di Dio è la sua abilità di scegliere, fra tutte le alternative possibili e con perfetto discernimento, l'obiettivo più alto, e di selezionare e dirigere i mezzi migliori al fine di perseguirlo.” Questo significa che Dio non sbaglia mai! Dio non necessita di consigli né di consensi per quello che decide di fare e fa (Isaia 40:13-14). 
A volte le sue vie sono incomprensibili, non riusciamo a capire il perché di tante cose (Isaia 55:8-9), ma Dio è saggio! La saggezza di Dio è insondabile, le sue decisioni non sono scrutabili, i suoi metodi misteriosi! Dio è Dio!Non possiamo capirlo pienamente! 

Dio è verace.
In Dio non c’è falsità, né infedeltà, né mancanza di coerenza. Dio è sincero e fedele nella sua natura e nelle sue opere, ed è completamente libero da ogni menzogna o frode (Numeri 23:19). 
Egli è il “Dio di verità” (Isaia 65:16). Egli è vero nel suo essere e nei suoi principi; Egli è verace nella sua parola; Egli è vero nella sua fedeltà! Nessuna delle sue promesse cade o rimane inadempiuta! 

Dio è buono. (Marco 10:18).
Egli è buono, buono in se stesso, nella sua essenza, al grado più elevato, ed è il padrone di tutto ciò che è piacevole, eccellente e desiderabile. Da Dio può procedere solo il bene perché non c'è nulla che non sia buono in Lui. Egli esercita la sua bontà in vari modi: amore, grazia, pazienza. Dio è buono, la sua bontà dura in eterno (2 Cronache 5:13). Il salmista ci incoraggia a provare la Sua bontà (Salmi 34:8). Dio darà cose buone ai Suoi figli (Matteo 7:11).
Dio non solo dona generosamente, ma genuinamente, non solo con una mano aperta, ma con un cuore pieno. (John Blanchard).

Con un Dio così:
1) Possiamo fidarci di Lui.
La nostra fiducia in Lui per quello che è, ci libera dalla necessità di trovare spiegazioni per tutto, ci libera dalla depressione e dalla rabbia.

2) Troviamo un grande conforto in Lui.
Che grande conforto saper che Dio esiste, che Lui è! Che grande conforto sapere che Lui si è rivelato! Che grande conforto sapere che Dio è Dio nel modo che è! Non siamo nelle mani degli uomini o della natura,ma nelle mani del Dio Sovrano che è  buono!    

3) Ringraziamolo sempre.
Dio merita il nostro ringraziamento. È una terapia meravigliosa per la nostra anima ringraziare Dio. Il ringraziamento è un fiore che nasce dalle radici dell’umiltà (J. C. Ryle). Il ringraziamento nasce da un cuore umile che riconosce di non meritare nulla da Dio, ma solo i suoi giudizi a causa della nostra natura corrotta e ribelle! 


Domande di riflessione.
1) Qual è il significato dell’Onniscienza di Dio? Cosa suscita in te?
2) Cosa indica la Sovranità di Dio?
3) Quale è la caratteristica che ti emoziona di Più di Dio tra questi attributi?
  
Bibliografia.
Jerry Bridges, Fidarsi di Dio, RnS, Roma,1996.

John Blanchard, Domande di fondo, Formigine, Voce della Bibbia,1989.

John Blanchard, Complete Gathered Gold, Evangelical Press 2006, WORDsearch. 

O.J. Gibson, I principi della dottrina cristiana, Diffusione della letteratura cristiana, 1989.

Shenton, T. Our Perfect God : A Summary of the Attributes of God, One Publications Day Leominster, UK, 2005.

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: