Passa ai contenuti principali

Come può una persona avere allo stesso tempo una natura divina e una natura umana come credono i cristiani riguardo a Gesù Cristo?


Come può una persona avere allo stesso tempo una natura divina e una natura umana come credono i cristiani riguardo a Gesù Cristo?
Uno dei problemi del cristianesimo oggi, è la mancanza di conoscenza delle dottrine ( anche tra i cristiani), come quella di Gesù, è in modo particolare ciò che riguarda la Sua persona, il fatto che avesse due nature: quella divina e quella umana. Per le nostre menti limitate è difficile capire e non possiamo nemmeno comprendere pienamente ciò che riguarda l’Iddio infinito, quindi anche come Gesù potesse avere due nature in un'unica Persona! 
Ha ragione T.C. Hammond quando dice: “Il fatto così unico e impareggiabile delle due nature esistenti in una sola Persona dovrebbe riempirci di meraviglia più che indurci a cercare di analizzarlo.”  Questa è l’unione ipostatica (greco hupóstasis che può significare essere, natura), Gesù Cristo era pienamente Dio e pienamente uomo. Principalmente noi dobbiamo comprendere che prima di essere uomo, Gesù pre-esisteva ed era già Dio (Giov.1:1-3,14-18; 8:58; 17:3-5; Filippesi 2:5-8; Colossesi 1:17; Ebrei 1:2). Al momento dell’incarnazione Gesù è diventato un essere umano (Giov.1:14), alla Sua natura divina è stata aggiunta quella umana. Non è che Gesù Cristo ha cambiato la divinità in umanità, che smise di essere Dio divenendo un uomo, ma la persona divina ha preso su di sé una natura umana. 
Non possiamo comprendere completamente come questo mistero sia possibile, ma non si può escludere, che Dio, essendo l’Iddio Onnipotente Creatore Sovrano, può aggiungere a sé una natura umana e fare in modo di unire due nature in una sola persona. Secondariamente queste due nature, l’umana e la divina non erano mescolate, erano unite senza che nessuna delle due perdesse la propria identità distinta Per l’uomo una cosa del genere è impossibile, ma non per Dio. 
Noi, infatti, vediamo nel Nuovo Testamento, che Gesù a volte opera con le limitazioni dell’umanità (Giov.4:6; 19:28,ecc.) e altre volte nella potenza della Sua divinità (Giov.1:43; Matteo 14:18-21,ecc.). In entrambi i casi, le azioni di Gesù, provenivano dalla Sua unica Persona. 
Sempre il teologo T.C. Hammond afferma:“ Nell’incarnazione le due nature, pur essendo unite, non furono mescolate e alterate nelle loro proprietà, così da far risultare un terzo tipo di sostanza che non fosse né divina né umana.”  Nel credo di Calcedonia redatto nel 451 d.C. venne dichiarata la dottrina delle due nature:“….Uno e medesimo Cristo Signore unigenito, da riconoscersi in due nature, senza confusione, immutabili, indivise, inseparabili, non essendo venuta meno la differenza delle nature a causa della loro unione, ma essendo stata, anzi, salvaguardata la proprietà di ciascuna natura, e concorrendo a formare una sola persona e ipostasi. Egli non è diviso o separato in due persone,  ma è unico e medesimo Figlio, unigenito, Dio, Verbo e Signore Gesù Cristo, come prima i profeti e poi lo stesso Gesù Cristo ci hanno insegnato di lui, e come ci ha trasmesso il simbolo dei padri ”. 
Dunque queste due nature sono presenti in Cristo, sono in perfetta unità, senza mescolanza, divisione, confusione o separazione. Perciò quando pensiamo all’incarnazione, le due nature non vanno mescolate e non dobbiamo pensare che Gesù avesse una natura divinizzata umana o una natura divina umanizzata. Le due nature sono distinte, ma in perfetta unità in un'unica Persona! Come ciò sia possibile è un mistero, ma per Dio comunque ogni cosa è possibile! (Gen. 18:14; Matt.19:26).

Bibliografia 
Got questions?org,  www.gotquestions.org

R. C. Sproul, Now, That's a Good Question Now, WORDsearch Corp,2006.

T.C.Hammond, Aggiungi alla fede la conoscenza, edizioni G.B.U., Roma, 1994. 

Post popolari in questo blog

Isaia 26:20-21: Io resto a casa!

Isaia 26:20-21: Io resto a casa! “Va', o mio popolo, entra nelle tue camere, chiudi le tue porte, dietro a te; nasconditi per un istante, finché sia passata l'indignazione.  Poiché, ecco, il SIGNORE esce dal suo luogo per punire l'iniquità degli abitanti della terra; la terrà metterà allo scoperto il sangue che ha bevuto e non terrà più coperti gli uccisi”.
In questi giorni c’è il decreto del governo e quindi l’hashtag: “Io resto a casa”, o “io sto a casa”, questa può essere un'occasione per approfondire il nostro rapporto con Dio, o per riflettere sulla nostra vita spirituale. Come noi oggi, che dobbiamo rimanere a casa a causa del coronavirus, circa tremila anni fa, per bocca del profeta Isaia, per motivi diversi, Dio disse al Suo popolo di rimanere a casa. Questi versetti fanno parte di un canto di lode dove viene esaltata la salvezza del popolo di Dio e il giudizio sul mondo, sopra gli abitanti della terra, e quindi l’incoraggiamento a confidare nel Signore. Noi nei…

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20).

Dai frutti si riconosce l’albero (Matteo 7:16-20). Dai frutti si riconoscono i falsi profeti. Come fai a sapere se qualcuno è un falso profeta? C'è un modo per identificarlo? La risposta è "sì".  Il modo con il quale possiamo discernere un falso profeta, e quindi anche un falso credente è dai suoi frutti.  Infatti, anche se questo paragrafo è dedicato principalmente agli avvertimenti circa i falsi profeti, è anche una prova per tutti i veri credenti! Gesù al v. 15 esorta il suo uditorio, e quindi anche noi a guardarsi dai falsi profeti i quali vengono in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Ora ci dice che i falsi profeti si riconosceranno dai loro frutti.
Noi vediamo tre aspetti riguardo i frutti: i frutti sono secondo la specie di albero, dimostrano la qualità dell’albero, segnano il destino dell’albero.

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44).

La parabola del tesoro nascosto (Matteo 13:44). Ci sono due parabole del regno, che parlano del regno dei cieli come qualcosa di grande valore: questa parabola del tesoro nascosto e la parabola successiva della perla di gran valore, o del mercante.
Queste due parabole sono molto simili in quanto entrambi coinvolgono un oggetto di grande valore e una persona, ma sono significativamente differenti in altri dettagli.  Per esempio nella parabola del tesoro nascosto viene messa in enfasi il tesoro, mentre nella cosiddetta parabola della perla di gran valore viene messo in evidenza il mercante. La persona della prima parabola non cerca il tesoro, ci s’imbatte, mentre nella seconda parabola della perla, o del mercante, è il mercante che cerca le perle.
In questa parabola vediamo in primo luogo: